CASCIONE e CANZI post PESCARA – PONTEDERA 1-0
24/03/2024
UN BRODINO PER IL DELFINO
26/03/2024

40mila.it ha trasmesso 15 domande al Presidente della Delfino Pescara 1936 Spa, Daniele SEBASTIANI. Alcune gli sono state poste da Pierluigi Vasile – che ringraziamo – durante la trasmissione “A Tutto Campo” del 22 marzo 2024, sul Canale Super J –

Ecco le domande e le risposte, con i fatti e le conseguenti 2 contro-domande di 40mila.it:

  1. DOMANDA: “Darebbe via la Sua quota nella spa, ma a valore zero, se l’acquirente si accollasse l’intero passivo debitorio così com’è? Non trovando qualcuno disponibile a un simile accordo, fino a quale quota dei debiti Lei sarebbe disposto a ripianare da sé, per poi cedere la Sua quota a valore zero?”
    RISPOSTA (1a parte): “Il Pescara, per fortuna a differenza del 2011-2012 quando chi aveva la responsabilità del Pescara se n’è andato via lasciando 27 milioni di debiti senza un centesimo di patrimonio, senza nulla, oggi non è in questa condizione”.
    I FATTI: Presidente, “senza un centesimo di patrimonio” vuole dire VERRATTI, CASCIONE, SANSOVINI, ROMAGNOLI, CAPUANO, BALZANO, etc.? Lei ha detto davvero tutta la verità?
    RISPOSTA (2a parte): “C’è una colonna attiva dove ci sono comunque delle attività che valgono. Vendendo l’attivo e pagando il passivo, credo che ci avanza qualcosa. Quindi, questo problema non me lo pongo nel modo più assoluto: chi vuole fare calcio deve mettere i soldi, come ho fatto e hanno fatto tutti i soci. Non è che può venire qualcuno a dire a me se devo mettere i soldi…
    “.
    I FATTI: Presidente, certo che sappiamo bene che ci sono alcuni beni nella colonna delle attività. Però, Lei ha evitato di dire quali. Allora, ne citiamo alcuni noi come da cifre a bilancio:
      • €7,6 milioni di marchio/brand aziendale,
      • €1,2 milioni di allaccio della rete fognaria del Delfino Training Center (peraltro messo a bilancio come ancora in fase di completamento e collaudo),
      • €1 milione di mobilio e migliorie (anch’esse ancora in fase di completamento) del complesso turistico-ricettizio “EKK Hotel” (che però appartiene ad altri), nonché
      • a €1,2 milioni l’intelligenza artificiale fornita da Contrader.

    Contro-domanda 1: “Che ne dice, è probabile trovare qualcuno che compri questi beni e a tali valori (così da contribuire a coprirci i 20 milioni di debiti che si accollerebbe)?”

  2. DOMANDA: “Perché tesserare ogni anno dai 35 ai 50 calciatori (come da dati di bilancio) invece che ridurne il numero ma permettendosi giocatori di maggior valore?”
    RISPOSTA: “50 calciatori non ne ho avuti mai. Noi ne abbiamo 27. Poi, tanti giovani; e se vuoi cercare di fare i campionati sempre a livelli buoni devi lavorare sui giovani e fare patrimonio. Poi, ci possono essere 10 tesserati che guadagnano €30.000 e altri che guadagano 100. Questa è una politica sana che ti consente ogni anno di fare mercato“.
    I FATTI: Nel bilancio 2023 i calciatori tesserati sono indicti in 37. In quello 2022 sono stati dichiarati in 42. In quello 2021 erano 43. In quello 2020 erano 52. In quello 2019, 36. Nel precedente 51. Dobbiamo continuare noi a ricordarle i numeri che Lei ha firmato o basta così?  Ha detto la verità dicendo “50 calciatori non li abbiamo avuti mai”? P.S.: poi, che obiettivi calcistici assicurino quei professionisti con un lordo annuale di 30 mila euro, lo lasciamo dire ai risultati degli ultimi anni…
  3. DOMANDA: Qual è l’ammontare delle Sue fideiussioni personali a garanzia dei debiti della Società verso le banche?
    RISPOSTA: “Noi non abbiamo debiti verso le banche perché i debiti verso le banche c’erano nel 2012 ed erano 11 milioni e 800 mila. Noi oggi non abbiamo conti correnti affidati. Utilizziamo Banca Sistema, la banca che sconta i crediti di Lega”.
    I FATTI: Per la precisione, nell’ultimo bilancio i Debiti verso banche sono iscritti per €6,5 milioni. Di questi, €4,4 milioni sono debiti verso la Banca Sistema Spa per operazioni di factoring, un milione verso la Popolare di Bari e un altro verso la Banca di Credito Sportivo. Presidente, le pare di aver detto la verità affermando che “non abbiamo debiti verso le banche”?! E si aggiungono poi numerosi altri debiti per un totale di 20,6 milioni di euro.
    RISPOSTA (2a parte): “Le fideiussioni sono relative all’iscrizione al campionato: per quanto riguarda la sola iscrizione sono 350 mila euro che devi dare entro il 20 di giugno di ogni anno. Poi, quando fai una squadra che superi il milione di stipendi lordi, sulla differenza devi garantire lo sforamento e, normalmente, questa il Pescara sta intorno a un’altra ‘milionata’ di fideiussione, che poi va a scalare durante l’anno quando paghi gli stipendi. Per cui, siamo intorno al milione e tre al milione e mezzo di fideiussione bancaria”.

    I FATTI: Bene, ci fidiamo(!) e prendiamo atto che Lei non è “ostaggio” delle sue fideiussioni e che un eventuale acquirente non deve liberarla facendosene carico.
  4. DOMANDA: Siamo consapevoli che come Presidente/Amministratore Lei non è retribuito, ma qual è lo stipendio netto che Le è spettato negli ultimi 12 anni, anno per anno, quale dipendente della Società? Ugualmente, giusto come totale, quanto per gli altri amministratori che nello stesso periodo sono stati anch’essi dipendenti?
    RISPOSTA: “Io non sono né dipendente, né vengo retribuito in nessun modo”.
    I FATTI: Ottimo! Quindi, Lei non prende soldi come Presidente/Amministratore, né li prende come socio (dato che regolarmente non ci sono utili da distribuire, ma perdite), né come dipendente.

Contro-domanda 2: “Come ha guadagnato con il Pescara dal 2012 a oggi?”

L’originale audio completo delle risposte di SEBASTIANI alle domande di 40mila.it

40mila.it
1077 GIORNI di SERIE C, 4525 di PRESIDENZA SEBASTIANI
Condividi su:

Lascia un commento

41 Comments

  1. Solo Pescara ha detto:

    Un harakiri societario programmato da Cullù con l’aiuto di RdG. Nulla di nuovo dopo 12 anni … l’harakiri continua ma questi non sono ancora trapassati. Che zizzità

  2. UK_Dolphin ha detto:

    Ma poi lui e’ anche quello del, se vengono richiesti li vendiamo e del calcio sostenibile. Sostenibile come decrescita felice? Sulla decrescita nessun dubbio, un anno o due e finiamo in D, felice non so. (:wacko:)

  3. UK_Dolphin ha detto:

    Beh il capolavoro di RDG fu quello poi di innestare Sculli , Caraglio e cingiaria varia in una squadra che al momento era fuori dalla zona retrocessione. Risultato: Due punti nelle restanti partite e record ineguagliabile. La sua carriera e’ poi proseguita alla corte di Preziosi prima e Pulvirenti poi.

  4. Harken ha detto:

    UK_Dolphin, è vero che spendemmo un botto (specie di ingaggi fatti dal DS dell’epoca per convincere top player a scendere di categoria o per ingaggiare il capocannoniere dell’altro girone Zizzari) per andare in B alla prima botta ed è altrettanto vero che non si intervenne pur di garantirci una salvezza tranquilla in B come poi fu. Tanto è vero che tutti (da cullù a De Cecco passando per gli altri) decisero che il secondo anno di B fosse assolutamente necessario tagliare gli ingaggi pesanti dei vari Mengoni, Olivi, Bonanni e via dicendo.
    Il progetto giovani + ZZ nacque per quello (anche se un certo personaggio dal naso lunghissimo voleva Calori). Ed è altrettanto vero che un certo elefante volante non riuscì a vendere manco mezzo giocatore ma a fare solo rescissioni con conguaglio, tanto che non riuscimmo a fare una mezza proprietà per mancanza di soldi (leggi Insigne e Immobile). Per questi evidenti meriti sul campo cullù lo confermò DS e accettò addirittura di richiamarlo DS 10 e passa anni dopo nonostante i problemi ferroviari. Ah no è stata la cordata australiana del Catania a imporlo.

  5. UK_Dolphin ha detto:

    Il socio di Autorete (No Cullu’) e’ interessato al pacchetto di maggioranza del Monza. Ci sono i soldi per la scadenza federale del 31/03? Chiedo per la Covisoc.

  6. ilfigliodel36 ha detto:

    MI ha detto mio padre che il Sindaco ha ricevuto una chiamata ma lui non ha parlato con chi chiamava. E poi il Sindaco non ha richiamato chi chiamava. Ma sa che è di uno che rappresenta altri che a loro volta sarebbero interessati a comprare il Pescara. Allora il Sindaco ha deciso di chiamare e informare Sebastiani di non aver parlato con uno che non compra il Pescara ma rappresenta chi forse potrebbe essere interessato a comprare il Pescara. Ma Sebastiani non ha risposto alla chiamata del Sindaco. E quindi Sebastiani non ha chiamato quello che non si vuole comprare il Pescara ma rappresenta chi forse potrebbe essere interessato a comprarlo. Qualcuno ha parlato di qualcosa con qualcuno di ciò di cui i giornalisti parlano? Chiedo per un gruppo whatsapp di giornalisti in cui non c’è nessuno ma tutti fanno distrazione di massa (:mosking:)

  7. antateavanti ha detto:

    Dopo averci fatto scoprire che la matematica è un opinione e che l’unica verità a senso unico esce dalla sua bocca sapete che vi dico ? Mi ha convinto ….ho già fatto il biglietto per Cesena ho comprato la nuova divisa del Pescara calcio edizione sebastianese 1 bandierone di tre metri x 4 due sciarpe e il cappellino peccato non ho trovato le trombette ….(per quelle credo sulla statale troverò qualche scelta ) Sono convinto che Cascione la vigilia di Pasqua ci farà risorgere andando a rovinare la festa ai romagnoli già convinti di farci dai 6 agli 8 gol Stanno già preparando una maxi piadina a forma di B da offrire a tutti i tifosi presenti A noi pescaresi tante pernacchie ma per questo ho comprato pure i tappi per le orecchie Grazie Presidente grazie che ci fai sognare con il tuo bilancio ma soprattutto per la squadra fantastica che allestisci ogni anno tenendoti i migliori e resistendo alle sirene di mercato Un bacione

  8. tusciabruzzese ha detto:

    @harken, assolutamente d’accordo.
    Alla fin fine, possiamo formulare e rigirare le domande in tanti modi, ma la questione rimane sempre quella: “(A) a chi sono andati a finire i ricavi (tramite successiva generazione di costi vari) e (B) da dove ti vengono i soldi che hai messo nelle ricapitalizzazioni o rifinanziamenti alla Società”. La logica vorrebbe che ci sia un collegamento tra le due cose, però è lui stesso che continua ad escluderlo dicendo che (A) i campionati costano e (B) i suoi soldi vengono da altre attività private!
    Sul punto (A), io penso che le domande giuste erano quelle (nn. 3, 7, 11, 12, 13, 14 … cioè) a chi sono state destinate le uscite per spese sanitarie (medicinali), procuratori, altri “professionisti”, marketing, “rappresentanza”, nonché per centinaia di pseudo-calciatori.
    E “seguendo il denaro” (come si dice sui colli di Hollywood), cioè dalla risposta alla (A), non si sa mai che non si arrivi alla (B) …

  9. UK_Dolphin ha detto:

    La gestione Caldora-De Cecco-Lucchesi era stata un po avventurosa, questo si, però ha portato risultati. Ventisette milioni di debiti in tre anni, investiti sulla squadra e passati dalla C alla A con un parco giocatori notevole ed entrate decuplicate.

  10. Max1967 ha detto:

    Se gli è stato attribuito il soprannome Pinocchio un motivo ci sarà eh…

  11. draculone ha detto:

    CAZZARO NATO

  12. pesciarolo ha detto:

    @Nemicissimo è vero quello che dici ma lui rivendica il merito anche della promozione del 2010 quindi si dovrebbe accolare la responsabilità dei debiti al 2011/2012

  13. Harken ha detto:

    @tuscia la questione “guadagni” io la vedo in questo modo.
    La domanda secondo me non è tanto se si è mai stipendiato, di quanto o se ci ha rimesso e quanto. La domanda dovrebbe partire dal fatto che Lussoso ha scoperto che l’attività storica di cullù, il leasing, è stata chiusa nel 2015 (o 2016 non ricordo preciso). Ciò porta ad alcune considerazioni:
    1) Già con l’attività di leasing storica aveva un fatturato (cioè i soli attivi senza le spese) in cui risultava ultimissimo nelle classifiche di “ricchezza” dei vari presidenti che faceva la gazzetta dello sport (non ricordo se arrivava a 5ml l’anno).
    2) Penso sia offensivo ritenere di poter avere i capitali per gestire una squadra di calcio professionistica avendo uno stabilimento balneare (e non è il Twiga, che manco basterebbe) e due campi di padel, cioè molto meno della società di leasing.
    Quindi la domanda da fare sarebbe: ma tu che fatica hai tenuto dal 2016 a oggi, cioè da dove vengono i soldi?
    Domanda correlata e figlia alla domanda delle domande sulla presidenza cullù: dove sono i soldi?

  14. nico956 ha detto:

    Bha io l altra sera l ho sentita tutta l intervista…già dalla prima risposta ha cominciato a dire cazzate che de Cecco se ne andato lasciando 27 milioni di debiti..Allora quell’ anno nn compro nessuno perché insigne immobile e romagnoli arrivarono in prestito il resto era riba dell anno orecedente a gennaio peese nilsen 50 mila euro…poi con il parco giocatori che avevi ..altro che 27 milioni ammesso che fissero ..in piu la vittiria del campionato 20 milioni..allora che racvonti le barzellette….quindi allira quelle situazioni nn erano sistenibili..mo invece che nn abbiamo niente e sostenibile…ma nega l evidenza senza vergogna….

  15. nemicissim0 ha detto:

    Comunque, sul fatto di non aver mai avuto 50 giocatori ha detto la verità. Ne ha avuti anche 51 e 52, ma 50 precisi mai.

  16. nemicissim0 ha detto:

    Pesciarolo e Tuscia… evidentemente intende dire che i debiti erano stati accumulati precedentemente al suo ingresso in società. Quindi, si attribuisce i meriti (promozione) da quando è entrato, ma non i demeriti (debiti) che se esistevano in quella misura erano evidentemente stati fatti dalla precedente gestione. In sostanza: è cascato in contraddizioni ben più abnormi e macroscopiche di questa, che è più o meno comprensibile. (:fool:)

  17. tusciabruzzese ha detto:

    @pesciarolo, vero! OTTIMA!
    (:rofl:)
    E ovviamente nessun giornalista avrà fatto o farà notare questa abnorme contraddizione!
    (:dash:)

  18. pesciarolo ha detto:

    Ma poi non ho capito quando parla dei debiti del 2011/2012 fa intendere che lui non c’entrava niente con la società ma poi si attribuisce i meriti della promozione

  19. ilfigliodel36 ha detto:

    Quanto vale l’allaccio del Poggio alle fognature se il proprietario del Poggio dà il Poggio in affitto a terzi o lo vende a terzi?
    Chiedo per una cordata che vuole sapere se i valori possono diventare zero all’improvviso

  20. alex74 ha detto:

    Ma secondo voi cullu’ va in trasmissioni “nemiche”. Mi fate specie. Ma avete visto la faccia del conduttore quando gli doveva fare le domande scomode? Nerone che lo hanno invitato a fare? Il contraddittorio? E di ché? Sarta sara’ anche un bravo giornalista ma quando c’è da incalzare come si deve quella persona tutti si cacano sotto.

  21. caps ha detto:

    Nessuno Paghera i Suoi Debiti e Nessuno Garantirà di Non Portarlo in Tribunale x i Valori Variabili che Oggettivamente Non Rispondono a Dei Valori Reali . Questa è la Mia Convinzione . Dopo di Che il Sig. Campitelli Ieri Sera a Precisa Domanda , Se Ci Può Essere un Interessamento Verso il Pescara , Ha Risposto : Bisogna Aspettare la Fine Del Campionato e Vedere Cosa Vuol Fare il Gestore . Più Chiaro di Così.

  22. Claudio58 ha detto:

    ma sabato era allo stadio o seguiva la partita dal macchinone parcheggiato belle “vicinanze” , chiedo per dei tifosi SCHIFATI

  23. tusciabruzzese ha detto:

    Per esempio, le due contro-domande qui sopra saranno “svicolate” da Sebastiani dicendo:
    1) “Se esperti professionisti hanno valutato che quello è il valore dei beni dell’attivo, allora chi siete voi per dire che non li vendo a quelle cifre?!” E lì, però, mancherà un intervistatore in grado di controbattere “Guardi presidente che fare valutazioni interne sul valore di ciò che si ha e scriverlo a bilancio non vuole dire che quei valori corrispondono a quelli di mercato! Quindi, non ci venga a raccontare che ci sono davvero quei valori d’attività al momento in cui un acquirente valuta come coprire i debiti!”
    2) “Ci ho rimesso, non ho guadagnato con il Pescara, ho versato quote come socio, ho investito, ho rifinanziato aumenti di capitale. Se ci si guadagnasse ci sarebbe la fila!”. E qui l’intervistatore dovrebbe chiedergli: “quindi lei sta ammettendo che i suoi guadagni degli ultimi 12 anni per l’attività da presidente e amministratore sono transitati fuori dal Pescara! E quali sarebbero? Con quali operazioni trasparenti? E’ normale? Questo non può creare un conflitto d’interessi che eventualmente rischi di finire per impoverire la Società a beneficio solo personale suo?” E incalzarlo su questo dato che non è credibile che da 12 anni ci rimetta con il Pescara …
    Tutto questo non avverrà mai, perché Giornalisti con la “G” maiuscola non ci sono o lui non ci si fa di certo intervistare né li ammette in conferenza stampa

  24. tusciabruzzese ha detto:

    Ha detto bene Harken. Estraggo:
    “Del resto non basta fare le domande giuste. Il tenore delle risposte di cullù (sia queste che quelle del 2014) sono possibili quando l”intervistatore fa le domande … de relato, cioè senza essersi studiato seriamente la questione per poter controbattere ad eventuali vaccate. Ancora una volta si rende indispensabile che chi le propone sappia perfettamente ciò di cui si sta parlando”
    @@@
    Non c’è dubbio! E’ così! Se Sebastiani può dare qualunque risposta, creativa, faziosa, volutamente parziale, addirittura non rispondente ai fatti, ma l’intervistatore non è in grado di accorgersi d’essere preso in giro perché non ha studiato minimamente la materia, è inutile porgli domande, visto che svicolerà sempre …

  25. draculone ha detto:

    Ha paura di rispondere al telefono perché non si sa mai chi ci possa essere dall’altra parte. Intanto vive in macchina pronto all’occasione, a scappare e far perdere le tracce

  26. UK_Dolphin ha detto:

    Sci ma non risponde alla telefonate del sindaco. 😀

  27. vitabiancazzurra ha detto:

    Corleone 3.0

  28. vitabiancazzurra ha detto:

    Indando un aldro mio brododdo e’divendado una golonna della nazionale di sballeddi Io gi gabisgo di ballone mendre voi dade fiado alla bocca e gonsumade le dasdiere Sdo barlando di Bellanova Gui era agerbo E’Ghiaro io guelli brondi non li brendo miga Io gommergio zolo uova e bulcini e se gabida dei bolleddi Io faggio finanza greadiva Gazzo me ne frega dei gambionadi da vingere

  29. soloilpescara ha detto:

    Certo che ci sarebbe da scrivere e non poco, tutti allineati e coperti! Spesso mi chiedo come sia possibile, è come se ci fosse un ente superiore che li obbliga. Probabilmente sarà così, solo il tempo ci dirà la verità.

  30. vitabiancazzurra ha detto:

    Sì la festa dei colli una cosa schifosa ho avuto un conato di vomito

  31. max@max ha detto:

    Servirebbe un servizio fatto dalle iene , che prima di braccare Pinocchio, si studierebbero i bilanci degli ultimi anni .
    Non sarebbe male coinvolgere la Covisoc per chiedere come hanno fatto a fare iscrivere il Pescara se non aveva i requisiti ( coefficienti)

  32. lafestadeicolli ha detto:

    penoso l’intervento di nerone che parla
    di contestazioni strumentali mosse da qualcuno di proposito. ma ndi virgugn?!

  33. lacazzima ha detto:

    Rete Gianduiotto è numero 1 😀 ma anche Rete Farisei non è certo da meno 😀 ma si rendono conto che sono diventati ridicoli? (:dash2:) ma cosa credono che abbiamo i paraocchi come gli asini? Cagnet cocc che fate poco il circo equestre (:laugh1:)

  34. UK_Dolphin ha detto:

    Due precisazioni però. Il totale debiti al 30/06/12 era, a bilancio, 27,8M. Senza patrimonio poi e’ in-commentabile, solo il parco giocatori bastava e avanzava per coprirli tutti, senza contare una serie A più paracadute. Il debito per il factoring con la banca Sistema e’ poi coperto con i crediti da riscuotere per le cessioni depositate in lega. Sarei curioso di sapere quanto vuole, ai tempi di Pavanati, con la squadra ultima in classifica e destinata alla C, aveva sparato undici milioni!

  35. Harken ha detto:

    Più che nella paura credo nel mal di pancia.
    A Pescara ci sono due esigenze diverse, che in alcuni casi si incontrano pure:
    1) mantenersi buono il proprio capo, che spesso è amico del tiranno;
    2) mantenersi buono direttamente il tiranno per poter avere delle contropartite (notizie, interviste, scoop, etc.), in cambio del silenzio sulle questione importanti e della trasformazione in megafono di regime acritico.
    Anche perché, se così non fosse, non si spiegherebbe di cosa avessero mai paura sotto Paterna i nostri giornalisti, visto che si sono comportati ESATTAMENTE allo stesso modo. E sempre allo stesso modo, non si capisce perché in quella settimana di alcuni anni fa Pavanati fu incensato manco fosse il nuovo Messia.

    E questo mi porta alla considerazione solita: dopo cullù ne arriverà un altro, perché sono i servi a creare i tiranni non il contrario, e Pescara questi anticorpi non li ha (a quanto pare manco più nella curva che ci ha messo 15 anni per svegliarsi).

  36. tusciabruzzese ha detto:

    Quindi:
    1) vanta che ci sono beni dell’attivo da vendere per pareggiare i debiti, ma sono allacci a fogne, disegno del logo (marchio), qualche comodino/letto e canotte con forse qualche circuito che trasmette pulsazioni e roba simile. E questa parte varrebbe in totale 11 milioni per coprire i debiti?!?! (:mosking:)
    2) mette così tanti giocatori sotto contratto da non ricordarsene il numero?! (:negative:) O nega deliberatamente la verità dicendo bugie? (:diablo:)
    3) non potrà più frignare per presunte fideiussioni per coprire i debiti verso le banche! (:sarcastic:) Il resto è roba normale, da qualunque presidente di serie C …
    4) E’ FINITO IN UN ANGOLO. HA PRATICAMENTE ESCLUSO OGNI FONTE TRASPARENTE DI REDDITO DALLA SOCIETA’!!! A QUESTO PUNTO QUALUNQUE GIORNALISTA O ASPIRANTE TALE PUO’ CHIEDERGLI “MA SCUSI, ALLORA LEI COME HA GUADAGNATO MILIONI CON IL PESCARA???” (:rtfm:)
    (:cool:)

  37. Solo Pescara ha detto:

    Bersaglio centrato Harken. Infatti i giornalisti a mio avviso non sono preparati per controbattere con dati precisi e fatti, o per paura (di che non si sa) o per mancanza di preparazione. Le riflessioni DOPO arrivano, ma troppo tardi per una risposta precisa alla domanda stessa. Cullù continua a palleggiare di tacco e aggira con risposte che fanno comodo solo a lui.

  38. dolphin ha detto:

    Na freca di chiacchiere e poca sostanza lo manderei a spianà le montagne e le colline di Carpineto della Nora

  39. Harken ha detto:

    “Il Pescara, per fortuna a differenza del 2011-2012 quando chi aveva la responsabilità del Pescara se n’è andato via lasciando 27 milioni di debiti senza un centesimo di patrimonio, senza nulla, oggi non è in questa condizione”.
    Si possono aggiungere ulteriori precisazioni a quanto risposto sopra.
    -I debiti erano 11ml e non 27, come dichiarato sia da cullù che da Iannascoli a più riprese; non a caso, venduto Verratti (14ml), dissero di aver ampiamente ripianato tutti i debiti delle gestioni precedenti.
    – Il Pescara era in una condizione leggermente differente da quella attuale: diretto come un treno verso la serie A (cullù è subentrato intorno a dicembre con il Pescara che già macinava) dove solo di diritti TV ha incassato oltre 25ml. Questo senza contare i vari calciatori citati sopra e la situazione della primavera.

    Questo tenore delle risposte è identico a quello che fece su rete 8 (credo) quando vennero proposte domande fatte dai tifosi e raccolte da forzapescara.com: tante balle e tante domande ignorate.

    Del resto non basta fare le domande giuste. Il tenore delle risposte di cullù (sia queste che quelle del 2014) sono possibili quando l”intervistatore fa le domande col mal di pancia (o perché “costretto” o perché de relato, cioè senza essersi studiato seriamente la questione per poter controbattere ad eventuali vaccate).

    Ancora una volta si rende indispensabile che chi le propone sappia perfettamente ciò di cui si sta parlando: un esempio di scuola sono le interviste fatte da Frost a Nixon, dove riuscì ad incalzarlo e fargli ammettere ciò che era successo nello scandalo watergate. Quello è giornalismo.
    E la nostra esaltazione per una o due domande giuste proposte da chi ne dovrebbe fare a pacchi di continuo la dice lunga sul livello di assuefazione ad un giornalismo servile e prono verso il satrapo che dura da 15 anni.

  40. vitabiancazzurra ha detto:

    Tra l’altro non è manco elegante rispondere dall’auto ma ci dobbiamo meravigliare ancora? Qua manca del tutto la sostanza figuriamoci la forma

  41. lafestadeicolli ha detto:

    ma cussù perchè si collega sempre dalla macchina? l’hanno cacciato di casa?