AMICHEVOLE PESCARA-DELFINO CURI 5-0 – Post gara: SEBASTIANI
27/07/2022
DA DOVE VENIAMO, CHI SIAMO, DOVE ANDIAMO – Il punto sul Pescara
29/07/2022

Ecco una rarità: la maglia da trasferta invernale del Pescara nel campionato di Serie B stagione 1981/82 (foto: Il Nobile Calcio).

Venne indossata, fra gli altri, nelle trasferte di Ferrara (1° novembre 1981, 8ª giornata: SPAL-Pescara 0-0) e di Roma (24 novembre 1981, 13ª giornata: Lazio-Pescara 1-0).

Era in lana a manica lunga, colore blu scuro con fascia verticale sinistra in parte azzurra e in parte blu più chiaro.

Lo sponsor tecnico era Orso d’Abruzzo, ma era la prima stagione in cui il Pescara – allora con Presidente Vincenzo MARINELLI – aveva anche lo sponsor commerciale: la Cassa Risparmio di Pescara e Loreto Aprutino.
La stessa era stata usata come seconda maglia anche nella stagione precedente (1980/81), appunto senza sponsor commerciale (come si vede nella seguente immagine, a Cesena).
Sulla schiena il numero bianco è in flock applicato.

In particolare, con la numero 7 giocò regolarmente l’attaccante 24enne Walter CASAROLI, a Pescara solo per il campionato 1981/82: 34  presenze (di cui 4 in Coppa Italia) e… zero gol!
La stagione fu disastrosa. Tre allenatori si succedettero inutilmente: MALATRASI, TIDDIA, CHIAPPELLA. Il pubblico lasciò lo stadio, salvo un minimo tifo organizzato (qui per la storia del  tifo in quegli anni). Gli 11-tipo erano GRASSI, PRESTANTI, PELLEGRINI, SALVADORI, MARCHI, D’ALESSANDRO, CASAROLI, MAZZARRI (sì, il noto tecnico), SILVA, NOBILI, DI MICHELE. Al termine, la squadra guidata da Bruno NOBILI, ultima con 17 punti, retrocesse in serie C1. Durissima la contestazione, che portò il Sindaco a chiedere a proprietà e dirigenza di assumersi le responsabilità della perdita della categoria cadetta. Venne quindi richiamato Tom ROSATI (qui la sua storia). E arrivò un amico di 40mila.it: Filippo GALLI (qui una nostra “chiacchierata” con lo stesso).

40mila.it

Condividi su:

Lascia un commento

28 Comments

  1. Max1967 ha detto:

    Visti Draculone, 1936 e Madelib sul ponte del mare a farsi le foto con gli abbonamenti.
    I veri tifosi laugh1

  2. johnny blade ha detto:

    Oggi l’annuncio degli australiani. Pare si chiamino. Angus Young’s Brothers ltd.

    Brunori ieri 3 gol alla Reggiana in coppa Italia.

  3. antateavanti ha detto:

    E aggiungo prima di essere rimproverato 😅 che nelle giovanili c’erano altri 2 tecnici uno Edmondo Prosperi grande mezzala del decennio precedente e l’altro se non ricordo male si chiamava Labrozzi .Loro 2 insieme a Catuzzi erano assertori convinti di quel modulo A Zona che in seguito ci avrebbe regalato gioie e spettacolo ma anche cocenti delusioni e goleade subite Chissà se questi tecnici come il primo Zeman a inizio carriera erano stati folgorati dal modo di giocare della mitica Olanda dei Cruyif Neskens etc etc che stravolse un positivo il calcio dalla metà degli anni 70 cin innovazioni tipo il terzino fluidificante e costante Pressing alto Tattica del fuorigioco Senza il libero staccato ma tutti sulla stessa linea difensiva e soprattutto tanto movimento senza palla il vero segreto per far male agli avversari e ritrovarsi in superiorità numerica in fase d’attacco…che tempi

  4. antateavanti ha detto:

    Fra gli altri a quei tempi un giocatore che ammiravo era Claudio Vagheggi (oggi procuratore) magari un po incostante ma da ala sinistra era la dannazione dei terzini ubriacato dai suoi dribbling…anni di Tom prima e il grande Catuzzi dopo, precursore della zona modulo che poi esalto’ il Gale ma che senza gli insegnamenti del tecnico barese a giovanotti sconosciuti quali Rebonato Gasperini Camplone Marchegiani Ronzani etc etc che poi composero la famosa squadra nell’estate dell’86 partiti con le proprie auto per il ritiro improvvisato nelle Marche, non avrebbero forse compiuto quelle imprese magiche successive …peccato che a Pescara le cose durano più o meno come un orgasmo intenso Al massimo.2-3 anni di stella cometa poi si torna nei buchi neri

  5. draculone ha detto:

    Oggi l’annuncio degli australiani

  6. zico ha detto:

    De Martino, come no, l’attaccante. Ricordo benissimo anche Franco Baldini, che aveva piedi educatissimi e non ho ancora capito come mai non fece la carriera che tutti si aspettavano. In seguito mi dissero che da noi era un po’ distratto dalle donne, non so se corrisponde al vero.

  7. chamape66 ha detto:

    Si Tuscia, faceva parte dei 5/6 giocatori che arrivarono dal Bari ,portati da Catuzzi…tra questi anche Franco Baldini che poi ha fatto ottima carriera da DS( se non sbaglio anche al Real Madrid,oltre che Roma)…comunque le maglie in quegli anni non si compravano,ma solo se riuscivi a prenderle quando i giocatori le buttavano sugli spalti,oppure avevi amicizie tra loro,CHE BEI TEMPI

  8. tusciabruzzese ha detto:

    Giuseppe De Martino! Lo avevo rimosso … Eppure un golletto ogni 4-5 partite ce lo garanti se simpre

  9. Max1967 ha detto:

    Le maglie quest’anno ognuno le porta da casa purché siano biancazzurre.

  10. UK_Dolphin ha detto:

    Bella. Bella anche la versione simile bianca con fascia azzurra. A proposito le maglie di quest’anno? Sta aspettando i saldi di fine stagione?

  11. chamape66 ha detto:

    Io e mio fratello abbiamo ancora le maglie di lana regalataci da Ersilio Cerone nell’anno calcistico 1984/85 ! Un cimelio davvero GRANDIOSO…la mia era di Giuseppe De Martino,ve lo ricordate?

  12. biancazzurri ha detto:

    Freekete a lu sole de la Marco’rd va crepate a tutti quint! beach

  13. tusciabruzzese ha detto:

    dolphin, dall’anno dopo. Quello fu l’anno della crisi anche in curva …
    bye

  14. draculone ha detto:

    Johnny laugh

  15. dolphin ha detto:

    Correva l’anno dell’Indiano e di na curva che faceva vide li sorci verdi a tutte le tifoserie tifoserie italiane

  16. caps ha detto:

    Ecco..un Tom Rosati ci Vorrebbe . Na Freg di Cuppin ci Vules Mo’ a Vota Maz..

  17. johnny blade ha detto:

    Ué testina! Aluuuraaa? Ma va a ramassaa el mar!

  18. lufijedigin ha detto:

    Non era di lana: come tutte le maglie di quei tempi era di acrilico.

  19. draculone ha detto:

    “testina”

  20. draculone ha detto:

    1936 sei un “testona” come direbbe Johnny rofl

  21. alex74 ha detto:

    Si è sempre tifato per la maglia ma nel contempo si è sempre aspramente contestato il presidente infame di turno. Un concetto che proprio non ti ci entra in quella testolina.

  22. 1936 ha detto:

    Si è sempre tifato solo per maglia. Anche con presidenti peggiore dell’attuale non importava a nessuno.
    Forza Pescara!

  23. tusciabruzzese ha detto:

    L’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo. A questo punto la renderei obbligatoria anche per gli italiani …
    laugh

  24. madelib ha detto:

    Ricordavo benissimo questa maglia nonché il logo dello sponsor tecnico (un orso), ma non che vi era stato affiancato lo sponsor commerciale (probabilmente aggiunto durante il becero campionato 1981/82…); la stessa maglia (ma con sponsor tecnico “nr”) era stata utilizzata nel precedente campionato di serie B del 1980/81 (allenatore: Agroppi) dopo essere retrocessi dalla serie A insieme con Lazio e Milan (retrocesse su delibera della CAF per il calcio scommesse)…

  25. alex74 ha detto:

    Cazz t’ accund. Hai mai sendito dire Adige’ con la ccendo? Vatt a durmi

  26. biancazzurri ha detto:

    Sci mapperò Alec’s sopra a po ci vo la’ccento. Pò. Accuscì

  27. alex74 ha detto:

    In attesa di pia’ pe lu cul uno dei 3 sturdillit devo ammettere che un po di amarcord ce lo rivoleva.

  28. tusciabruzzese ha detto:

    Maglia di cui non avevo alcun ricordo!
    drinks