PESCARA: L’INVERNO DELLA PRIMAVERA
28/12/2023
LETTERA APERTA AL SINDACO DI PESCARA, di G. Orlando
31/12/2023

Il costo in stipendi della Lega Pro 2023/2024 è stato calcolato in euro 163 milioni, comprensivo di tutti i tesserati (giocatori, allenatori, dirigenti).
La parte fissa, cioè lo stipendio base da pagare regolarmente, è di 123 milioni per l’intera categoria; il resto sono bonus vari.
Il club con il monte ingaggi più dispendioso della Lega Pro è il Benevento con quasi 10 milioni d’euro: la squadra campana è settima nel girone C con 30 punti.
L’Avellino ha una spesa complessiva che supera i 9 milioni. Gli irpini sono attualmente al 4° posto nel girone C con 34 punti.
Segue la SPAL, anch’essa poco sopra i 9 milioni: un club che è al 17esimo posto del girone B.
Supera 8 milioni e mezzo il monte ingaggi della Triestina che, con 39 punti, è terza nel girone A, a 8 punti dalla capolista Mantova.
La spesa totale del Vicenza è di 8,3 milioni, con il club veneto 7° nel girone A (29 punti).
La cifra per il Catania è di 7,5 milioni, con la squadra attualmente decima del girone C.
Il totale di gestione del Crotone è di 6,8 milioni: è sesta nel Girone C.
Il Cesena vanta un monte ingaggi di 6,7 milioni ed è prima in classifica del raggruppamento B.
La Virtus Entella spende nella stagione 6,5 milioni ed è attualmente nona nel girone B.
Tra i 3 e 5 milioni di spesa ci sono 6 club: Pescara; Padova; Potenza; Perugia; Rimini; Foggia.
Sono 11 le squadre con un monte ingaggi che rientra tra i 2 e i 3 milioni di euro: Novara; Mantova; Carrarese; Lucchese; Monopoli; Monterosi; Trento; Cerignola; Ancona; Pro Vercelli; Albino Leffe.
Ventidue squadre hanno un monte ingaggi tra 1 e 2 milioni: Gubbio; Giugliano; Juve Stabia (prima in classifica del Girone C); Casertana; Lumezzane; Taranto; Pineto; Vis Pesaro; Sorrento; Renate; Latina; Turris; Alessandria; Arezzo; Francavilla; Arzignano; Messina; Torres (attualmente seconda in classifica nel Girone B); Picerno; Brindisi; Pro Sesto; Olbia.
Infine, ci sono 10 squadre sotto al milione di euro: Pro Patria; Fermana; Legnago; Pontedera; Fiorenzuola; Sestri Levante; Recanatese; Pergolettese; Virtus Verona e Giana (fonte).

La media è poco sopra i 2 milioni di euro di monte ingaggi per ognuno dei 58 club presi in esame (sono esclusi Juventus Next Gen e Atalanta Under23, a bilancio del rispettivo club che milita in Serie A).

E il totale dei debiti? Pare 90 milioni circa (fonte). Fate voi la percentuale a carico del Pescara?

40mila.it
1115 GIORNI di SERIE C, 4563 di PRESIDENZA SEBASTIANI
Condividi su:

Lascia un commento

21 Comments

  1. madelib ha detto:

    A cullù è andata bene (per il fatto che non sono venute a galla altre cose dalla disputa con l’ex socio…): infatti, se la società socia non fosse nel frattempo fallita, la diatriba sarebbe proseguita in Corte di Appello a L’Aquila e, sulla scorta di quanto precedentemente rilevato anche dal Consulente Tecnico d’Ufficio, oltre che dai legali dell’antagonista di cullù, il “quadro” sarebbe stato tale da mettere cullù nelle condizioni di dover rendere conto dei relativi “magheggi” (tutt’altro che limpidi), con un verosimile seguito anche di altra natura…
    …la sua fortuna è stata che, nel frattempo, la società socia è stata dichiarata fallita e la relativa Curatela non ha avuto interesse (comprensibilmente) a riassumere il giudizio già pendente -interrottosi per intervenuto fallimento- per proseguirlo…

    Sono dovuto essere per forza “criptico”…

  2. 40mila.it ha detto:

    Caro lufijedigin, il totale di tutte le poste contabili da “quando è salito in sella” richiederebbe un’analisi sui bilanci dell’ultima decina d’anni. Però, per un calcolo almeno del totale delle plusvalenze, vedi qua.

  3. antateavanti ha detto:

    Lufijedigine guarda che questo sito da quando esiste la Sebastianese è stato l’unico a fare servizi abbondanti e dettagliati sui bilanci del maraja di colle innamorati ….certo non può sostituirsi a cariche e figure istituzionali eventualmente preposte a….
    Comunque non dimentichiamo che nella diatriba giudiziaria con Iannascoli non è venuto a galla nulla di compromettente quindi come dice qualcuno….Chapeau

  4. lapa ha detto:

    Dionisi si sarebbe il momento di prenderlo sono 15 anni che deve venire qui prima era giovane costoso sano e faceva i gol e quindi non adatto Ora è anziano (solo 38 anni) spesso infortunato e a fine carriera quindi il profilo perfetto per la squadra del magnate prenditoriale .Certo meglio di Vergani è meglio pure mio zio obeso

  5. vitabiancazzurra ha detto:

    Il sindaco non ha tempo è troppo impegnato a rendere bellissima questa città E a conferma di ciò il concerto dei Pohh chi sciccis è un investimento prestigioso e oculato… le buche stradali a colabrodo possono attendere e anche le voragini della Sebastianese

  6. confucio ha detto:

    Perdere Aloi è un peccato. Sebastiani aveva assicurato che trovava l’accordo. Ma Dionisi sarebbe buono.

  7. caps ha detto:

    L,’Agonia Continua e Quando Giunge Un Minimo di Contestazione Arriva L’Intervista Dei 2.Giornalai Preferiti Dove Il Gestore Parla di Ingressi di Nuovi Soci o La Costruzione Del Nuovo Stadio .. Sarebbe Ora Che Il Sindaco Cominciasse a Dire Qualcosa…

  8. lufijedigin ha detto:

    Visto che i conti totali da quando è salito in sella il prenditore non li fa nessuno e che la maggior parte di entrate/uscite sono pubbliche, possibile che qui non ci sia nessuno che sia in grado di riportare le suddette in maniera chiara, per quanto possibile?
    Fra tutti gli avvocati che ci sono qui non c’è un commercialista?
    Un articolo del genere sarebbe veramente interessante….

  9. vitabiancazzurra ha detto:

    Bravo per i kazzi suoi ovviamente

  10. vitabiancazzurra ha detto:

    Bravo AD ARRIVARE FINO AD OGGI coi conti il ragggioniere….Tant’è che si iscrive ogni senza problemi….un altro lo stanavano dopo due tre anni . Ma a do vo y? Nulla è per sempre ne in negativo ne in positivo

  11. UK_Dolphin ha detto:

    Scine ca scine…Ma coprire ogni anno 4-5 milioni di perdita e’ dura pure per un Inbrendidore Inbordande e di successo come il ns. amato presidente. Che fa? Aspetta un nuovo Verratti/Lapadula per “appianare”?

  12. lacazzima ha detto:

    Ciausescu ha dato il suo dictat attraverso la stampa di regime: i tifosi non devono pensare alla società devono solo pensare a sostenere i “ragazzi delle altre squadre” che sostano da noi 🤣🤣🤣

  13. soloilpescara ha detto:

    Non preoccupatevi la giostra sta per iniziare anche questa tornata ci divertiremo

  14. dolphin ha detto:

    IO INTANTO IMPOLPO il resto? Ma che cazz me ne frego 😀

  15. Max1967 ha detto:

    Quindi nulla che già sapevamo.
    Investimenti bassi per poter vincere il campionato e debiti fuori controllo.
    E qualcuno lo considera pure uno bravo con i conti…

  16. Harken ha detto:

    Il Pescara ha circa il 30-33% del monte debitorio dell’intera serie C (60 squadre) da solo. Il famoso “modello” da seguire.

    Resto sempre più convinto che la questione “debiti” sia l’unico e solo argomento di cui si dovrebbe parlare in ogni sede, a partire da giornali e tv. Di fatto è la “madre” di tutte le questioni, perché ragionare sull’abnorme monte debitorio porta inevitabilmente ad una serie di riflessioni e considerazioni, tra cui ne cito giusto alcune:
    1) cullù non è poi così bravo con i gondi visto che non sono poi così apposcdo.
    2) visto il punto 1), si dovrebbe discutere delle reali possibilità di vendita (specie alle cifre richieste), mettendo anche in crisi una certa narrazione presidenziale che non vende solo perché cerca gente veramente seria (salvo poi fare i tentativi con Pavanati).
    3) i compensi dell’emiro e la sua reale fatica, cioè l’abnorme conflitto di interesse che coinvolge il Pescara da parecchi anni.
    4) la madre di tutte le domande: viste le uscite, dove sono (finiti) i soldi?
    5) le reali prospettive economico-finanziarie e sportive che possiamo avere.
    E via dicendo.
    In sostanza verrebbero meno molte delle balle che continuamente l’innominabile propina a reti unificate alla stampa servile, senza nessuna forma di contraddittorio di alcun genere godendo dell’impunità di parola. Ma ciò presuppone una stampa libera e con la schiena dritta, che come sappiamo già dai tempi di Paterna, a Pescara di fatto non esiste.

  17. lusmitch ha detto:

    Lo stipendio presidenziale e’ calcolato ? Se non sbaglio lu disoccupat si paga meglio di un paio di top players …. (:dash:)

  18. draculone ha detto:

    Noi abbiamo un vero imbrendidore sgobridore di dalendi

  19. tusciabruzzese ha detto:

    Lasciamo stare i casi Benevento e SPAL: si sa che quando si retrocede ci si porta dietro alcuni contratti pluriennali gravosi. Anche per questo esiste il “paracadute”, di cui entrambe le squadre hanno beneficiato. Anzi, complimenti semmai a Perugia e Cosenza, anch’esse fresche di retrocessione, per essersene liberati.
    Quel che conta per noi tifosi sono semplicemente quei 2-3 milioni di differenza rispetto al Cesena. E dopo oltre 100 milioni di plusvalenze, NON POSSIAMO TOLLERARE CHE MANCHINO QUEI 2-3 MILIONI IN PIU’!!!
    Ci avrebbero consentito di tenere Lescano e prendere e retribuire altri 3 giocatori fuori categoria (ad es. a centrocampo) per vincere un campionato non difficile.
    PER CUI, RI-CACCIA DALLE TUE TASCHE PRIVATE QUEI POCHI MILIONI CHE SERVONO A TORNARE IN B! NON CI SONO SCUSE!
    (:rtfm:)

  20. madelib ha detto:

    Sottile ironia del finale dell’articolo…
    Sparàgn’, sparàgn’, ma, non si sa come, i debiti della “Cullunese” sono ipergalattici rispetto a quelli delle altre e proporzionalmente di una percentuale abnorme rispetto all’ammontare di quelli portati da tutte le squadre…

  21. ilfigliodel36 ha detto:

    Siamo quarti come monte ingaggi e siamo quarti in classifica. Sarà un caso? Chiedo per i conti che tornano