CURVA NORD A PORTE CHIUSE! La Lega Pro precisa…
16/11/2023
SPALLE AL CAMPO
19/11/2023

Riceviamo e pubblichiamo – 

Buon Compleanno ai “primi nove” pionieri del 1976, e ai loro cinquanta eroici seguaci, che hanno creato tutto … non da zero, ma da sottozero poiché, come in ogni fondazione, è stato necessario demolire il “vecchio”, prima di iniziare la costruzione del “nuovo”. Gratitudine infinita per tutti loro, oggi diventati padri, in molti casi anche nonni, ma rimasti sempre e per sempre i “Ragazzi del ‘76” nel cuore, nell’animo e nello spirito.

Buon Compleanno ai “superstiti” di inizio Anni Ottanta, che hanno ereditato un Pescara Rangers sullo scivolo verso la “fine”. Soli contro tutto e tutti, quasi dimezzati nei numeri ma non certo nel Coraggio e nella Volontà, hanno pazientemente restaurato tutte le “crepe”, assicurando il futuro al nostro Nome fino a riportarlo sull’altare che gli compete.

Buon Compleanno alla seconda generazione di fine Anni Ottanta, che ha avuto il Destino di trovarsi nel pieno del “miracolo Galeone”, da cui trarre l’incredibile forza necessaria per donare alla Storia di Pescara la Curva Nord più spettacolare in assoluto mai vista all’Adriatico, per numeri, passione e ricchezza scenografica.

Buon Compleanno alla Vecchia Guardia, che si è caricato sulle spalle il pesante compito di traghettare il Pescara Rangers dalle irripetibili emozioni del vero Calcio alla “freddezza” materiale della sconquassata modernità, riuscendo tuttavia a conservare intatte le radici dell’Impero che da 47 anni domina il tifo dell’Adriatico; e non solo.

Buon Compleanno al Pescara Rangers del Terzo Millennio, i cui protagonisti sono nati all’ombra di una paurosa decadenza, disseminata di sconfitte, retrocessioni, umiliazioni e la Vergogna del fallimento, senza aver mai potuto fare esperienza della Felicità che comporta “l’abitare i piani alti” del calcio italiano. Inevitabile, perciò comprensibile, che abbiano maturato una mentalità perdente, rassegnata, priva di ambizioni, eppure hanno mantenuto l’Indiano dentro il campo della Dignità e del Rispetto; va tutto a loro merito.

Buon Compleanno al Pescara Rangers che ha lottato … che ha lottato H24 per intere settimane … che ha lottato a Palazzo di Città, dentro il Tribunale, sotto il Promenade … Che ha lottato con i fatti!… a Difesa della nostra Bandiera contro la devastazione portata da Paterna, Pincione, Ethafin e Soglia. A Difesa della nostra Bandiera sventolata per nove mesi a Vasto. Mentre tutt’attorno a noi ci sghignazzavano sul collo e ci ricoprivano di ogni pesantissimo sberleffo.

Buon Compleanno al Pescara Rangers “sezione Paradiso”, dove tutti i nostri fratelli, che hanno lasciato in anticipo questo mondo, si sono ritrovati in una Curva “Celeste”; non per niente il colore ottenuto dall’unione del Bianco e dell’Azzurro. E potranno contare sulla ineguagliabile guida organizzatrice di Angelo Manzo, a tutti gli effetti il “padre” di una favola vera, ora consegnata all’Eternità.

Avanti Pescara Rangers, dunque! A testa alta, schiena dritta e cuore ricolmo d’Amore Biancazzurro, verso il 50° Anniversario ormai all’orizzonte; traguardo che pochissime e ben più blasonate tifoserie italiane potranno vantare.
E’ l’ultima Appartenenza che ci resta.
È l’ultima nostra ragione di Onore e Gloria.
Giacché la “distruzione fattasi persona” ci ha tolto tutto il resto, ributtandoci nell’umiliante mediocrità che avevamo abbandonato 50 anni fa, ma oggi ricomparsa come il peggior fantasma dei nostri incubi.
Non basteranno dieci campionati consecutivi in Serie A per riconquistare lo splendore perduto, anche e soprattutto a causa di un assordante silenzio complice; poiché mentre la nostra voce urla, la nostra azione tace.
Ma il “figlio della distruzione” passerà.
Mentre il Nome del Pescara Rangers resta inciso a fuoco sulle gradinate dell’Adriatico; e nessuna mano dell’uomo potrà mai cancellarlo.

Buon 47° Compleanno a tutti indistintamente. Tranne che a cullù.

Gabriele (“Gaby”) Orlando
P.S.: nel ringraziare “Gaby” Orlando per il suo contributo, precisiamo che il contenuto rappresenta sempre e solo un’espressione dell’autore e non impegna il punto di vista del sito 40mila.it. Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare a tutti i tifosi biancazzurri che questo sito “appartiene” ai tifosi stessi della Pescara Calcio: sono pertanto benvenute proposte di ulteriori contributi. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

 

40mila.it

1115 GIORNI di SERIE C, 4563 di PRESIDENZA SEBASTIANI

 

Condividi su:

Lascia un commento

19 Comments

  1. tusciabruzzese ha detto:

    “La rosa è giovane, serve tempo”. FAI CON COMODO, SERENO, TRANQUILLO. TANTO SIAMO IN SERIE C. VA BENE COSI’, CON CALMA, OBIETTIVO CAMPIONATO TRANQUILLO, NO?
    “Dopo 13 partite possiamo dire con certezza che nessuna delle avversarie ci ha messo sotto”! (:rofl:) DOPOTUTTO ANCHE TU PUOI ALZARE IL GOMITO ALMENO IL SABATO! (:rofl:)
    “I risultati negativi: Incide fortemente l’atteggiamento rinunciatario delle squadre che abbiamo affrontato”. PROTESTIAMO PRESSO LA LEGA!!! AVANTI, COMPATTI! E CON LA TUA PER ELIMINARE I PULLMAN!! (:aggressive:)
    “Sono fiducioso” … ANCHE NOI! ASPETTEREMO IL CAMBIO MISTER, POI MAGGIO E QUINDI VALUTEREMO IL MERCATO ESTIVO E POI ASPETTEREMO LA CESSIONE DELLE QUOTE … E VIA CON UN NUOVO CICLO. E’ TUTTO A POSTO, PRES!
    “Il mercato di gennaio? Prematuro parlarne”. INFATTI, SALTIAMO DIRETTAMENTE AL CAMBIO MISTER, PRES!
    (:bad:)

  2. alex74 ha detto:

    Dopo l’ ultima intervista dell’ invasato sono fortemente convinto che sta gente va lasciata sola. Stadio vuoto l’ unica soluzione nell’ attesa di un fallimento più che imminente.

  3. nemicissim0 ha detto:

    Il direttore di un quotidiano sportivo, che si auto definisce “allegriano” ha detto che se Allegri va ad allenare il Pescara (intendendo il peggio del peggio) diventa tifoso del Pescara. Grazie Sebastiani per aver trasformato il Pescara nel paradigma della squadra di merda.

  4. tusciabruzzese ha detto:

    Scusate se d’ora in poi, ogni giorno, posterò queste parole di Gaby:
    “Giacché la ‘distruzione fattasi persona’ ci ha tolto tutto…, ributtandoci nell’umiliante mediocrità che avevamo abbandonato 50 anni fa, ma oggi ricomparsa come il peggior fantasma dei nostri incubi. … anche e soprattutto a causa di un assordante silenzio complice; poiché mentre la nostra voce urla, la nostra azione tace”
    STANDING OVATION!
    (:hi:)

  5. lecote ha detto:

    Non si deve dimenticare il grande Sergio De Renzis,prese in mano la Curva in un momento difficile,dove sembrava che tutto poteva finire. Quasi da solo accompagnò i ragazzi verso il boom del 1986/87, e purtroppo ci lasciò prima di tutto il bello che venne dopo

  6. guerriero ha detto:

    ANGELO MANZO CIRO ORLANDO MARCO MAŹZA MARCO CASIMIRRI STEFANO PARAVIA L’IMPERO CONTINUA PESCARA RANGERS PATRIMONIO DELLA CITTÀ DI PESCARA

  7. dolphin ha detto:

    Una storia che vivrà per sempre nei cuori di tutti i pescaresi, NOI SIAMO PESCARA dedico questa canzone a chi non c’è più…..[ Quando il Pescara magico sotto la nord verrà si innalzerà nel cielo il boato degli ultrà alè alè
    alè alè ] GABY SEI UN GRANDE 🤍💙💪💪

  8. tusciabruzzese ha detto:

    Apro una riflessione sul parallelismo tra periodi “felici” del Pescara Rangers e periodi “felici” nei risultati della squadra. E’ una riflessione incompleta, quindi chiedo di integrarla con i ricordi di ciascuno.
    Gaby apre con il periodo del “pionierismo”, seconda metà anni ’70. “Hanno creato tutto”, in contemporanea ai 40 mila. Però, anche in contemporanea all’entusiasmo dei risultati, dalla recente serie C alle prime serie A.
    Poi, “lo scivolo verso la ‘fine’” del primo lustro anni ’80, non a caso contestualmente alla caduta della squadra dalla A alla C.
    Quindi, la “seconda” generazione, il secondo quinquennio anni ’80 (pare proprio si andasse con alti e bassi di 5 anni in 5 anni!). “La più spettacolare” ma guarda caso in contemporanea con i risultati del “miracolo” galeoniano.
    Devo continuare o ci siamo capiti? Potrei sintetizzare – esagerando un po’ – con “SOLO PER IL RISULTATO”! Insomma, hai voglia a dire “OLTRE IL RISULTATO”: quella Storia dell’Impero dipende anche dai risultati! Negarlo è da ipocriti o, peggio, da pavidi falsi con se stessi … Sbaglio?
    Lascio a voi proseguire con gli anni successivi, dove forse qualcosa cambia e la Vecchia Guardia ha “traghettato” riuscendo (spesso? talora?) ad assicurare una continuità anche indipendente dai risultati calcistici.
    Velo pietoso sulla “schiena non dritta” di un paio di lustri sebastianeschi … in cui alcuni capi hanno dimostrato di “tenere famiglia” anche loro, e non quella dell’Indiano.
    Sono benvenute correzioni …

  9. benitino1936 ha detto:

    Rispetto per chi non ha mai tradito. Rigetto per quelli di ora

  10. vecchiock ha detto:

    Ringrazio Gaby per gli auguri. Siamo nati tutti Rangers anche chi non lo è più.
    Bellissimo articolo, con dediche mirate a tutti i protagonisti delle varie ere o generazioni di tifosi. Articolo che ben illustra i vari momenti. Sperando in un futuro lungo e radioso.

  11. bummon ha detto:

    Gaby è la STORIA VIVENTE dell’indiano combattente e non lu solit chiacchiaron che vuole fare l’ultrà con il nome di chi ha creato L’IMPERO

  12. confucio ha detto:

    Ci sono articoli molto belli su 40mila.it. Questo era difficile ed equilibrato. Molto bello.

  13. Solo Pescara ha detto:

    Idem – quello che dicono alex74 e nemicissim0. Un augurio che possiamo uscire da questo fosso al più presto e risorgere.
    PS- Vaffanculo Bresidende

  14. johnny blade ha detto:

    Ma giochiamo il 5 dicembre? Booohh ma non ci capisco più un cazzo.
    Gli altri giocano il 18, il 19, il 20.
    Noi il 5 dicembre?!
    Ma voglio bestemmiare..
    Ma che cazzo di campionato è?

  15. nemicissim0 ha detto:

    Alex, concordo. Invece di portare gli esplosivi, potrebbero inventare dei cori… esplosivi, invece delle cantilene sulla riva del mare mi vedrai caricare (pronuncia: GariGare)

  16. alex74 ha detto:

    federico grande rispetto per chi si smazza chilometri però mi permetto di dire, al netto dei tanti anni trascorsi appress allu pescar, che i rangers di ora devono fare un salto in avanti per quel che riguarda la maturità. Cori troppo ripetitivi e che dopo un po annoiano. Secondo me meglio qualche minuto di silenzio e poi cori più secchi. Per quanto riguarda la non contestazione mi sono espresso tante volte e non ci voglio entrare più. Speriamo che questo compleanno porti giudizio

  17. ilfigliodel36 ha detto:

    Circa il doppio più vecchi di me!! (:mosking:)

  18. federico ha detto:

    Buongiorno, scrivo pochissimo, ma vi leggo spesso; oggi mi sento di sottolineare l’importanza dei Pescara Rangers ( e di tutti gli altri gruppi del tifo organizzato del passato e del presente ) che da sempre tifano e girano l’Italia per sostenere i nostri colori. Un pensiero ed un grande applauso a tutti coloro che nel passato e di chi ancora oggi mostra attaccamento a questa squadra ed a questi meravigliosi colori.

  19. madelib ha detto:

    Buongiorno a tutti e sinceri complimenti a Gaby per quanto ha “concepito e partorito” dal cuore biancazzurro, sia con riferimento all’aspetto emozionale (il più bello) sia per quanto attiene al contenuto (una vera, sintetica e sapiente chiosa delle fasi storiche) sia per l’ottima “penna”!

    Leggendo con attenzione il pezzo, si riesce a scorgere, tra le righe, anche una nota di invito a dare giusti onori alla vera essenza del gruppo…, ma dipende esclusivamente da chi può fare i fatti (ammesso e non concesso che lo voglia…): a buon intenditor poche parole! (a tal proposito, però, i fatti, da dodici anni in particolare, stanno finora chiaramente dimostrando che non ci sono capacità né volontà… e non mi riferisco alla persona dell'”innominabile”, che non merita nemmeno d’esser menzionato, non essendo nemmeno al livello di coloro I quali sono stati menzionati, poiché è purtroppo formalmente Pescarese…).

    Dunque, Sebastiani, VATTENE!

    Dunque, “Pescara Rangers”, ridate lustro ai vostri padri e nonni!!!