PESCARA-VITERBESE 1-0: I BIANCAZZURRI PRENDONO I VOTI
23/01/2023
AGENTE di LESCANO: “Non ha chiesto di andar via”
24/01/2023

Pubblichiamo un contributo così come trasmessoci dall’autore –

La sconfitta di Crotone, patita dal Delfino lunedì scorso, ha consegnato agli annali del calcio nazionale l’ennesimo record negativo a tinte biancazzurre, uno dei tanti che questa società sta regalando alla sua tifoseria. Dopo le quattro gare perse la scorsa stagione contro le prime due della classifica finale, Modena e Reggiana, quest’anno siamo già a tre su tre con la nuova coppia, Catanzaro e Crotone. Considerato che la prossima sfida di questo tipo vedrà il Pescara fare visita ai dominatori giallorossi del girone C, ebbene pensiamo ci siano ottime probabilità di riuscire a centrarne otto su otto nell’arco del biennio.

Abbiamo citato questa tragicomica statistica perché ci sembra la migliore risposta da consegnare agli ottimisti dell’eventuale terzo posto finale, in vista dei futuri play off. Per spuntarla alla fine, con questa squadra, non dovrebbe avvenire un miracolo, ma una serie di prodigi uno dietro l’altro. Vero è che la palla è rotonda, come amano appunto ricordare gli speranzosi di cui sopra, ma esiste un limite anche alla geometria calcistica.

Durante la settimana che ha preceduto l’incontro vinto sul filo di lana, domenica scorsa, contro il fanalino di coda Viterbese, i giocatori biancazzurri hanno speso parole al veleno contro sé stessi, accusandosi di non approcciare le partite con la giusta dose di cattiveria agonistica, ripromettendosi di mostrarla fin da subito, al cospetto della cenerentola laziale (!). Le parole non hanno però trovato riscontro nei fatti, che al contrario ci hanno regalato una gara da sbadigli. Il goal al novantesimo del giovanissimo Marco Delle Monache si è limitato a risvegliare i pochi presenti rimasti allo stadio e i telespettatori con gli occhi ormai semichiusi a casa.

A tal proposito un po’ tutti si chiedono per quale motivo il talentino locale non venga preferito allo strano Cuppone, il cui gioco arrembante ma privo di logica regala più danni che benefici, per non parlare degli ectoplasmatici Vergani e Tupta o del desaparecido Lescano. Misteri di un allenatore che dopo essere giunto a Pescara in punta di piedi, era stato forse troppo frettolosamente osannato da una tifoseria desiderosa di riscatto, al punto da non riuscire più a distinguere chi sia meglio di chi, per poi cadere, anche lui come i tantissimi che lo hanno preceduto in questa ultradecennale gestione societaria, in disgrazia e sul punto di un possibile esonero, che lo consegnerebbe quale ennesimo agnello sacrificale al desco di Daniele Sebastiani.

Al momento la classifica di questo tecnicamente scarso girone ci dice che il Catanzaro continua il suo percorso quasi netto verso la serie B, mentre il Crotone si è assestato al secondo posto e il Delfino al terzo, lontano sia da chi lo precede (tredici punti), sia da chi lo segue (l’Audace Cerignola con otto in meno). Domenica prossima la suggestiva sfida con il Foggia, di nuovo fra le mura amiche, con fischio d’inizio alle ore 14:30. Dubitiamo si potrà bissare il successo di ieri se i giocatori non ritroveranno quella foga agonistica, per loro stessa ammissione misteriosamente smarrita da troppe settimane.

Fabio Ros

P.S.: nel ringraziare Fabio Ros per il suo contributo, precisiamo che il contenuto rappresenta sempre e solo un’espressione dell’autore e non impegna il punto di vista del sito 40mila.it. Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare a tutti i tifosi biancazzurri che questo sito “appartiene” ai tifosi stessi della Pescara Calcio: sono pertanto benvenute proposte di ulteriori contributi. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

 

40mila.it

4082 GIORNI di PRESIDENZA SEBASTIANI
Condividi su:

Lascia un commento

3 Comments

  1. antateavanti ha detto:

    Cuppone gioca sempre allo stesso posto e le prime partite il suo lo ha fatto anche se si è visto subito che era uno scencia paje Ora sembra un giocatore di terza categoria . E Colombo ha ribadito che gente così come cavalli selvaggi al galoppo con lui giocheranno sempre anche con una gamba sola. Con questo attacco siamo inguaiati Fra il caso Lescano e i vari Kolay Dellw Monache e Desogus ….bravi quando fra qualche anno saranno pronti e mature per altre società soffriremo a stare anche fra le prime 8 Vergognati Sebastiani anche il tuo specchio la mattina ti schifa

  2. Max1967 ha detto:

    Potrà giocare anche sulla fascia a lui non idonea, ma questo non giustifica prestazioni quasi da ufficio indagini.

  3. tusciabruzzese ha detto:

    Ripeto che finché non vedo Cuppone giocare sulla fascia sinistra a piede invertito, non mi va di giudicarlo fino in fondo. Purtroppo, essendo la squadra al solito costruita male, bisogna per forza lasciare spazio ad altri a sinistra