SCIBILIA E I SUOI ULTIMI MESI DI PRESIDENZA (di G. Lussoso)
08/12/2022
INFO BIGLIETTI MONOPOLI – PESCARA
09/12/2022

Riportiamo virgolettati da varie fonti sull’inchiesta che coinvolge la Juventus S.p.A., nella misura in cui si fa riferimento anche alla Delfino Pescara 1936 S.p.A. – 
“Attorno alla Juve, si legge tra le carte dell’inchiesta della Procura di Torino, c’era – e c’è, sottolineano gli investigatori – una «partnership con società terze» che comporta «opacità dei rapporti di debito/credito». Il processo di determinazione del valore di cessione/ acquisizione dei diritti economici dei calciatori risulta insomma influenzato e dipendente da relazioni pregresse e attuali tra società calcistiche italiane ed estere. I club italiani chiamati in causa nell’indagine sono soprattutto cinque. Sampdoria, Atalanta, Sassuolo, Empoli e Udinese. Ma relazioni erano state annodate dai dirigenti bianconeri anche con «con ulteriori società italiane ed estere, tra le quali: Grosseto, Parma, Pisa, Monza, Cosenza, Pescara, Lugano, Basilea, Olimpique des Alpes, Sion». Sul punto, annotano il procuratore aggiunto Marco Gianoglio e i pubblici ministeri Mario Bendoni e Ciro Santoriello: «Si tratta di rapporti frutto di risalenti relazioni professionali e, a volte personali, tra i dirigenti sportivi e manager dei rispettivi club, che, oltre a porre in pericolo la lealtà della competizione sportiva, presentano un duplice riflesso». Ovvero: «Da un lato, tali rapporti influenzano le operazioni di acquisto/cessione dei calciatori, talvolta concluse a condizioni “di favore”, con corrispettivi apparentemente lontani dal fair value [valore equo, veritiero – ndr] e realizzate perseguendo i rispettivi obiettivi economici e finanziari, a testimonianza ulteriore dell’alterabilità dei valori in discorso». E ancora: «Dall’altro, i rapporti in questione sfociano in rapporti di debito/credito tra le società opachi e non corrispondenti alla rappresentazione pubblica fornita, a testimonianza dell’inattendibilità delle comunicazioni sociali fornite ai terzi» (fonte). “Le intercettazioni trascritte nelle carte dell’inchiesta hanno convinto gli inquirenti che in casa Juve ci fosse un sistema operativo volto a far quadrare i conti con l’ausilio delle plusvalenze, anche in concorso con altri club, con conseguente «opacità dei rapporti debito/credito». La pratica era quella di conferire «mandati artificiali» agli agenti per appianare debiti maturati in anni precedenti per intermediazioni a cui avevano partecipato a vario titolo, anche per il tesseramento di giocatori minorenni per i quali la legge non prevede provvigioni” (fonte).
Fra “le 22 operazioni della Juventus sotto la lente della Procura di Torino… la Juventus cede Edoardo MASCIANGELO in prestito al Pescara il 30 agosto 2019 con un riscatto fissato a 2,3 milioni. Il 24 gennaio 2020 gli abruzzesi esercitano l’opzione (plusvalenza da 1,5 milioni) e nello stesso giorno i bianconeri acquistano BRUNORI per 2,8 milioni” (fonte).

Daniele SEBASTIANI (Presidente della Delfino Pescara 1936 SpA) ha dichiarato: “La cosa proprio non mi preoccupa. I fatti hanno dimostrato che BRUNORI non era un giocatore che valeva poco. Capocannoniere lo scorso anno in C, sta segnando tantissimo sempre a Palermo anche in B. La Juventus ha incassato bei soldini quest’anno dandolo ai siciliani. Questo dimostra quante volte si sbagli valutando un giocatore perché qualche anno fa magari per loro valeva poco quando lo hanno dato a noi; nella realtà invece ha dimostrato di essere un grande giocatore. E’ semplicemente la dimostrazione che fare valutazioni sui giocatori non è così facile. Poi c’è una magistratura che fa il suo lavoro; oggi ascoltiamo le accuse contro la Juve ma aspettiamo anche che i bianconeri si possano difendere” (fonte).
Qui l’analisi anticipatrice di 40mila.it del giugno 2020 sui casi MASCIANGELO e BRUNORI.

40mila.it
4082 GIORNI di PRESIDENZA SEBASTIANI
Condividi su:

Lascia un commento

38 Comments

  1. tusciabruzzese ha detto:

    draculone, Colombo non ha alternative: se prendi di petto i giornalisti fin dall’inizio, come fece Auteri l’anno scorso facendo loro capire chiaramente che non capivano di calcio, ti massacrano, un po’ come solo gli ignorantelli e presuntuosetti reagiscono quando sono feriti nel loro orgoglio e nella presunzione dell’illusione di capire qualcosa da soli.
    Questo nulla toglie al finale già scritto: “sotto Sebastiani” i giornalisti prima o poi accuseranno comunque il mister, sempre per coprire le debolezze della rosa fatta da una Società che svuota e depaupera il patrimonio, calcistico e non.
    Se pensiamo che i 50 mila euro per Mesik rappresentano probabilmente il record dell’investimento stagionale … !!!

  2. draculone ha detto:

    Se devo dirla tutta, mi dispiace per Colombo, visto che un “uomo di calcio” come si definisce lui, non farebbe spot con giornalisti “amici” a dir poco di questa “pseudo-società”. COLOMBO, RICORDATI LE PAROLE DI QUESTO CRETINO, SARANNO I PRIMI A CROCIFIGGERTI PER SALVARE IL LORO “AMATISSIMO” PRESIDENTE!

  3. draculone ha detto:

    Nico, prima o poi tutti i nodi vengono al pettine come vengono alla luce, anche se a distanza di tempo, il tutto organizzato con il supporto della stampa compiacente..VERGOGNATEVI TUTTI.

  4. nico956 ha detto:

    Ma perché questo essere mi dv rovinare le giornate anche se nn c e la partita. ..adesso lui sapeva che Brunori era un giocatore fortissimo…tu e quello altro incapace che avevi messo in panchina nn lo avete fatto mai giocare nel suo ruolo che era centravanti..solo voi due potevarlo fare giocare ad ala….fece una sola partita da centravanti e fece pure gol regolare che gli annullarono ..perché doveva giocare ..quello altro rotto che nn si poteva vedere solo perché prendevi i soldi del minutaggio..ed io che continuavo a chiamare le trasmissioni..chiedendo perché un centravanti come Brunori nn giocasse….adesso sapevi che era forte per quello lo hai venduto alla Juve per due milioni e otto….certo che la faccia nn c e l hai…!!

  5. draculone ha detto:

    Ostaggi della banca degli scafisti

  6. Max1967 ha detto:

    Le banche diventeranno proprietarie della società. E forse sarà una fortuna.

  7. tusciabruzzese ha detto:

    Johnny, e comunque i pop-corn con burro e zucchero stanno a quelli salati come il pop elettronico anni ’80 sta all’hard rock 🎸 anni ’70🙄
    😅

  8. tusciabruzzese ha detto:

    Johnny, ci manca solo che finiamo con l’aggiungerci la cipolla mo’ …
    bad dash2 laugh

  9. tusciabruzzese ha detto:

    nemicissim0, quella che, dietro delle fidejussioni, un giorno le banche possano non trovare nulla – d’intestato al medesimo soggetto – è un classico ben noto …
    Ora, a parte che “s’a da’ vede’” quanto e come si è bravi a rendere irraggiungibile il proprio patrimonio, tu a cosa pensi quando scrivi “le banche gli fanno credito su altri presupposti”?
    unknw

  10. johnny blade ha detto:

    Buoni i pop corn con lo zucchero.
    Come pure il burro.

  11. nemicissim0 ha detto:

    Tuscia, ho la vaga sensazione che quando le banche andranno a bussare per escutere le fideiussioni… personali, troveranno ben poco da escutere. Secondo te, uno che conosce il suo mestiere ha beni immobili, macchine, partecipazioni azionarie o crediti verso terzi che una banca può pignorare? AHAHAHAHAHA… ngi sta nind. Le fideiussioni sono carte vuote, le banche gli fanno credito su altri presupposti. E lui fa pure lu spar’m m’bett che ha messo le firme.

  12. tusciabruzzese ha detto:

    Sci, ormai anche i pop-corn sono diventati LGBTIQA+
    popcorm

  13. Max1967 ha detto:

    Pop corn zuccherati? rofl

  14. chamape66 ha detto:

    Grande redazione! Cioè voi nel giugno 2020 avete descritto al centesimo la ” Giobba” che fece Pinocchio con la rubbentus e dopo più di 2 anni( meglio tardi che mai,eh), esce fuori l’inchiesta? A sto punto sono sempre più convinto che in questa giostra lu cchiu’ pulit te’ la rogna!

  15. alex74 ha detto:

    ddo’ cazz sti a Disneyland?

  16. tusciabruzzese ha detto:

    OT
    Dico io, ma è possibile che in certi posti vendano solo pop-corn zuccherati e non quelli salati???
    bad

  17. alex74 ha detto:

    A me interessa sapere solo se c’è una concreta possibilità che muore male.

  18. draculone ha detto:

    ARDETC LU PISCAR e il calcio giocato

  19. ilfigliodel36 ha detto:

    Mesik prenderà 6000 euro lordi al mese. Se li terrà tutti lui? Chiedo per l’AA.EE. e l’INPS pardon

  20. Max1967 ha detto:

    Quindi per Natale avremo news sui nuovi acquirenti e sul nuovo stadio.

  21. draculone ha detto:

    “STATE SERENI”

  22. ilfigliodel36 ha detto:

    E quando esce il prossimo bilancio? Chiedo per i tifosi commercialisti

  23. ilfigliodel36 ha detto:

    Non manca che si pagano gli interessi sui debiti? Chiedo per le banche

  24. tusciabruzzese ha detto:

    Harken, ma stai scherzando?! Non mi permetterei mai! Dev’essere il tuo inconscio a fartelo pensare! laugh
    drinks

  25. pier66 ha detto:

    Non ziete veri difosi, bisogna andare in gurva a difare la maglia…..mo’ arrivano gli avvocati difensori di cullu’: 1936 e PROFETA….. rofl

  26. Harken ha detto:

    Tuscia, ma stai per caso descrivendo la situazione del Pescara degli ultimi 8 anni? Chiedo per un amico ragioniere dei colli.

  27. tusciabruzzese ha detto:

    …. quindi, alla fine della giostra delle plusvalenze fittizie, finisci per essere “ostaggio” delle banche … E delle fidejussioni personali che hai firmato per tenere in piedi ancora i tuoi debiti con le stesse, sperando che continuino a posporti il rimborso che gli devi …
    E, disperatamente, cerchi nuovi soci con capitali freschi che si prendano in carico le tue fidejussioni … Altrimenti un giorno le banche ti vengono addosso e ti pignorano le ricchezze personali che nel frattempo, di riffa o di raffa, hai accumulato fuori dalla società clacistica …
    Fine della storiella.
    Ma dove l’ho già vista in corso nella realtà?
    mosking

  28. tusciabruzzese ha detto:

    Non entrando soldi con le plusvalenze fittizie, non si è in grado di fare poi i propri pagamenti! Però, occorre per forza fare quelli in scadenza e non posponibili! Allora, non resta che indebitarsi! Con le banche e/o con il fisco e/o con i fornitori.
    Ed ecco come alla fine della giostra delle plusvalenze fittizie si accumulano decine di milioni di DEBITI verso questi ultimi creditori! Il tutto può essere retto dalla Juventus, perché al momento critico i loro soci principali ricapitalizzano “facilmente”. Dove invece non vuoi/puoi ricapitalizzare con i tuoi soldi, quando poi arriva uno di questi tuoi creditori e non hai i soldi in cassa, se vuole ti fa fallire, non aspettando più ulteriormente il rimborso del loro credito …

  29. johnny blade ha detto:

    Rimane sempre un cullú che mischia le carte..
    Da parlare di calcio c’è poco e il resto non è esaltante. Cazzo di schifo. Poi uno si chiede perché la città non va più allo stadio. A fare che? Meglio andare a respirare in via raiale..

  30. madelib ha detto:

    Eccellente esplicazione, Harken!

    È la classica dimostrazione del reale funzionamento del nostro ordinamento giuridico: il principio del garantismo -giusto di per sé, in astratto- è strumentalizzato da chi lo contravviene a proprio vantaggio; spesso, invece, ne paga le spese chi, in realtà, tenta di attenersi alle regole…

    Per tali vicende -e non solo-, dal punto di vista processualpenalistico, sarebbe “bello” se il procedimento fosse di carattere inquisitorio (nel quale è l’indagato/imputato a dover provare la propria innocenza), anziché accusatorio (nell’ambito del quale, invece, è chi accusa a dover provare che l’indagato/imputato ha commesso il fatto…)…

    Sebastiani, VATTENE!

  31. tusciabruzzese ha detto:

    .Perché si fanno tali plusvalenze fittizie se non portano a un reale incasso? Perché pure se non si incasserà mai la cifra “promessa”, la Società venditrice può comunque scrivere in bilancio fra i suoi ricavi annuali (cioè di quella stagione di campionato specifica) l’intera somma, così pareggiando i costi di quella stessa annualità di bilancio. Infatti, il “pareggio” tra ricavi e costi non ha nulla a che fare con il contante che circola o meno, ma è un calcolo sui soli valori “contrattuali” di compravendita.
    Nell’ottenere tale pareggio “virtuale”, però il problema è che, come detto, non entrano soldi ….

  32. tusciabruzzese ha detto:

    La plusvalenza fittizia si ha quando ti metti d’accordo con un’altra Società perché quest’ultima ti compri un tuo giocatore a un valore chiaramente esagerato/fuori mercato. Ovviamente, l’acquisto non verrà poi saldato, cioè non transitano contanti, per cui il prezzo rimane solo “promesso”, cioè scritto sulla carta

  33. nemicissim0 ha detto:

    Se qualcuno pensa o spera che lo scandalo Juventus possa coinvolgere o avere ripercussioni su Sebastiani, farebbe bene a calare dal pero. Non succede.

  34. Max1967 ha detto:

    La doppia operazione Masciangelo/Brunori forse è la meno indicata per dimostrare qualche irregolarità.

  35. Harken ha detto:

    La plusvalenza fittizia incrociata è legale e nessuno può dire nulla, visto che al massimo è una gestione non esaltante della società: è come mettere la polvere sotto al tappeto, prima o poi ci devi fare i conti, vedi l Inter che si è dovuta vendere Lukaku e Hakimi. È quasi una droga, ti permette di tirare avanti senza problemi ancora un po’ e postdata i problemi finanziari.
    Ci sono però due eccezioni: se sei quotato in borsa come la Juve (noi non lo siamo); se da qualche intercettazione o altro documento emerge che l’operazione era volutamente fittizia (tipo il Chievo).
    Senza una prova che sia stata voluta da cullù come fittizia, è aria fritta, specie su giocatori come Brunori che stanno dimostrando il valore ipotizzato. Cullù ha ragione. Certo è che l abuso delle plusvalenze fittizie non è un modo sano di gestire una società, e prima o poi l innominabile dovrà farci i conti.

  36. tusciabruzzese ha detto:

    … sulla riva del fiume …

  37. madelib ha detto:

    Attendo…