SEBASTIANI: “figuratevi se io voglio restare”!
02/12/2021
RITORNO AL FUTURO, con Daniele SEBASTIANI
03/12/2021

Parla il DS della Delfino Pescara 1936 S.p.A. – 

  • «Grosseto è la mia città e nel Grosseto lavorano tanti amici che meritano di essere arrivati tra i professionisti e che rivedrò con piacere; ma per novanta minuti penserò alla mia attuale Società».
  • «Sarà una partita difficile per noi, lo sappiamo bene. Il Grosseto ha giocatori di qualità sia tra i più anziani che tra i giovani. Ha cambiato modulo: i giocatori si chiudono bene e quando ripartono sono molto pericolosi; questo lo dobbiamo evitare. Mi immagino una battaglia in campo tra due squadre che vorranno i tre punti. Il Grosseto è una squadra che lotta per salvarsi e che giocherà col coltello tra i denti. Lo scorso anno ha fatto un gran campionato. In questa stagione, forse cambiando tanti giocatori, ha perso qualche certezza, ma sono sicuro che alla fine riuscirà a salvarsi. Ovviamente, spero che ricominci a fare punti dalla partita successiva».
  • «Anche noi abbiamo cambiato tanto e dopo una retrocessione il rischio di incontrare delle difficoltà c’era: ma col lavoro sono sicuro che ne usciremo. Sono sempre gli allenatori a rimetterci per primi quando le cose non vanno; ma non è questo il caso: AUTERI resterà il nostro allenatore sino a fine stagione! Fa parte del progetto e la sua posizione non è assolutamente in discussione. Lo stesso vale per questo gruppo di giocatori: ci siamo infilati in questa situazione con le nostre mani e dovremo uscirne con le nostre forze, tutti insieme, seguendo le indicazioni del mister».
  • «E’ un girone durissimo, dove non bastano il blasone e la qualità dei giocatori. Nessuno ti regala niente: se vuoi vincere, devi combattere, metterci gli attributi, senza tanti fronzoli» (fonte).
  • Per RIZZO, «il Giudice sportivo ha fatto quel che doveva. Ha sbagliato e ne pagherà le conseguenze».

40mila.it

 

Condividi su:

Lascia un commento

12 Comments

  1. ilfigliodel36 ha detto:

    Sebastiani per le plusvalenze ha detto «siamo tranquilli, il Pescara ha sempre operato in modo corretto e nel rispetto delle regole». Perché mio padre mi sta chiedendo di ricordargli che soprannome ha Sebastiani? wacko

  2. 433offensivo ha detto:

    Dichiarazioni scontate quelle di Matteassi.

  3. biancazzurri ha detto:

    Esselé. La foto. Su Matt’ e Assì nghe la canotta da muratore. La prossima fatica sù sarcastic

  4. vitabiancazzurra ha detto:

    Under non nuderò

  5. vitabiancazzurra ha detto:

    Ora ne scopro un altro…questo Cerri ex nostro nuderò 17 alla Juve primavera fa faville . Ma quanti ne ha commercializzati e capitalizzati il ragioniere Imbattibile mercante . Mi sembra come quei bancarellari di via pepe guarda caso e forse lui ha attinto da lì le sue arti da venditore seriale di uova . Venghino Vennghino Siori !!! Tutto a 50 /100/150 Mila euro ! Pochi Benedetti e subito è la somma che fa il totale . L’importante è valorizzare e monetizzare i giovani degli altri Del tutto trascurabile e secondario l’aspetto tecnico cioè allestire una squadra Seria ! Avanti Lucro ma daje e daje la cipolla fra un po’ divent aje

  6. draculone ha detto:

    Tutti insieme fino alla fine. Niente più alibi per nessuno

  7. tusciabruzzese ha detto:

    “Auteri fa parte del progetto”?!??! rofl
    Allora è finita per lui!
    bye laugh

  8. Max1967 ha detto:

    L’ectoplasma si fa intervistare a Grosseto?
    Perchè non fa qui queste dichiarazioni così nette e precise?

  9. caps ha detto:

    Si Fermi a Grosseto . Si Vergogni Incapace . Ha costruito un’Immondizia inguardabile ed ha scelto un’allenatore Pluriesonerato . A Pescara ha fallito . Vada Via.

  10. johnny blade ha detto:

    Rizzo paga solo perché è l’ultima ruota del carro.
    Giusto per tirare su un po’ di spiccioli. Povero pezzente.

  11. antateavanti ha detto:

    Avrei fatto una vignetta meno vistosa e celebrante ma più spiritosa e pungente questi non meritano niente manco la copertina del corriere di di Villa raspa

  12. alex74 ha detto:

    Arvatene a grosseto che nfi’ na lir di dann