LA SERIE B ASPETTA IL PESCARA!
18/04/2021
SEBASTIANI: “sulla rosa non mi rimprovero nulla”!
20/04/2021

Molti i retroscena che circolano sulla decisione dell’Assemblea della Lega B di fermare l’intera categoria attendendo che tutti i recuperi vengano giocati, per solo poi riprendere il campionato, il 1° maggio p.v., dalla quart’ultima giornata. C’erano diverse posizioni. Vediamo chi ne esce vincitore o sconfitto. Cominciamo da quest’ultimi:

  • SCONFITTI” – Nessuno ha votato contro (così evitando una perdente contrapposizione) ma certo non risultano d’accordo i quattro astenuti (contro i 16 voti a favore): Salernitana, Reggina, Ascoli e Venezia. Le prime tre sono in un periodo di forma ottimale. La quarta forse contava sulla sconfitta del Monza a Salerno, nel turno che si sarebbe giocato domani, che costringeva i brianzoli a viaggiare di corsa per affrontare i padroni di casa, invece comodamente in recupero fisico (dato che si sarebbe trattato della seconda partita casalinga consecutiva).
    • Il presidente dell’Ascoli Carlo Neri, ha comunque fatto buon viso a cattivo gioco: “Nel comune intento di continuare ad assicurare la regolarità del Campionato di Serie B e la pari opportunità competitiva, si è ritenuto giusto sospendere da subito il campionato per consentire la disputa delle partite da recuperare. Una volta ristabilita fra tutte le squadre la parità del numero delle gare giocate, si disputeranno le ultime quattro giornate. Così facendo, si potranno assicurare ancor più la trasparenza e la regolarità della competizione”.
    • Il DS del Venezia, Mattia Collauto, ha anch’egli espresso un commento equilibrato: “E’ una cosa sensata, anche se noi avremmo voluto giocare subito e sospendere più avanti il campionato, prima delle ultime due, ma ci adeguiamo al pensiero generale. Siamo sereni in merito perché c’è stato comunque buon senso. Non resta che prepararsi al rush finale, che per chi avrà la fortuna di giocare i playoff e arrivare in fondo sarà un vero tour de force, mai visto prima; ma questo torneo è molto diverso dagli altri. Sapevamo in partenza delle difficoltà date dalla situazione mondiale e ci siamo da subito adeguati a queste. Quindi direi che è giusto così”.
    • La Salernitana è invece in silenzio stampa, per protesta contro la decisione dell’assemblea.
  • PAREGGIO” per il Lecce e il Brescia, che hanno votato a favore ma forse obtorto collo. Nel primo caso, il presidente – Saverio Sticchi Damiani – era l’estensore della proposta alternativa, ma ha poi ripiegato votando comunque quella maggioritaria, pur precisando: “questa decisione, da un lato permetterà la contemporaneità delle ultime quattro giornata, con tutti i recuperi effettuati prima dell’uno maggio, ma dall’altro, e speriamo di essere fortunati, non so come potrà essere garantito il recupero di eventuali partite se dovesse accadere qualcosa in queste ultime giornate, peraltro compresse. I tempi per recuperare sarebbero drammatici, visto che poi si disputeranno playoff e playout. Bisogna considerare, inoltre, il termine ultimo per poter disporre dei giocatori Nazionali. Io, invece, avevo proposto di proseguire per altri turni, effettuare i recuperi e poi disputare le ultime due giornate. Certo, questo avrebbe garantito la contemporaneità solo degli ultimi due turni, ma era una proposta più prudente perché avrebbe consentito un maggior lasso temporale per eventuali ulteriori recuperi. In Assemblea mi sono adeguato votando a favore”. Massimo Cellino, alla guida dei bresciani, aveva chiesto di disputare almeno il turno infrasettimanale del martedì, perché già organizzato sul piano logistico ed economico. Risultato: bruciati i soldi per trasferte già organizzate. Viene il dubbio che proprio non ne sia stato entusiasta neanche il DG del Cittadella, Stefano Marchetti: “Se doveva esser sospeso il torneo, e sottolineo il ‘se’ perché sospendere non è mai una bella cosa, è stato giusto farlo adesso e non più avanti, ovvero prima degli ultimi due turni, che avrebbero dato magari un quadro già più chiaro delle cose. La scelta era se fermarci adesso oppure appunto prima delle ultime due giornate. Così si è dato più equilibrio e credibilità al torneo”.
  • VITTORIOSI?” – Il punto interrogativo è d’obbligo dato che alcuni potrebbero aver votato a favore solo perché comunque schiacciati dalla maggioranza. Di certo ha vinto il Monza, il cui presidente Adriano Galliani sarebbe stato il promotore di questo “lodo” e protagonista del cambio di posizione del Lecce. In linea con la… linea vincente anche:
    • il presidente del Pisa, Giuseppe Corrado. Ha così commentato: “La decisione di sospendere il campionato di Serie B per riprenderlo solo quando i recuperi delle partite sospese a causa del Covid saranno stati tutti completati, mi trova assolutamente d’accordo. Questo permetterà di dare la massima garanzia sulla regolarità delle ultime 4 giornate del campionato, mantenendo inalterate le motivazioni di tutte le squadre che potranno, prima di disputare le ultime quattro gare, aver consolidato tutte le stesse partite disputate. In una stagione pesantemente condizionata dalle sospensioni e dai recuperi disputati in momenti troppo lontani dalla data originaria, credo che la decisione della Lega B sia la prima presa nella massima trasparenza e coerenza al fine della salvaguardia della auspicata regolarità della competizione”;
    • il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe. Ecco le sue dichiarazioni: “Ci rimettiamo alla decisione della Lega, che è arrivata anche con il consenso della Federazione. Ci sono tante partite e troppi club coinvolti; lo stop è giusto per dare a tutti la possibilità di rimettersi in pari e ripartire. E’ una scelta sensata. La disparità di trattamento e comportamento è dipesa dalle ASL locali: alcune hanno ritenuto la situazioni di pericolo per la sanità pubblica, altre invece no. Da qui sono stati presi i conseguenti provvedimenti: non sono state le autorità sportive a decidere. Questo aspetto si lega solo alla diversa sensibilità delle autorità preposta al pubblico interesse e alla sanità”;
    • il presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi. “Per me è la soluzione giusta e ponderata, che garantisce regolarità del campionato. Io condivido in pieno la scelta, come ho detto, ma c’era chi addirittura voleva terminare il campionato in anticipo, magari perché non vede la classifica risolvibile: un tempo non c’erano tutte queste richieste nel calcio. C’è stato un peggioramento generale. E’ invece giusto giocare ora tutti i recuperi per avere una delineata situazione quando riprenderà il mini torneo”;
    • il Direttore Operativo della Cremonese, Paolo Armenia. Ha detto che è “la decisione corretta, in modo tale che il campionato possa ripartire alla pari dando a tutte le squadre che devono recuperare delle partite la possibilità di farlo e permettendo al Pescara di terminare la quarantena”;
    • il direttore generale del ChievoVerona, Giorgio De Giorgis. Ecco la sua dichiarazione: “Adesso l’unica cosa che possiamo sperare è che non succeda di nuovo quanto capitato al Pescara”.

E da Pescara? Che si dice? Intanto che non ci sono nuove positività; e che Daniele SEBASTIANI, presidente del Pescara ha dichiarato:

“Noi siamo sempre stati a disposizione di quelli che erano i voleri globali dell’assemblea. I provvedimenti presi sono tutti nell’indirizzo di dare al campionato massima trasparenza e regolarità. Il nostro voto è stato favorevole alla proposta passata, così diamo a tutte le squadre la tranquillità di giocare i recuperi e arrivare in una situazione paritaria al rush finale. So che è un sacrificio da parte di tutti i club, ma sapevamo di incorrere nella possibilità che situazioni di questo genere si presentassero. I rischi c’erano anche se siamo stati tutti ligi alle regole e molto attenti all’applicazione dei protocolli. Ritengo comunque questa scelta corretta nei confronti di tutti i club”.

Si è infine saputo i biancazzurri giocheranno il match del 27 aprile contro l’Entella alle h. 14:00 (mentre Pordenone e Pisa si sono accordate per giocare il 24 aprile alle h. 16).

40mila.it

 

Condividi su:

Lascia un commento

33 Comments

  1. draculone ha detto:

    MAI PER MODA

  2. alex74 ha detto:

    max, quess è la gend tipo profeta, per dirne uno, che si preoccupano tanto della supermerda. Proprio loro che rompono il cazzo a noi dicendo che non siamo tifosi. A loro frega soltanto vedersi la partita in tv la sera. Che sia pescara, milan o barca non importa. Noi che invece teniamo a cuore i nostri colori ci incazziamo con chi li vuole distruggere e stai certo che rimarremo soli. Gli altri andranno dove il calcio che conta li chiamerà

  3. Max1967 ha detto:

    a me della supercazzola non me ne frega niente
    esiste solo il PESCARA!

  4. nemicissim0 ha detto:

    ch’è successo?

  5. draculone ha detto:

    ghombloddo

  6. ilfigliodel36 ha detto:

    Dessena è riuscito a infortunarsi da solo

  7. johnny blade ha detto:

    Fuori i traditori del popolo.

  8. draculone ha detto:

    I doppiofedisti sono due giorni che stanno al settimo cielo

  9. tusciabruzzese ha detto:

    lapa, ho sentito l’amico giornalista sportivo pescarese. Ha detto che gli dispiace ma non può usare le tue fonti. Il suo mestiere, mi ha detto, consiste nel fare il copia-incolla dal sito ufficiale della società. Già non è un mestiere facile così perché deve replicare esattamente la punteggiatura e la struttura grammaticale dell’addetto stampa

  10. alex74 ha detto:

    Comunque hanno detto che ci partecipano ai campionati. Ma facessero tutte le cazzo di leghe che vogliono. Tanto noi sempre e solo lu pescar seguiamo.

  11. lapa ha detto:

    Invece che ne pensate della storia della Superlega Europea…c’era da aspettarselo anche se secondo me è difficile che si realizzi I grandi Club sono grandi aziende e devono fare profitto …a loro di tutte le altre menate nn gliene frega. Tutto sommato se la cosa va in porto non è detto sia negativo in toto. Infatti secondo me in questo se le squadre che vincono gli scudetti sempre loro sempre gli stessi da una vita tranne eccezioni non partecipano ai rispettivi campionati si da modo di emergere alle squadre dal 3′ – 4′ posto in giù che altrimenti non potrebbero mai competere per lo scudetto…Queste ricche società loro se la cantano e se la suonano chi vuol vedere il concerto ….e saranno milioni faranno l’abbonamento alla Pay TV. Come sempre loro fanno leva sul pubblico pecorone

  12. lapa ha detto:

    Tuscia il capostazione di Alanno nn ha il medico curante lui è dottore di se stesso e il suo farmaco salvasaccoccia si chiama Delfino Pescara Calcio Una cura a base di plusvalenze create dal nulla alla faccia dei 4 scemi

  13. tusciabruzzese ha detto:

    Vorrei fare il punto sulla situazione sanitaria: glielo ha ancora ordinato il medico di fare il presidente? O la prescrizione tra poco scade? Chiedo per un amico giornalista
    unknw

  14. johnny blade ha detto:

    Max1967 ha detto:
    19/04/2021 alle 22:02
    Noi invece abbiamo avuto paura di andare in serie A.
    @@@@@@
    Pure io durante i nostri ultimi playoff Pillon. E sicuramente non ero l’unico… laugh

  15. antateavanti ha detto:

    All’ultima giornata magari saremo già da un pezzo matematicamente in serie C oppure ci serviranno 3 punti per fare i play out …per ipotesi all’1% Ma sarebbe bello se le nostre giocatrici ci dessero una piccola soddisfazione in ogni caso…cioe fare uno sgambetto ai salernicani che gli costerebbe la serie A …ma nn mi illudo Cullu pur di farsi prestare un po di giocatori per la C da lotrito ordinerà all’allenatore di schierare la primavera

  16. draculone ha detto:

    Comunque martedì 27 alle 14:00 è il top

  17. Max1967 ha detto:

    Noi invece abbiamo avuto paura di andare in serie A.

  18. tusciabruzzese ha detto:

    Vivere nella paura: i tifosi della Salernitana che sanno che non possono andare in A. Possono solo attendere la partita dei play-off in cui perderanno, inesorabilmente.
    Sinceramente, una assurdità del calcio moderno. Come le squadre B che giocano in C

  19. draculone ha detto:

    La Salernitana avrà un calo pilotato. In A Empoli, Lecce e Monza

  20. Max1967 ha detto:

    Non sarebbe l’unica società con una testa di legno come presidente

  21. vitabiancazzurra ha detto:

    L’ex tifoso della Roma Lotito se l’è presa a male,lui il puro ….se salgono in A voglio vedere cosa combina lui insieme ai suoi compari in lega e in federazione . Conflitto di interesse insostenibile…voglio proprio vedere come può una persona avere due società nella stessa categoria …ci prenderanno per il culo con qualche testa di legno ….? Non ho detto di kkkzzzz

  22. tusciabruzzese ha detto:

    Io sono d’accordo con il progetto Superlega. Infatti lo voglio anche per il Pescara: noi, Bari, Ascoli, Salernitana, Catania, Samb, Foggia, Casertana, Avellino. Andata e ritorno ad eliminazione diretta. Il vincitore vince una Coppa gelato e va a fare quella europea con le squadre che abbiano più daspati e condannati nelle loro tifoserie
    focus

  23. UK_Dolphin ha detto:

    Teoricamente se le strisciate si fanno la loro NFL e vengono escluse dalla FIGC basta arrivare davanti all’Entella per salvarsi. Cmq che zizzita’ …l’anno migliore per sparire e fanculo sto $port di m….

  24. draculone ha detto:

    Ma si stanno allenando individualmente come faceva l’anno scorso Maniero, dentr a lu garage?

  25. caps ha detto:

    Fantacalcio… E se le 3 sorelle strisciate se ne vanno a cascata si liberano 3 posti in A e 3 in B… nin ci si crede blum

  26. Max1967 ha detto:

    le aldre sogiedà non zono sctade daggordo.
    Non gabisgo berghè! A quescto bundo benzo zia un gomblogddo gondro di noi.

  27. Max1967 ha detto:

    ieri gho ghiescto alla federazione di abbligare la glassifiga in ordine ghe alfabedigo.
    Gosì si bodeva ghiudere il gambionato in modo ciuscto ghe demogradigo ber duddi.

  28. nemicissim0 ha detto:

    Che bello quando la tua retrocessione dipende più dai risultati dell’Ascoli che dai tuoi…

  29. biancazzurri ha detto:

    uagliù, ànne fatt’arrajà a Lotirchio

  30. biancazzurri ha detto:

    macs, nti preoccupà, si stann’allenà com’assempre. Mo, se que vo dì che s’allenane, ni sacce sarcastic

  31. Max1967 ha detto:

    sci ma le altre si sono allenate e noi no.

  32. nemicissim0 ha detto:

    Retrocesione extra-lusso

  33. tusciabruzzese ha detto:

    Dopo il contagio si rischiava grosso. E anche il dover giocare 5 turni affilati mentre le altre dovevano farne solo 2 era un bel rischio. Così, altro che di lusso. Ci è andata di extra-lusso, perché il tour de force ce l’hanno tutte, o 4 o 5 partite affilate