6a “LETTERA” DI NICOLA (pre Pescara-Ascoli): RIPARTIAMO DAGLI ULTIMI 25 MINUTI DI CROTONE!
29/02/2020
COMUNICATO PESCARA RANGERS 29.02.2020
01/03/2020

Coronavirus: rinviate 5 partite di A. Si giocherà l’infrasettimanale di B?

Juve-Inter, Udinese-Fiorentina, Milan-Genoa, Parma-Spal, Sassuolo-Brescia rinviate per il coronavirus al 13 maggio.

In tutto il mondo (oltre 200 le emittenti collegate con Torino per il derby d’Italia) avrebbero visto d’altronde un campionato dimezzato: metà partite senza pubblico e un danno d’immagine notevole, non solo per il calcio italiano, ma anche per il Paese. E su questo è stato fatto un appello al governo, che lo ha accolto, da parte di tutto il mondo dello sport.

Certo, il calendario della serie A viene stravolto, ma questa è un’emergenza che chiedeva soluzioni coraggiose. A quanto si apprende dal ministero per le Politiche giovanili e lo Sport, è atteso nel pomeriggio un rapporto aggiornato da parte del Comitato Scientifico. Sulla base dell’andamento dei dati aggiornati, si potrà ipotizzare, per la parte sportiva, una diminuzione dei divieti alle tre Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, consentendo che le partite nelle altre Regioni, a partire dalla prossima giornata, si svolgano a porte aperte (quindi anche Juve-Milan mercoledì di C0ppa Italia). È pero probabile che sarà vietato alle tifoserie provenienti dalle suddette tre regioni di spostarsi per le trasferte.

Vincenzo Spadafora ha espresso soddisfazione per la collaborazione che in queste ore è stata dimostrata dalla Figc e dalle Leghe di calcio, oltre che dal Coni: “l’emergenza a seguito dei casi di Coronavirus in Italia ha costretto il Governo e le altre Autorità a prendere decisioni impopolari, ma necessarie. Decisioni che devono essere modulate e aggiornate in base all’andamento dei dati e ai consigli della comunità scientifica, mettendo al primo posto la salute dei cittadini e cercando, per quanto possibile, di limitare le conseguenze per tutti i cittadini. La valutazione unanime dei vertici del mondo sportivo e calcistico è stata quella di prediligere il rinvio piuttosto che giocare negli stadi vuoti, tenendo conto anche delle ripercussioni a livello di immagine sul nostro Paese e delle difficoltà nella programmazione di turni supplementari in un calendario mai come quest’anno denso di appuntamenti nazionali e internazionali. Decisione autonoma, che come ministro competente ho accolto con favore. Ogni valutazione sulle ripercussioni a livello agonistico di questa decisione compete agli organi sportivi, non certo al ministro dello Sport o al Governo”.

Soddisfatto anche Gabriele Gravina, n.1 della Figc: “dall’incontro col ministro si sono gettate le basi per condividere una linea che ha come obiettivo primario contribuire ad uscire da questo momento delicato, nel massimo rispetto delle indicazioni della comunità scientifica-sanitaria. Il messaggio di gioia e speranza che il calcio può infondere nella comunità, anche internazionale, assume un valore ancora più importante in questo periodo”.

Slitta al 20 maggio la finale di Coppa Italia (ma non si potrà giocare all’Olimpico di Roma, requisito dall’Uefa per gli Europei).

Per Lecce-Atalanta, verranno passati al termoscanner i tifosi bergamaschi.

Rivolta dei tifosi Inter con hashtag #CampionatoFalsato e #FermiamoStaPagliacciata su Twitter: sul piede di guerra per la decisione di rinviare al 13 maggio la sfida scudetto contro la Juventus invece che disputarla a porte chiuse. I sostenitori nerazzurri, tra le altre cose, sottolineano con toni piuttosto accesi la congestione del calendario della squadra di Conte, chiamata già a recuperare la gara contro la Sampdoria a data da destinarsi. Se l’Inter, infatti, dovesse raggiungere sia la finale di Europa League che quella di Coppa Italia si troverebbe poi a giocare in media ogni tre giorni – ben otto partite dal 3 al 27 maggio – oltre a non avere uno slot a disposizione per inserire la sfida contro la Sampdoria.

Intanto, la Svizzera ha chiuso il suo campionato.

La mappa della diffusione in tempo reale

40mila.it

Lascia un commento

3 Comments

  1. draculone ha detto:

    Fino a ieri non si giocava più a porte chiuse. Notizia di adesso , Sampdoria-Verona, domani si gioca a porte chiuse dash2 SIAMO GOVERNATI DA TANTI SEBASTIANI cool

  2. draculone ha detto:

    Siamo governati da pagliacci , si vietano partite in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna e poi fanno andare i tifosi bergamaschi, attraversando l’Italia intera, a Lecce. SEBASTIA’ TU SEI NATO PER FARE IL POLITICO, te lo stanno facendo capire in tutti i modi cool

  3. tusciabruzzese ha detto:

    Scusate l’OT ma riprendo un pezzo satirico da un noto quotidiano nazionale. Come in ogni satira c’è un bello strato di verità: “la Lega calcio comunica che le partite di serie A originariamente previste a porte chiuse per la giornata di oggi sono rinviate al 13 maggio. Quelle di B, sticazzi. Si precisa inoltre che il pericolo di contagio riguarda gli incontri di campionato ma non quelli di Coppa Italia, come ampiamente dimostrato dai virologi della Figc, e dunque Juve-Milan di mercoledì si giocherà regolarmente allo Stadium. Come misura di prevenzione, potranno però assistere all’incontro solo i piemontesi. Che al momento, dati i rilevanti fenomeni di migrazione degli ultimi anni, risultano essere 3: Lapo Elkann, Andrea Agnelli e Piero Chiambretti, che però tifa Toro e dunque ridurrà l’incasso del 33%. Resta invece confermata la regola per cui, come in Lazio-Bologna di ieri, le forze dell’ordine sequestrano la bandiera che ritrae Federico Aldrovandi, il tifoso della Spal massacrato dalle Forze dell’Ordine, mentre il bandierone con Diabolik, il capo ultrà ucciso in un regolamento di conti camorrista, è tollerato. Anzi, consigliato”. Io aggiungerei pure che mentre stasera si sarebbe giocato a porte chiuse per i noti motivi virali, domani sera, se come pare il “Piemonte riapre”, si sarebbe giocato ma con soli juventini (questa la proposta della Juve e della Figc all’Inter): insomma, da qui a domani sera si debella il virus tra gli juventini. Invece, i milanesi rimangono infetti fino a data da destinarsi. Ovviamente, i residenti piemontesi che lavorano a Milano possono andare allo stadio perché godono di una speciale immunità. No so voi, ma io concludo che è bene che questo Paese venga … chiuso definitivamente (e non nel senso delle zone rosse) ….