I BIANCAZZURRI PRENDONO I VOTI
30/12/2019
SEBASTIANI SCARICATO DA PESCARA…
31/12/2019

LA TATTICA – 19° ep. [CHIEVO]: KASTANOS-MEMUSHAJ NESSUNA DIFFERENZA? MEMUSHAJ-PESCARA NESSUNO LI SEPARA?

Il primo tempo del match, in cui – sia detto per inciso – KASTANOS non ha fatto rimpiangere MEMUSHAJ (… la differenza non si è vista), ci lascia con buoni segnali e qualche piccolo ottimismo per il 2020.

Fra gli elementi positivi si evidenzia che, finalmente, la ripetizione dello stesso modulo, degli stessi movimenti e degli stessi giocatori (infatti, al di là della vicenda MEMUSHAJ-ZAURI, il solo MASCIANGELO era un ricambio rispetto a Livorno) comincia a dare i suoi frutti, generando qua e là quegli auspicati automatismi tra i giocatori e una migliorata velocità di sviluppo degli scambi. E’ stato confermato in effetti il 4-3-2-1

… ed anche confermata l’impostazione da dietro della nostra azione ottenuta con gli esterni difensivi CIOFANI e MASCIANGELO che salgono sulla linea di PALMIERO, così dando almeno 3 soluzioni alternative (appunto i 3 giocatori citati) al problema del primo passaggio da SCOGNAMIGLIO o DRUDI (quando non direttamente da FIORILLO sui “terzini”):

E con PALMIERO sempre e logicamente più arretrato rispetto alle mezzali KASTANOS e BUSELLATO, si conferma, quindi, un’impostazione con un 4-1-2-3 o – considerando l’avanzata degli esterni difensivi sulla linea di PALMIERO – se preferite essere più precisi direte: 2-3-2-3 (sistema “WW” – anche detto, nell’antichità calcistica, il “metodo” ai tempi di Vittorio Pozzo e delle 2 vittorie italiane ai mondiali negli anni ’30). Ecco la grafica delle posizioni di cui alla foto precedente che evidenzia il “sistema” WW del Pescara in fase di possesso palla e d’impostazione da dietro:

Inoltre, la squadra “sale” ormai da tempo bene e compatta, non dimenticando di applicare le “marcature preventive”, salvo alcuni casi (su cui continuare a lavorare per migliorare). Qui lo si vede con CIOFANI:

In aggiunta, sempre sul tono positivo, citiamo una caratteristica ricorrente di ZAURI: gli inserimenti numerosi degli esterni difensivi e delle mezzali nell’area avversaria. Qui lo fa KASTANOS (ma spesso è successo sia con KASTANOS che, contemporaneamente, BUSELLATO e almeno uno fra CIOFANI o MASCIANGELO):

Altra conferma è la circostanza che in fase di non possesso palla, nessuno dei tre “avanti” (e soprattutto né GALANO né MACHIN come sarebbe lecito attendersi) “scenda” sulla linea dei 3 centrocampisti: insomma, in fase difensiva non si forma il 4-5-1 come molti altri trainer fanno (esempio recente a Pescara: PILLON). Anche questa è una scelta stabile da vari match. E tenendo conto – fra gli altri – pure di questo aspetto,

dire che ZAURI è un “difensivista” si rivela un chiaro errore,

come già abbiamo più volte evidenziato con precedenti analisi tecnico-tattiche. Diverso è dire che la squadra in alcuni match è evidentemente arretrata – sbagliando – per difendere il vantaggio, probabilmente senza ascoltare il Mister; o diverso è, anche, il dire che quest’ultimo abbia fatto talora alcuni cambi che hanno trasmesso psicologicamente un chiaro messaggio del tipo: “proteggersi”.

Il buon primo tempo conseguente a quanto sopra dimostra gli errori passati di ZAURI nei troppi cambi di “sistema” di gioco, che non hanno aiutato i giocatori a sviluppare le adeguate “giocate” a memoria, che ora invece si vedono. Speriamo allora che durante la pausa si continui a facilitare il compito dei giocatori nell’imparare tramite la ripetizione dei gesti, senza altri traumatici esperimenti ma, al contempo, “aggiungendo” elementi innovativi e “di sorpresa” degli avversari (il che si è visto poco dalla prima introduzione del 4-3-2-1, il quale risale ormai alla prima dozzina di ottobre).

Fra quanto ha funzionato c’è però anche qualche elemento di preoccupazione, evidenziatosi soprattutto nel secondo tempo: intanto, il calo di KASTANOS nel corso della ripresa ci fa dire che MEMUSHAJ ha invece costantemente dimostrato quest’anno un’insperata tenuta atletica ed intensità per quasi tutto il match. Sarà quindi il caso di sperare che

il mercato non lo separi dai nostri colori!

E che soprattutto non lo faccia con la non credibile motivazione che il giocatore voglia andarsene solo per il noto “teatrino” con l’allenatore: siamo seri su(!), dato che si tratta pur sempre di un titolare “fisso” che di sicuro non si lamenterà di non aver giocato! E figuriamoci se una “bandiera” lascia una squadra per via di sostituzioni agli ultimi minuti!!! Ricordiamo pertanto alla società che già troppi tifosi non le danno credibilità da anni anche per via di dichiarazioni pubbliche “di facciata” poi smentite dai fatti: evitiamo quindi di usare “teatrini” per giustificare operazioni d’altro tipo o per

mettere un “simbolo sotto una teca”!

Inoltre, tornando alle soluzioni alternative in fase di “primo passaggio” descritte sopra, la preziosità di MEMUSHAJ si è pure vista più volte nel recente passato (ad es. alcuni giorni fa a Livorno) quando gli avversari hanno marcato  “a uomo” PALMIERO (o il suo sostituto): ebbene, in tali casi è quasi sempre MEMUSHAJ che si “abbassa” a ricevere palla dai difensori per poi far sviluppare l’azione. La perdita dell’albanese provocherebbe la perdita di questa alternativa, che KASTANOS non svolge con la stessa esperienza, capacità o autorevolezza verso i compagni.

Poi, fra gli altri aspetti di perplessità e preoccupazione, c’è il fatto che si è giocato molto sulle palle lanciate a MANIERO, affinché le difendesse per far salire la squadra o le spizzasse prolungandole direttamente in avanti come nell’azione che ha poi portato MACHIN solo davanti al portiere avversario. E questo facendo giocare MACHIN spesso vicino alla nostra punta. Possiamo chiamarlo “schema MA-MA”? smile

Però, questo vuol dire contare molto sulla prestazione del singolo più che su un gioco di squadra. Ora, MANIERO ha fatto una grande prestazione contro il CHIEVO. Ma un MANIERO (o chi per lui) “normale” non è detto garantisca simili risultati: il puntare troppo su tale oportunità di gioco potrebbe “bloccare”, in altre partite, molte nostre azioni.

Altro elemento di perplessità ricorrente: la difesa – guidata inequivocabilmente da SCOGNAMIGLIO – tende sempre a scappare all’indietro. Sarà che non si voglia concedere la “profondità” agli avversari, cioè spazio tra difesa e portiere, però il risultato è che la nostra squadra quasi non applica mai la tattica del fuorigioco e così facendo tende ad allungarsi in fase difensiva:

Infine, rimangono i limiti dei singoli: a turno, per tutto il girone d’andata, troppi sono stati gli errori dei singoli in difesa: CIOFANI, ZAPPA, DRUDI (che ieri ha commesso due Orrori), SCOGNAMIGLIO (un po’ meno ma anche lui…) fanno pensare che un buon marcatore lì dietro servirebbe. “E’ chiaro che” (… ormai parliamo come ZAURI! laugh ) non è detto che sia reperibile in circolazione.

E, per chiudere, che si fa con la punta? Malgrado la prima buona prestazione di MANIERO nel contribuire al gioco di squadra, rimane la mancanza di uno che la butti dentro in quel ruolo. E c’è da preoccuparsi del fatto che gli allenatori avversari stanno ormai imparando a imbrigliare GALANO e MACHIN (vedi con il Frosinone, il Trapani e con il Chievo)… SEBASTIANI dice di essere della stessa idea e la vuole “tecnica” questa punta: strano questo sbilanciarsi a meno che non si tratti di sbilanciamento ma di pre-accordi… Comunque, qui il mercato offre abbastanza ma, come nome che arriverà, speriamo non sia in cambio di MEMUSHAJ (o GALANO!!!) e che – a differenza dello scorso deleterio gennaio – la

“montagna non generi il topolino”.

Highlights Pescara-Chievo 0-0.

Link alla precedente analisi tecnico-tattica.

W. RED ACTION

Lascia un commento

23 Comments

  1. 2019 volte CULLÙ VATTENE , ROVINA DI PESCARA

  2. Max1967 ha detto:

    Concludiamo l’anno con un bel SEBASTIANI VATTENE!

  3. biancazzurri ha detto:

    tu-sci-abruzzese………. mi sa che ta da arlegge larticolo quassopra. nzi capite….quell che conte é la ripetizione del gesto: se le sardelle li dì sole pe’ 2 minute n’avasct. la da arpete parecchie vote sennò nin funzione. fattele spiega da alex laugh

  4. tusciabruzzese ha detto:

    vitabiancazzurra, la mia conoscenza del calcio si limita al “modulo Tom Rosati”: solo sane sardelle!
    Se Sebastiani mi assume e mi paga lo stipendio per un paio di minuti, ci penso io a spiegarlo ed applicarlo a Memushaj e Zauri …
    laugh
    … anche se qualcuno mi ha detto che uno dei 2 già lo applica bene …
    rofl

  5. UK_Dolphin ha detto:

    Zitti che Zauri gia’ sta confuso di suo, mo se gli mettete pure in testa il metodo, il sistema o il verrou e’ capace che Ventura ci :-rifila 4 pere alla riapertura del campionato.. laugh

  6. vitabiancazzurra ha detto:

    Tuscia ma tu nel tempo libero tieni lezioni a coverciano ?? No perché ci sono troppi patentini regalati per la carriera ma sono pochissimi gli allenatori con idee e carisma nel farsi seguire….ti devo dare il numero privato di Epifani ….almeno a lui puoi dare qualche dritta

  7. antateavanti ha detto:

    Intanto l’Atalanta fa un altro colpaccio,vendendo kulusewsky alla Juve per 44 milioni . saranno pure numeri gonfiati ma per un giocatore preso due anni e mezzo fa a 165 mila euro direi che è una plusvalenza allucinante…..valutazione raggiunta da settembre ad oggi ! comunque sono follie di un calcio che non condivido più . Il nostro ragioniere si accontenta invece dei suoi ricarichi prende a 1 e vende a 1,5 tranne qualche caso dove bisogna riconoscergli un abilita’ nel mollare le sole numero 1 (vedi koulybaly )

  8. guerriero ha detto:

    PESCARA UNICA FEDE IL RESTO NON CONTA.

  9. tusciabruzzese ha detto:

    Il buon vecchio “metodo”, il WW! E pensare che durante l’estate eravamo invece partiti con Zauri che testava il WM, con 3 in linea dietro in fase di possesso palla. Il WM che, se non vado errato, era detto “sistema” in contrapposizione al “metodo WW”. Discussioni di quasi un secolo fa! Ma alla fine sempre in 11 si gioca!
    smile

  10. draculone ha detto:

    Mimi’, coco’ e cacmlu…z. . Il trio dei caz..ri rofl . Naturalmente con tutto rispetto per Pescara, fdc, e biancazzurranelcuore cool

  11. pescara ha detto:

    La verità fa male lo sai.

  12. vitabiancazzurra ha detto:

    Pescara …per chiudere l’anno con una mega cazzata bisognava leggere questo tuo post ridicolo, cullu nn ha bisogno di altre clacque .

  13. Max1967 ha detto:

    Non bozziamo darbare le ali a Memushaj ha diritto anghe lui fare garriera

  14. pescarese1976 ha detto:

    Copia e incolla alla ribalta, fantasia allo stato puro rofl

  15. pescarese1976 ha detto:

    Cacchedun ancora si rende conto checsts scrivendo sulla community sbagliata sarcastic

  16. Come non essere d’accordo con la disamina di Pescara. Ce ne vorrebbero veramente tanti di tifosi come te blush

  17. pescara ha detto:

    Grazie fdc ma è sufficiente essere realisti e concreti

  18. fdcpescara ha detto:

    Pescara sei un Top Player, sottoscrivo e confermo la tua analisi.

  19. UK_Dolphin ha detto:

    Effetivamente questa e’ stata una delle migliori partite, dal punto di vista tattico, di Zauri ( beh non e’ che poi ci volesse molto). Rimangono i problemi: manovra a volte rallentata in fase di possesso, linea difensiva che “allunga” la squadra. etc.
    Purtroppo gli automatismi si cominciano a vedere alla fine del girone d’andata, e, come ben sappiamo, per noi inizia un campionato con altri interpreti fra qualche settimana. Gli interessi di Cullu’ (movimentare il mercato a vantaggio dei procuratori, anzi societa’ di procura con soci “prescelti”) non collimano con quelli della squadra che richiede continuita’ tecnica con pochi innesti mirati.

  20. draculone ha detto:

    Effettivamente nel primo tempo Kastanos non ha fatto rimpiangere Memushaj

  21. pescara ha detto:

    Ma non vi rendete conto che un’eventuale operazione Vido-Memushaj sarebbe un capolavoro di Sebastiani? Ci procurerebbe la punta tecnica che ci serve. Risolverebbe il problema del sovrannumero a centrocampo. Penso che ci darebbe anche una plusvalenza su Memushaj e un conguaglio che ci serve per l’iscrizione al prossimo campionato. Risolverebbe il conflitto tra il nostro capitano e il nostro allenatore. Consolida pure i rapporti con certi procuratori e certe società che ci aiutano quando ne abbiamo bisogno. UN VERO CAPOLAVORO! MAGARI!

  22. pescarese1976 ti rispondo qui a quello che hai scritto sotto le pagelle. Quelli che tu chiami i zerbinisti ti devi ricordare che una o due volte all’anno recitano la parte di richiamare all’ordine il loro padrone. Lo fanno da servitori perché sono d’accordo con il loro padrone e perché così la gente crede che gli schiavetti possono essere indipendenti invece dal loro bisiness che si chiama distrarre i tifosi dalle cose che fa questa dirigenza. Parlano di riportare la gente allo stadio ma sono anche loro che la allontanano

  23. 433offensivo ha detto:

    Se resta Zauri, secondo me Memu potrebbe partire