ZEMAN post PESCARA – FERMANA 1-1
23/12/2023
L’ERA DEL CREPUSCOLO
26/12/2023

Una raccolta inedita degli striscioni PESCARA RANGERS (con testo-base di Gabriele “Gaby” Orlando) – 

Lo striscione “Pescara Rangers Club Excelsior” (in foto di copertina) viene presentato ufficialmente in pubblico il 18 novembre 1976, giorno che segna la nascita e l’inaugurazione del “Pescara Rangers” come sezione giovanile del già esistente Club Excelsior (presieduto da Angelo Manzo).

Nell’estate del 1977, alla vigilia del primo campionato di Serie A, si fa strada l’ambizione (o, meglio, la necessità) di presentarsi alla Massima Serie con uno striscione ben più imponente e “ultras”, che sia il segno di un Pescara Rangers con una propria identità, benché sempre indissolubilmente legato all’Excelsior. Compare per la prima volta la saetta, scelta da Angelo Manzo come simbolo di potenza:

06/11/1977, Pescara-Verona 2-2: 1° striscione PR senza Excelsior, nell’anello basso della Sud

Il gruppo è ancora nell’anello originario della Curva Sud (settore occupato momentaneamente, essendo quello da cui è iniziato l’ampliamento dell’Adriatico).

Il 22 gennaio 1978, il Pescara Rangers “sale” per la prima volta sul nuovo anello della Curva, nonostante sia ancora un cantiere (ci sono le staccionate di legno al posto delle ringhiere):

22/01/1978, Pescara-Perugia 1-1

Nell’estate del 1978, in preparazione del Campionato di Serie B che il Pescara affronta da super-favorita, il “gruppo-capo” del Pescara Rangers avanza la proposta di evolvere e “monumentalizzare” ulteriormente la propria “Bandiera di guerra” connotandola con il simbolo di teschio, che all’epoca domina nelle 5-6 maggiori Curve italiane (e tra le quali si ambisce a collocare anche la Nord pescarese). Dopo accese battaglie tra i diversi punti di vista, si giunge al compromesso di aggiungere il teschio senza far sparire l’originaria saetta, dando così vita ad un nuovo simbolo che non ha precedenti nel mondo ultras italiano, tanto più perché si sceglie il teschio girato “a tre quarti”, a differenza delle altre tifoserie che hanno quello frontale. Questa nuova versione del Pescara Rangers esordisce in occasione della spettacolare amichevole estiva Pescara-Roma (2-0) del 20 agosto 1978 (con la Roma data come favorita per lo Scudetto), giorno che segna anche il ritorno definitivo in Curva Nord.

A novembre 1978 sorge un’altra necessità: quella di dover fare uno striscione nuovo e più corto, perché l’attuale di 22 metri occupa gran parte della balconata centrale della Nord e crea casini sia con i neonati Ultras sia con il Pescara Commandos (in realtà, una sezione “Rangers” di Piazza Grue), poiché questi gruppi non hanno spazio sufficiente per i loro stendardi. Perciò, il nuovo striscione può contenere la sola scritta “Rangers”, costringendo così a menomare la storica e inedita denominazione originaria, che include e antepone il nome della Città. In compenso, è l’occasione per introdurre altre due novità assolute a livello nazionale: l’originalissimo carattere grafico della scritta (appositamente creata) e il nuovo simbolo dell’indiano, riferito al movimento degli Indiani Metropolitani (“Indians Town”). L’indiano esordisce all’Adriatico il 28 gennaio 1979, in Pescara-Samb (3-1), mentre lo striscione con il teschio va a bordo campo.

14/04/1979, Pescara-Cagliari 0-0

L’indiano del nuovo striscione è in realtà un disastro, perché la Ditta realizzatrice lo ha stampato “al negativo”, rispetto al disegno consegnato, rendendolo di fatto illeggibile. Un errore tanto più grave se si considera che la stessa Ditta è ritenuta da tutti “la migliore” d’Abruzzo(???). Rifare lo striscione è però impensabile, non resta quindi che sopportare fino al termine del campionato (magari coprendo lo “sgorbio” con altri simboli provvisori), per poi valutare – durante l’estate – tutte le soluzioni praticabili.

03/06/1979, Pescara-Sampdoria 1-1

01/07/1979, Bologna (spareggio): Pescara-Monza 2-0

Tra queste, la più fattibile è sostituire la parte centrale dello striscione, inserendo la “pezza” con la nuova versione dell’indiano, che così esordisce in Coppa Italia, nella partita Pescara-Pisa (3-2) del 22 agosto 1979.

Serie A 1979/80

23/03/1980, Pescara-Lazio 2-0

Al termine del campionato 1982-83, lo striscione con l’indiano è in condizioni pietose: pieno di lacerazioni, rattoppi, vernice sbiadita e numerose bruciature causate dalle fiaccole. Essendo irreparabile, non resta che farne uno nuovo, ideato con una ulteriore innovazione assoluta: fondo nero che, pur non essendo colore sociale del Pescara, assicura il massimo risalto visivo alla scritta Biancazzurra, da realizzare con vernice “catarifrangente”. Invece, ne viene fuori una seconda esperienza negativa a livello di realizzazione, poiché anche questa volta il disegno originario viene fortemente manomesso dalla Ditta, che di fatto “interpreta” e inventa a proprio piacimento. Così, l’indiano (inguardabile) e le “onde marine” dell’azzurro/celeste (che volevano essere in onore al carattere “marinaro” della Città) sono ridotte a “fumetto”. L’esordio c’è comunque il 18 settembre 1983, in Pescara-Cesena (2-1), ma dopo poche domeniche – anche su pressione dei “nostalgici” del ’76 – si preferisce riportare sulla balconata centrale l’originario striscione col teschio, mentre quello nuovo passa a bordo campo…

13/11/1983, Pescara-Pistoiese 2-0

… oppure diventa striscione da trasferta:

26/01/1986, Bologna-Pescara 0-0

20/03/1988, Milan-Pescara 2-0

Durante la “marcia trionfale” del 1986-87, targata Galeone, l’incredibile esplosione numerica della Curva Nord richiede un adeguamento anche degli striscioni. Così, si sostituisce quello col teschio (anch’esso ridotto in condizioni pietose) con il nuovo “Pescara Rangers l’Impero Continua“, che celebra anche il decennale del gruppo. Il nuovo “PRIC(di 30 metri) si colloca a bordo campo dell’Adriatico e si utilizza nelle trasferte di massa. Il primo striscione con teschio e saetta esce definitivamente di scena.

13/09/1987, Inter-Pescara 0-2: striscione L’IMPERO CONTINUA…

Durante il Campionato di Serie A 1987-88, la “vecchia guardia” del ’76 espone il desiderio di conservare intatta la tradizione e “preme” per un nuovo striscione principale che riproponga l’originaria denominazione “Pescara Rangers”, la saetta, l’imponenza e, al tempo stesso, le innovazioni introdotte nel frattempo, come la scritta biancazzurra su fondo nero (oppure blu scuro) e il particolarissimo carattere grafico, per il quale Pescara è divenuta famosa … e copiata … in tutta Italia. In questo modo non è però possibile fare uno striscione inferiore a 30 metri, che perciò deve andare anch’esso a bordo campo. In tal senso, si sceglie la zona del calcio d’angolo lato mare, perché assicura l’importante visibilità televisiva. La foto seguente mostra l’esordio del nuovo striscione a fine novembre 1987 (qui però il sole abbagliante fa apparire la scritta tutta bianca):

29/11/1987, Pescara-Torino (2-2)

L’adesivo seguente riproduce fedelmente il nuovo striscione, con i suoi colori reali:

Nella versione in trasferta, viene utilizzata la sola metà “Rangers”:

09/02/1992, Cesena-Pescara 0-1

29/08/1993, Cesena-Pescara 1-1

Alla vigilia del campionato 1988-89 lo striscione con l’indiano è troppo malandato per poterlo utilizzare ancora con “decenza”. Il nuovo striscione riprende la versione del 1979, ma reinterpretando la scritta in un “blu-celeste” (su fondo nero), il che purtroppo produce risultati visibilmente negativi, poiché il biancazzurro è di fatto sparito e la leggibilità è quanto meno discutibile (specie da lontano):

10/05/1992, Ancona-Pescara 2-2

03/01/1993, Napoli-Pescara 2-0

Le foto seguenti mostrano il medesimo striscione testimoniando il Pescara Rangers all’estero, a sostegno della Nazionale nel Campionato d’Europa giocato in Inghilterra nel 1996:

19/06/1996, Old Trafford, Manchester: Italia-Germania 0-0

“Nei primi Anni Duemila occorre rifare lo striscione con un nuovo materiale. Si sceglie di riprodurre la copia del precedente, ma si va di male in peggio, sia per visibilità che ‘allontanamento’ dalla tradizione storica del Pescara Rangers. È di fatto diventato uno striscione ‘nerazzurro’, molto più adatto alla Curva Nord pisana che non a quella pescarese.

Il buonsenso suggerisce … anzi, urla … che sarebbe decisamente il caso di tornare alle origini; tanto più in un’epoca dove persino le maglie dei giocatori in campo sono spesso irriconoscibili, prive di ogni pur minimo senso, e non di rado ai limiti del ridicolo. Riappropriamoci dei nostri veri Colori, del nostro inconfondibile Simbolo, della nostra vera Bandiera” [Gaby].‎

P.S.: nel ringraziare “Gaby” Orlando per il suo contributo, precisiamo che il rispettivo contenuto rappresenta sempre e solo un’espressione dell’autore e non impegna il punto di vista del sito 40mila.it. Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare a tutti i tifosi biancazzurri che questo sito “appartiene” ai tifosi stessi della Pescara Calcio: sono pertanto benvenute proposte di ulteriori contributi. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

40mila.it, ft. Gaby
1134 GIORNI di SERIE C, 4582 di PRESIDENZA SEBASTIANI

 

Condividi su:

Lascia un commento

25 Comments

  1. tusciabruzzese ha detto:

    Gran bel ricordo chamape!
    (:thank_you:)

  2. chamape66 ha detto:

    Buonasera e buone feste a tutti,voi,anche a pinocchio che spero prima o poi decida di mollare! Complimenti a Gaby,vera memoria storica dei Rangers, un gruppo che ha passato tante Situazioni e alti e bassi,ma sempre in piedi! Auguri a Tuscia,contraccambio! Sugli striscioni MITICI dei Rangers, io e mio fratello abbiamo avuto l’onore di ospitarlo nel nostro sgabuzzino per 2 intere settimane! A Cesena,in un finale convulso eravamo in prima linea e Bucchin ce lo passò in un momento si carica verso di loro,con la raccomandazione di custodirlo con accuratezza…lo difendemmo e lo portammo a casa sano e salvo…un ricordo bellissimo della nostra militanza quasi 50ennaria di Curva Nord

  3. tusciabruzzese ha detto:

    E, comunque, complimenti alla schiettezza di Gaby, che non le manda a dire: “È di fatto diventato uno striscione ‘nerazzurro’… Il buonsenso suggerisce … anzi, urla … che sarebbe decisamente il caso di tornare alle origini. Riappropriamoci dei nostri veri Colori, del nostro inconfondibile Simbolo, della nostra vera Bandiera”!

  4. tusciabruzzese ha detto:

    Oltre allo storico teschio con la saetta, per me il simbolo e il disegno più bello è quello dell’indiano qui sopra nell’immagine del 10 maggio 1992, Ancona-Pescara 2-2

  5. dolphin ha detto:

    Venduti per 30 denari una umiliazione senza fine prendete esempio dalle merde laziali e napoletani (:dash2:) una tifoseria senza più coglioni e schiena dritta iemc a ìttà a lu fium

  6. Max1967 ha detto:

    Buon Natale a tutti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. madelib ha detto:

    Ho appena visto il video degli auguri dell’Atletico: davvero commovente e pregno di valori. Quelli che contano!

    Onori!

  8. benitino1936 ha detto:

    Auguri a tutti meno ai due venduti in curva.

  9. tusciabruzzese ha detto:

    (Avvertenza: questo post contiene una cattiveria (:secret:) )
    Davvero una scelta indovinata quella dell’Atletico di basare il video su un campione della squadra della tifoseria rivale!
    Sulla stessa scorta, il prossimo Natale, mi attendo un video della Pescara Calcio dedicato a … Oddo!!!
    😀

  10. johnny blade ha detto:

    Bello il video del l’Atletico.
    Invece io ne metto qui uno brutto. Attenti a non rovinarvi il natale.
    Io non lo guardo

  11. 40mila.it ha detto:

    Se non l’avete ancora visto, qui il video di auguri dell’Atletico Madrid, che sta facendo il giro del mondo calcistico (e non solo).
    Per la traduzione: l’anziano signore non ricorda nulla (indirizzo di casa, etc.)… Solo i gol di Di Stefano (col Real!)

  12. draculone ha detto:

    Tanti auguri a tutti e sempre SEBASTIANI VATTENE

  13. bummon ha detto:

    Onore a Marco Mazza e Stefano Paravia UNICI VERI CAPI di una corvetta che non ha più motivo di esistere. Almeno abbiate la compiacenza di lasciare vuoto quel pezzo di stadio. È UNA VERGOGNA

  14. pescarese1976 ha detto:

    Tanti Auguri di Buon Natale a tutti, compreso l’infameme!!!
    Caro Gaby tanto è inutile che fi vidè a si quattr cantilene chi cazz avem fatt pi tutt l’Italia…..sa gend stevin dentr li cujun di papà ni possin capì è solo tempo perso….esattamente 5 anni fa so dett ciò che stava accadendo mi hanno cacciat a zampat a lu cul mo freghjt

  15. tusciabruzzese ha detto:

    L’ho letto con calma stamani e ho un appunto: ci sono rimasto male per la brevità!
    😀
    Scherzi a parte, bellissimo come regalo natalizio! Penso sia l’idea appropriata per un muro di tifosi. E, se non erro, una rarità, se non un unicum (io non ho mai incontrato altre ricostruzioni della storia degli striscioni di un grande gruppo del tifo organizzato)!
    Grande Gaby! Auguri a te. E ai tifosi “normali” e agli ultras… di “tipo 1”! (:sarcastic:)
    No, vecchiock, quindi a te no! (:laugh1:) A chamape66 forse sì (:rofl:)
    (:drinks:)

  16. lufijedigin ha detto:

    confucio ha detto:
    24/12/2023 alle 22:20
    Quarto posto. Quest’estate ci avremmo messo la firma. È un buon regalo di Natale. Buone feste.

    ma pure a Natale devo leggere queste stronzate? potresti gentilmente andare a scrivere da un’altra parte alefirenze o ormai ti bannano qualunque nick usi?
    vabbe’ , Buon Natale a tutti , tranne a due , quello con la panza ed il naso lungo e sto troll qua.

  17. caps ha detto:

    ” Buon Natale a Tutti “

  18. madelib ha detto:

    Buongiorno e buon Natale a tutti, tranne che a “cullù”, che, assieme al compagno di merende ed al rinnegatore, deve andarsene!

  19. vecchiock ha detto:

    Un’altra perla di Gaby.
    Buon Natale a tutti meno che a uno col naso lungo.

  20. Solo Pescara ha detto:

    Buon Natale a tutti

  21. tusciabruzzese ha detto:

    Nel Natale senza messa
    la morale è la stessa,
    vivi sempre di scommessa
    e aneli la rimessa
    (:thank_you:)

  22. confucio ha detto:

    Quarto posto. Quest’estate ci avremmo messo la firma. È un buon regalo di Natale. Buone feste.

  23. lapa ha detto:

    Ma tu gli suguri non ce li fai…che dice tuo padre

  24. ilfigliodel36 ha detto:

    Bellissimi gli striscioni!! AUGURI A TUTTI DA MIO PADRE (:declare:)

  25. 40mila.it ha detto:

    Un regalo da 40mila.it e Gaby
    L’inedita ricostruzione della Storia degli striscioni dell’Impero!
    Auguri!!