PISA-PESCARA 0-0: I 99 MINUTI CON I … 40MILA!
15/12/2020
I BIANCAZZURRI PRENDONO I VOTI (PISA-PESCARA)
16/12/2020

Antonio BOCCHETTI (DS del Pescara): “È stata una partita maschia, una partita difficile contro una squadra in salute. Sono le classiche partite di serie B, che quando non si riesce a vincere non si deve assolutamente perdere. Abbiamo concesso una sola occasione dove Vincenzo [FIORILLO] è stato bravo. Poi, noi abbiamo avuto occasioni con GALANO, un’altra con BELLANOVA; e poi CETER ha sfiorato la palla per 2 centimetri e poteva essere goal: ma stasera siamo contenti, soprattutto perché non abbiamo preso goal. Per noi è importante perché prendevamo due goal a partita. Vedendo come abbiamo subito tanto in difesa finora, ci vorrebbe qualche difensore, ma onestamente con il nuovo mister abbiamo cambiato assetto tattico e adesso la difesa è più coperta.
Nei novanta minuti abbiamo sempre fatto goal: noi li abbiamo i giocatori per fare goal. Adesso stiamo vedendo sul mercato dei giocatori che si possono muovere, ma dobbiamo fare più punti possibili e poi vedere con il mister di cosa abbiamo veramente bisogno. Abbiamo tanta fiducia in questo gruppo e ci serve la serenità giusta per fare bene. Eravamo partiti [a inizio campionato] per fare una squadra diversa, per fare il 4-3-2-1. Poi, ci sono stati gli infortuni e con qualche sconfitta di troppo abbiamo cambiato modulo. Non siamo mai riusciti ad avere la squadra al completo e schierare la stessa formazione per due partite di fila: questo è un handicap che paghiamo”.

Roberto BREDA (allenatore del Pescara): “Punto importante, ma c’è ancora tanto da lavorare, soprattutto sulla lucidità nel secondo tempo. Oggi mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra, che ha concesso poco. Non abbiamo subito gol: è un dato importante. Dovevamo far meglio nelle ripartenze, crossare di più e meglio. Comunque in questo momento è importante anche muovere la classifica. La lezione è stata recepita: col Vicenza abbiamo creato, ma abbiamo contemporaneamente concesso molto. Questa sera siamo stati più compatti e abbiamo chiuso bene le linee di passaggio. Sono contento del lavoro dei ‘quinti’: bene i centrocampisti. Anche chi è entrato ha dato il suo contributo.
In fase di possesso dobbiamo migliorare e snellire la manovra. Abbiamo tirato meno in porta rispetto alle partite contro Ascoli e Vicenza. Ma questa sera era fondamentale conquistare il risultato positivo.
MEMUSHAJ e VALDIFIORI, che criticate, sono giocatori fondamentali. MEMU è stato sostituito per motivi tattici. Bisogna lavorare sulla fiducia nei propri mezzi che alcuni giocatori, cone CAPONE, devono acquisire. Il pacchetto difensivo ha svolto una buona gara, come gli altri reparti, ma dobbiamo imparare a ‘snellire’ la palla. Oggi abbiamo tirato poco in porta, ma può starci giocando ogni 3 giorni.
Questo campionato é diverso dal solito. C’è molto equilibrio, ma la mancanza della preparazione estiva sicuramente pesa su tutte le squadre. Ora testa al Monza”.

40mila.it

 

Condividi su:

Lascia un commento

21 Comments

  1. johnny blade ha detto:

    Nelle ripartenze si è visto in attacco come corrono a vuoto fino allo sfinimento sui tanti lanci lunghi. Non si può andare lontani così.
    Devono saper conquistare gli spazi, non possimao permetterci di far correre tutti così alla sperindìo, figuriamoci uno come Ceter.

  2. johnny blade ha detto:

    Solo il catenaccio non basta, non è che possiamo sperare nei loro autogol. ieri non c’era una minima impostazione in attacco durante le ripartenze.
    Poi negli ultimi 15 20 minuti con Ceter il pisa è arretrato ma noi eravamo sempre impacciati a concludere qualcosa di valido.
    Quindi il catenaccio da solo non serve a molto.

  3. nemicissim0 ha detto:

    Vista la situazione, a me un campionato di battaglie e sofferenza 5-3-2, catenaccio aka pullman, mi sta pure bene ogni tanto. Certo che sperare in una salvezza tranquilla non è e non sarà mai nel nostro DNA di Pescaresi.

  4. Fafinho ha detto:

    Ripeto….Breda è il classico cavatore di rape.
    Trae il massimo dalla rosa disponibile.
    Per salvarsi bisogna lottare così.
    Con lo scienziato del tiki taka eravamo già retrocessi.

  5. draculone ha detto:

    Ma volevate andare in serie A?

  6. QUELLI CHE SI ABITUANO AL NULLA DI SEBASTIANI …………………………………. TUTTI VIA DAL PESCARA !!!!!!

  7. Max1967 ha detto:

    Sarà cosi fino alla fine.
    Solo battaglie alla conquista di qualche punticino. Abituiamoci.
    Sempre meglio del tiki taka del perfetto.

  8. johnny blade ha detto:

    Machin viene o rimane a casa?
    Non può giocare con noi 10 minuti?
    Ca brutta fine ha fatt..

  9. tusciabruzzese ha detto:

    Ci faccio caso solo ora … Breda è riuscito a dire che il punto è “importante per muovere la classifica”!
    dash dash2 help

  10. benitino1936 ha detto:

    Breda ma come pensi di fare a crossare meglio con i piedini delicati del polacco e di Crecco?

  11. draculone ha detto:

    Vabbene tutto ma dire che abbiamo concesso una sola occasione, mi pare degno di cullu’ che ha sostituito nell’intervista

  12. caps ha detto:

    Quando entri in campo con determinazione e aggressivita’ il campo non lo coprirai bene ma di certo il pallone trovi il modo di contrarlo . Da noi questo calcio non e’ apprezzato , ma dopo il Tikitaka nostrano proposto dal duo Presidenziale – Perfetto lo trovo accettabile. Un punto, un ottimo portiere e poi la pochezza di ben 31 elementi a cui la Societa’ Pescara Calcio paga lo stipendio per Volonta’ di Pettoabbottato….chissa perche’…mi devo sforzare x comprendere…ma una sana squadra completa no!!! Ci vuole un Psichiatra x capirci qualcosa..anzi no la lettura e’ semplice.

  13. lapa ha detto:

    Con le grandi del campionato abbiamo fatto ridere finora Vediamo col Monza Se nell’ipotesi remota nelle 2 partite in casa facciamo 4 punti allora possiamo essere positivi per la prosecuzione di quest’altro scempio di campionato regalatoci dal furbetto dei colli innamorati. Se a fine andata non abbiamo almeno 18 punti la strada verso la C è segnata( e cmq nel ritorno bisogna avere un ritmo da Play off….) e poi già cussu pije li cjinciune quale rinforzo e con che stimolo verranno a giocare a gennaio in una squadra derelitta??

  14. tusciabruzzese ha detto:

    Ma quindi Bocchetti esiste davvero?!?!? Ed è pure uno diverso da quello che gioca in difesa!?!
    mosking

  15. alex74 ha detto:

    Col Monza che v’apenzet che facem? Tutti dietro, palle lunghe e pedalare. Quess è. A me non dispiace intendiamoci. Vorrei sapere cosa ne pensa l’immenso presidente che ebbe da ridire contro pillon che onestamente faceva un calcio molto piu’ propositivo di questo. Mo si sta zitt? Gli sta bene? Sa cacat sott? L’ ordigaria è na brutta bestia

  16. lufijedigin ha detto:

    Ah, ma Bocchetti oltre a fare l’autista lo fanno pure parlare? Notiziona! Lapalisse ti fa una pippa cmq…continua cosi’!

  17. Ormai la dimensione nostra è quess, racimolare più punti possibili e lottare con il sangue agli occhi per la salvezza. Se ci salvem sta bott è addever un miracolo, e cullù te nu cul come na portaerei.
    Cullù vattene

  18. draculone ha detto:

    Questi punti alla fine faranno la differenza e non si puo’ fare di piu’ con questo organico

  19. pescaraforever ha detto:

    L’organico è quello che é. Del resto se hai 32 giocatori ma una sola prima punta e pure a mezzo servizio vuol dire che nel broggetto del bresidende il risultato sportivo è un dettaglio. Detto questo io ieri sera ho visto una squadra che seppur in difficoltà ha corso lottato ed alla fine. Breda secondo me sta facendo un buon lavoro partendo dalle fondamenta nonostante lo scempio di mercato del mercante. Purtroppo vedo già molti professori che storcono il naso pensando forse tale organico capace di chissà quale gioco e risultati. Caliamoci invece nella mentalità giusta per affrontare il campionato salvando la categoria punto per punto lottando con il coltello tra i denti. Avanti mister Breda! FORZA PESCARA!

  20. antateavanti ha detto:

    Si Tuscia però non bisogna accanirsi ancora di più contro i giocatori o l’allenatore di turno Siamo tutti condizionati nel giudicare le partite dal pensiero unico e imprescindibile che fin quando verranno fatti i mercati delle vacche ad minchiam non ce Klopp o Guardiola che tenga. Va detto per onestà che col vicenza poi non meritavamo assolutamente di perdere cosa che quasi nessuno ha sottolineato . Oggi più che nei moduli in campo e altre sfaccettature a mio avviso quello che fa grande un allenatore è il SAPER GESTIRE un gruppo creare empatia con lo spogliatoio altrimenti resti un teorico della lavagna L’esempio è nostrano .Il Perfettoappena perde 2 partite di fila gli prende di mano ovunque ha allenato

  21. tusciabruzzese ha detto:

    Ieri era meritavamo mezzo punto. Il Pisa uno. Totale uno e mezzo visto lo schifo di partita. Il fatto è che Sebastiani ci ha ridotto ad aggrapparci al “poteva andare anche peggio” (ed infatti è vero, loro hanno avuto occasioni e noi) ci dà la misura di come ci siamo ridotti