SEBASTIANI: “VALDIFIORI E GALANO A CASA…”
01/11/2020
LECCE-PESCARA 3-1: I 99 MINUTI CON I … 40MILA!
02/11/2020

Sulla strada per Lecce: gli indagati

31 marzo 2019: pre Lecce-Pescara

A circa un anno e mezzo dai fatti, poche settimane fa c’è stata una prima svolta sulle vicende ultras del 31 marzo 2019: 17 gli indagati a seguito della richiesta di incidente probatorio avanzata dal PM Alessandro Prontera, che si è occupato dei fatti inerenti il prepartita di quel Lecce-Pescara.

Nell’occasione un gruppo di ultras giallorossi attese ed aggredì parte della carovana di auto e pullman biancazzurri, diretti allo stadio Via del Mare. Si registrarono incendi ai mezzi, accensione di fumogeni, esplosione di bombe carta e colluttazioni varie, il tutto pare come rappresaglia per un fatto avvenuto, a parti invertite, in occasione della sfida d’andata. Sul luogo degli scontri vennero trovate armi e tracce ematiche, il cui dna verrà poi confrontato con i profili genetici tratti dai campioni biologici degli indagati (fonte).

Si parlò di rappresaglia per i fatti del 5 novembre 2018, girone di andata di quella serie B: dopo la partita Pescara-Lecce, nei pressi della circonvallazione di Francavilla al Mare, un gruppo tese un agguato ai sostenitori giallorossi che stavano rientrando a Lecce. Il lancio di torce provocò un incendio.

In occasione del match di ritorno, si era sulla Brindisi-Lecce, all’altezza di San Pietro Vernotico: torce, fumogeni, lancio di sassi, il parabrezza di un pullman mandato in frantumi con una mazza, un’auto in fiamme. La Polizia (fonte): “dalle siepi poste lungo il bordo destro della carreggiata è fuoriuscito un gruppo di circa 50/70 tifosi leccesi travisati e incappucciati, muniti di torce e fumogeni, che ha invaso la corsia del senso di marcia subito dopo il passaggio della prima autovettura di scorta mentre transitava il convoglio dei tifosi del Pescara. I tifosi leccesi hanno lanciato una torcia tipo bengala, sotto una delle auto pescaresi in transito che ha preso fuoco nella parte sottostante, costringendo il conducente a fermarsi e bloccando così anche il pullman dei tifosi abruzzesi. Il pullman è stato fatto oggetto di lancio di sassi e colpi di mazza che hanno provocato la rottura del parabrezza anteriore ed il vetro del lato conducente. L’imminente arrivo delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco ha scongiurato il peggio”. Si registrarono due feriti, entrambi pescaresi: un 37enne, che viaggiava a bordo del pullman, che riportò una ferita lacero-contusa e un trauma cranico con una prognosi di 10 giorni; un 32enne, anch’egli con una ferita lacero-contusa e con prognosi di 10 giorni.

Nel punto in cui il pullman fu bloccato, un automobilista, che si era fermato per guardare ciò che stava accadendo, fu investito da un’altra autovettura che era intenta a fare retromarcia. L’uomo riportò una ferita alla testa, con prognosi di 15 giorni.

Le indagini, da parte della Digos, sono state condotte anche con l’ausilio di immagini di videosorveglianza e delle riprese effettuate dal personale della Polizia Scientifica.

Il racconto di una donna salentina, che rientrava dal lavoro, da sola in auto: “Tornavo da Bari, dove sono stata per lavoro, improvvisamente, si fermano 4/5 van… quelli che danno a noleggio… si paralizza il traffico ed ho di fronte una ventina di pazzi, armati di manganelli, fumogeni, bottiglie di vetro… TUTTI tifosi (se così possono definirsi!) del Pescara calcio! Ho messo le 4 frecce mi sono accostata al guard rail, ho chiuso le portiere dall’interno, pregando affinché non mi prendessero a manganellate! Dopo otto minuti, i più lunghi della mia vita, un pazzo, criminale, furibondo, ha cercato di aprirmi lo sportello, non contento ha tentato di aprire il cofano… mi urlava i peggiori insulti che si possano fare ad una donna, intimandomi di andar via… ma la strada era BLOCCATA!!! Non contento, ha iniziato a prendere a calci la portiera dell’auto Ho risposto che io non c’entravo nulla in mezzo a quel casino!!!! Il PAZZO è stato bloccato da un suo concittadino che gli ha detto: “lasciala stare è una femmina che non c’entra niente…”.

Con una nota ufficiale, l’U.S. Lecce espresse “la più ferma condanna per quanto accaduto prima della disputa della gara Lecce-Pescara, ai danni dei tifosi pescaresi nel tragitto verso lo stadio Via del Mare, ai confini tra le provincie di Brindisi e Lecce. Ogni forma di violenza è da condannare nel modo più assoluto ed il calcio deve essere veicolo di aggregazione e partecipazione festosa, la stessa che si è respirata ieri sugli spalti dello stadio. L’U.S. Lecce augura alle persone che hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari la più immediata guarigione”.

L’inizio di quel Lecce-Pescara

Da lì a pochi giorni, all’Adriatico venne esposto questo striscione:

40mila.it

 

Lascia un commento

26 Comments

  1. draculone ha detto:

    Germano, top la torta, 40+40

  2. pescaraforever ha detto:

    Auguri Germano! 🥳

  3. johnny blade ha detto:

    Auguri Germano 🍺

  4. caps ha detto:

    Auguri Germano …. gamer4

  5. nemicissim0 ha detto:

    Auguroni per le ottanta primavere al giovanotto GERMANO DA CUNEO! hi

  6. draculone ha detto:

    Non si potrebbe rifare la storia con il PRESIHUGOESEBASTIANICHIETINO?

  7. hugobiancazzurro ha detto:

    Germano grazie. Penso che Sebastiani non può fare niente. La sfortuna di quest’anno è la brutta copia di quella dell’anno scorso. Per gli infortuni a Ceter, Asencio, Memushaj, Drudi che c’entra Sebastiani? Per Bellanova anche. Ciao.

  8. draculone ha detto:

    Sci Alex, come no, si dett grazie laugh

  9. draculone ha detto:

    E sbricati che tra un paio d’ore al massimo, ti mettono in lockdown e non ti fanno ne uscire ne scrivere rofl laugh laugh1

  10. alex74 ha detto:

    So dett grazie. Che t accund draculo’

  11. draculone ha detto:

    Tuscia, aspettiamo il tuo di amarcord cool

  12. draculone ha detto:

    Ngulo Alex, ndi va bbonn mai laugh

  13. draculone ha detto:

    GRANDE GERMANO friends

  14. alex74 ha detto:

    Grazie germa’

  15. germanodacuneo ha detto:

    Metto un estratto di un mio amarcord della metà anni ’50, visto che si parlava di bare e funerali… I tifosi pescaresi lasciarono il campo soddisfatti e contenti. I teatini con evidente delusione e con parecchi mugugni per la sconfitta, presero la via Tiburtina Valeria per tornare a casa. Anche la gabbia e l’aquila, con le ali e la testa abbassate, presero la via del ritorno per essere di nuovo riposizionate nel centro della Villa Comunale.
    Non successe niente di grave tra le due tifoserie. Solamente qualche presa in giro durante l’improvvisato funerale fatta alla squadra teatina, dall’esterno del campo Rampigna e poi per via Chieti, guarda il caso, fino al Bar delle Rose, seguito da tanti tifosi del Pescara esultanti.
    I tifosi del Pescara fecero alla squadra del Chieti il funerale – allora era parecchio in voga – con un grande e lungo scatolone di cartone a forma di bara che recava lo strafottente annuncio mortuario, preparato all’istante.
    Il manifesto mortuario, mi è rimasto talmente impresso nella memoria, che ricordo molto bene il suo beffardo contenuto:

    È venuta a mancare all’affetto dei tifosi teatini, dopo 90 minuti di agonia, sotto i colpi del Pescara Calcio, la odiata compagine del
    CHIETI Calcio
    Ne danno il felice annuncio i tifosi del Pescara Calcio.
    Le esequie muoveranno dal Campo Rampigna di Pescara alle ore 17:00 di domenica 13 aprile 1955. Non fiori ma, brindisi al Bar delle Rose.

    Tip. Tontodonati – Pescara
    Oltre a ciò i tifosi di Chieti furono apostrofati dai pescaresi: «Chietino sei un vero cretino!» e quelli di Pescara dai teatini: «Pescaresi tutti zingari e… puzzate di pesce».
    Allora ci si divertiva anche con poco e in maniera goliardica, a differenza di adesso, dove i grossi interessi degli sponsor hanno avuto il sopravvento sulle attività sportive. Quel giorno era stato sicuramente un grande avvenimento sportivo da ricordare, anche se era stato molto particolare.

  16. caps ha detto:

    Stasera tra epurati , finti malati e guarigioni istantanee scenderà in campo un undici scelto e voluto dall’allenatore. Nulla da aggiungere solo FORZA PESCARA

  17. germanodacuneo ha detto:

    Presilaquilateatina sta bene, ma non può scrivere per problema agli occhi. Saluta a tutti i tifosi. Io sono il suo portavoce. Alex74 se vai a vedere le foto dei tifosi mi vedrai nel giorno del secondo 40 anni. Saluti a tutti e proseguiamo nel seguire il Pescara nel bene e nel male….Buona giornata a tutti…

  18. germanodacuneo ha detto:

    Che ne pensate della non convocazione di alcuni titolari e in special modo di Galano da parte del Perfetto? Sono stato censurato perché avevo espresso che la presunta pace fra Oddo e Galano non era mai scoppiata: anzi la battaglia l’ha vinta Galano per l’abbraccio di sottomissione di Oddo che, ora, volendo vincere la guerra, avendo il coltello dalla parte del manico, non l’ha convocato di proposito aspettando la reazione del giocatore.
    Fino a quando durerà questa deleteria sceneggiata? Per la facciata si farà una finta tregua.
    L’ipocrisia nel mondo del calcio impera! Si ha paura di dire la verità…
    A Oddo per le sue convinte dichiarazioni di onnipotenza: “A Lecce vado per vincere” sarà necessaria una visita alla sua psiche perché è più “fuori di testa” (confuso) lui che i giocatori a sua disposizione. Come mai questa non corresponsione d’intenti fra loro e di supposti dissapori all’interno dello spogliatoio?
    Per il bene del Pescara, prima che sia troppo tardi, è necessario l’intervento di Sebastiani, se ha la volontà di farlo, giacché la società esiste solo sulla carta…
    Meglio retrocedere (spero di no) con dei giovani che escono dal campo con la maglia bagnata di sudore che vedere certi senatori mercenari che svogliati “passeggiano” in mezzo al campo, senza dare il giusto apporto sia tecnico sia di esperienza.
    Che pena! Qual è il vero motivo?

  19. alex74 ha detto:

    Ma anche germano

  20. draculone ha detto:

    PRESILAQUILATEATINA se ci sei batti un colpo

  21. draculone ha detto:

    E fatecelo un amarcord per noi giovani laugh

  22. alex74 ha detto:

    Quanto cazzo mi mancano i vostri amarcord tuscia.

  23. tusciabruzzese ha detto:

    Preferisco ricordare i sarcastici funerali, con cassa da morto del Lecce, che sfilavano per Pescara negli anni ’70 prima degli scontri (in campo) contro di loro all’Adriatico. ARDETECE TOM ROSATI!
    good
    P.S. ad alex ridategli Epifani … laugh

  24. alex74 ha detto:

    Lecce’ ngul a mammete