NON C’E’ ANCORA L’ASENCIO A GIOCARE
30/10/2020
TRAGEDIA GRECA O PIANTO GRECO? Verso il fallimento o la cessione milionaria?
31/10/2020

CHE NOIA (PRE LECCE-PESCARA)

Daniele SEBASTIANI: “Sulla cessione al momento ci sono tante chiacchiere. L’unica cosa che mi fa piacere è che tutti i nomi accostati sono importanti e vuol dire che il Pescara tutto sommato non è una società da buttare. Rappresento, direttamente e indirettamente, il 90% di questa Società; quindi, è chiaro che, se faccio una trattativa, la faccio con una maggioranza ampissima. Ci sono anche gruppi esteri. Per ODDO dico che abbiamo due partite importanti prima della sosta; cercheremo di dare il massimo e poi tracceremo una linea e prenderemo le decisioni adeguate, se ci saranno da prendere”.

Luca ANTEI: “Spero di tornare il prima possibile e sto lavorando giorno dopo giorno per tornare al top della condizione. Dopo la sosta spero di essere pronto per aiutare la squadra: e lo staff sanitario mi sta aiutando in questo. Siamo una squadra e non bisogna dare la colpa ad un singolo reparto; quando si hanno dei problemi, si hanno dalla linea difensiva fino ad arrivare all’attacco, nessun reparto escluso, compresi i portieri. Andremo a Lecce cercando di dare il meglio di noi”.

Mirko VALDIFIORI: “Non stiamo vivendo un gran momento ma cercheremo di uscirne. Nei momenti difficili come questo, i giocatori di esperienza come me devono aiutare i più giovani ad uscirne”.

Qui LECCE: Majer e Tachtsidis si sono regolarmente allenati con il gruppo. Programma di lavoro personalizzato per Dermaku, Listkowski, Monterisi, Rodriguez, Bjorkengren, Felici e Falco. Oggi gli uomini di Corini si alleneranno a porte chiuse. Il mister dei salentini non siederà in panchina per squalifica, con 5 mila euro di multa per “avere, al 41° del primo tempo, a seguito del provvedimento di ammonizione, contestato in maniera irrispettosa la decisione dell’Arbitro, reiterando tale atteggiamento mentre abbandonava il terreno di giuoco dopo l’espulsione”. Squalificato anche Luca Rossettini (Lecce) per “avere, al 41° del primo tempo, alzandosi dalla panchina, contestando l’espulsione del proprio allenatore, proferito un’espressione blasfema” (Comunicato ufficiale Giudice sportivo).

40mila.it

 

Lascia un commento

14 Comments

  1. Max1967 ha detto:

    Ancora appresso a questi?
    Da mo che la coerenza non è più un valore ultras qua a Pescara.

  2. benitino1936 ha detto:

    Era il 31 ottobre, ma di 6 anni fa.
    “COMUNICATO UFFICIALE PESCARA RANGERS 1976
    CURVA NORD MARCO MAZZA.
    ADESSO BASTA… CI AVETE ROTTO I COGLIONI..TUTTI COLPEVOLI!!!
    Ma andiamo per ordine:
    -giocatori: di puttanelle impaurite, gente senza palle, senza fame di vittoria NOI né abbiamo le palle piene. Chi indossa la nostra maglia deve esserne fiero, deve sputare sangue, deve onorarla fino alla morte. Cari bambini viziati credo che abbiate capito che a Pescara non si viene per mangiare nei ristoranti o fare la bella vita nei locali notturni. Nulla vi sarà concesso. FUORI LE PALLE O FUORI DA PESCARA!!!
    – allenatore: gli schemi, le tattiche e le metodologie di gioco sono scelte dell’allenatore, così come i giocatori che devono scendere in campo: SE LA SQUADRA NON VINCE E’ DUNQUE COLPA DELL’ALLENATORE. Caro mister le belle parole non ci servono a un cazzo, vogliamo gioco, risultati e ancor prima grinta e carattere. Non ci riesce? Bene, lasci Pescara il più presto possibile, arrivederci e grazie.
    – SOCIETA’: vi abbiamo dato fiducia per lungo tempo, sperando che prima o poi arrivassero i risultati e tornasse l’euforia. Risultato? TRE ANNI DI ANONIMATO TOTALE, TRE ANNI DI FIGURE DI MERDA CHE NOI PER COLPA VOSTRA NON VOGLIAMO FARE. Già, per colpa vostra. Siete voi infatti che avete autonomia decisionale, siete voi quindi i PRINCIPALI RESPONSABILI di tutto questo schifo. Non ci venite ad abbottare le palle con la solita storia dei bilanci regolari e conti in ordine: noi non entriamo nel merito di quanto spendete così come non vogliamo sapere quanto guadagnate; ma voi vi definite imprenditori e noi sappiamo per certo che nessun imprenditore fa l’arte a perdere. E non ci abbottate le palle neanche con la solita pappardella “se ce ne andiamo noi che fine fate?”. Beh cari signori, questi non sono problemi vostri: DATE UNA SVOLTA SECCA IMMEDIATA E DECISA NEL BREVISSIMO TEMPO OPPURE FATE LE VALIGIE E ANDATEVENE TUTTI!!!. Cari signori Daniele Sebastiani, Danilo Iannascoli e compagnia bella: ricordate sempre che voi siete pescaresi come noi (a molti questo può sembrare un particolare di basso rilievo, ma voi sapete benissimo che per le vostre persone questo piccolo particolare può trasformarsi in un boomerang micidiale). Avete dimostrato che non siete assolutamente in grado di gestire una squadra di calcio, e noi gente come voi non la vogliamo. La porta dalla quale siete entrati è la stessa dalla quale dovete uscire immediatamente se le cose non cambieranno.”
    A parte Iannascoli, si può scrivere oggi uguale

  3. alex74 ha detto:

    Mo vi dico come va. Non ringraziatemi. A lecce, non so come, riusciamo a strappare un pareggio 1 1. Riusciranno le ciammariche brufolose come se non ci fosse un domani. Oddo e cullu’ abbotteranno.i petti fino a quando il cittadella non ci umilia in casa.

  4. alex74 ha detto:

    Se retrocediamo deve rimanere a soffrire qua’. Qualche soldo lo deve ricacciare e quelli che gli rimangono a medicine

  5. johnny blade ha detto:

    Minori o di maggioranza sempre sorci sono.

  6. draculone ha detto:

    Cussu’ a sfregio tirerà fino all’ultima goccia, dopodiché lo darà, sempre a sfregio alla peggior cordata o persona possibile, in modo che ci sarà chi lo rimpiangera’. Possa finire al più presto questa morte annunciata. Profe’, risparmiati la risposta

  7. caps ha detto:

    Mettetevi tranquilli . Il Piccolo Colletto Bianco ancora trova chi gli paga la buona uscita . Appena lo troverà lo venderà persino ai Casamonica..ricordate il Milan a chi fu ceduto…in piccolo la stessa cosa . Per Lecce spero che almeno entrino in campo per giocarsela. Se non avverrà con simili persone ci si può aspettare di tutto.

  8. alex74 ha detto:

    La fiera della retorica

  9. UK_Dolphin ha detto:

    Ero rimasto con la Cimmav di Iannascoli che deteneva il 28% delle quote. Mi sono perso qualcosa nel frattempo?

  10. tusciabruzzese ha detto:

    Max, mi risulta che alcuni soci minori abbiano un patto firmato con Sebastiani per il quale quest’ultimo non può vendere la sua quota (che mi pare essere circa del 70%, ma non sono sicuro) senza anche vendere queste altre minori. In questo senso credo abbia detto che in una trattativa rappresenta il 90%
    acute

  11. draculone ha detto:

    Cullu’ continua a dire l’opposto dei giornalai locali. Per quanto andrà ancora avanti sto teatrino?

  12. ilfigliodel36 ha detto:

    3 settembre 2020 Novità importanti circa le indagini sui fatti del 31 marzo 2019, quando sulla Brindisi-Lecce si verificarono incidenti tra le due tifoserie organizzate.
    Scontri ultras del 31 marzo 2019, c’è una svolta nelle indagini. Sono 17 gli indagati a seguito della richiesta di incidente probatorio avanzata dal PM Alessandro Prontera, che si è occupato dei fatti inerenti il prepartita di Lecce-Pescara di due stagioni fa.
    Nell’occasione un gruppo di ultras giallorossi attese ed aggredì parte della carovana di auto e pullman provenienti dalla città abruzzese e diretti allo stadio Via del Mare. Si registrarono incendi ai mezzi, accensione di fumogeni, esplosione di bombe carta e colluttazioni varie, il tutto pare come rappresaglia per un fatto avvenuto, a parti invertite, in occasione della sfida d’andata.
    Sul luogo degli scontri sono state trovate poi armi ed oggi riportarti tracce ematiche, il cui dna verrà confrontato con i profili genetici tratti dai campioni biologici degli indagati.

  13. Max1967 ha detto:

    Due cose le abbiamo capite
    Rappresenta direttamente e indirettamente quindi o è una testa di legno o ci sono diverse teste di legno
    Oddo in due partite si gioca la permanenza a Pescara

  14. biancazzurri ha detto:

    Manghe du’ anni fa angore facevàme li pulman pe lecco cry