SEBASTIANI: BOCCHETTI COME CAMPAGNARO – Sensori, “veri” tifosi e abbonati
24/09/2020
Coppa Italia: ecco l’avversaria del Pescara per il 30 settembre
25/09/2020

Allo stadio il 2,5% dei 40mila!

Con Ordinanza del Presidente della Regione Abruzzo n. 87 in data 23 settembre 2020 (fonte), ad integrazione e specificazione di quanto previsto nella precedente Ordinanza n. 78/2020, è stata autorizzata la presenza di pubblico durante lo svolgimento di competizioni ed eventi sportivi, riconosciuti dalle relative federazioni, di carattere provinciale, regionale o nazionale, nel rispetto – per quanto interessa gli spettatori – delle seguenti testuali disposizioni:

a) la presenza di pubblico è ammessa esclusivamente negli impianti sportivi al chiuso e all’aperto nei quali sia possibile assicurare posti a sedere da preassegnare ai singoli spettatori per l’intera durata dell’evento;
b) ogni spettatore ha l’obbligo di occupare, per l’intera durata della competizione o dell’evento, esclusivamente il posto a sedere specificatamente assegnatogli, con divieto di collocazione in piedi e di spostamento di posto;
c) tra ogni spettatore seduto – a prescindere se si tratti di soggetti del medesimo nucleo familiare o di conviventi o di congiunti – va assicurata, a carico del soggetto gestore, una distanza minima laterale e longitudinale di almeno un metro, con distribuzione quanto più ampia e omogenea degli spettatori su tutti gli spalti;
d) (…)
e) gli spettatori devono indossare la mascherina per tutta la durata della competizione o dell’evento, se al chiuso; all’aperto la mascherina va indossata dall’ingresso fino al raggiungimento del posto e, comunque, ogni qualvolta ci si allontani dallo stesso, incluso il momento del deflusso;
f) (…)
g) (…)
h) è vietato introdurre all’interno degli impianti striscioni, bandiere o altro materiale;
(…)

Come noto, per gli impianti all’aperto, il numero massimo di spettatori consentito è 1000, ma a norma della citata ordinanza tale limitazione è superabile laddove il soggetto gestore dell’impianto rediga un “Piano Operativo – Emergenza COVID-19” contenente adeguati dettagli sulla scelta operata e sulle relative soluzioni tecniche e gestionali che verranno adottate e detto piano sia poi approvato dal Dipartimento Sanità della Regione Abruzzo. La procedura è stata sinora predisposta dalla S.S. Teramo Calcio per poter accogliere nello Stadio “G. Bonolis” fino ad un massimo di 1345 spettatori.

Al momento, rimane il comunicato della Delfino Pescara 1936 S.p.A. che recita: “Le vendite dei tagliandi … sono al momento sospese nel rispetto delle normative anti covid-19”.

40mila.it

 

Lascia un commento

4 Comments

  1. UK_Dolphin ha detto:

    Tanto se l’andazzo e’ come qui da me (e altri posti in Europa) presto si richiude tutto e addio campionati.

  2. Max1967 ha detto:

    Una buffonata che potevano anche risparmiare.

  3. nemicissim0 ha detto:

    “…va assicurata, a carico del soggetto gestore, una distanza…” Quindi, è il soggetto gestore che deve stare a distanza. ADDETTO SCTAMBA REGGIONALE VATTENE!

  4. PRESIDENTE DELLA REGIONE ………………………….VATTENE VIA DA PESCARA !!!!!!!!