Trapani, nuovo ricorso e playout Pescara-Perugia inutili?!?
11/08/2020
Due palloni in campo: multa e squalifica
12/08/2020

E DUE PALLE!

C’era una volta un pallone dispettoso che, con l’aiuto di una manina, lasciò la panchina del Pescara ed entrò in campo, giusto in tempo per fermare un’azione d’attacco del Perugia. I Grifoni si offesero molto per il comportamento sleale del pallone, ma tutto ciò che ottennero dall’Uomo Giallo fu l’esilio dal Reame della manina galeotta e del suo proprietario. Il pallone, quello buono, fu invece restituito ai giocatori del Pescara. E vissero tutti felici e contenti. Tranne i perugini.

La fattispecie parrebbe doversi disciplinare – a mio parere – a norma della Regola 12 del vigente Regolamento del Giuoco del Calcio FIGC, che, per quanto qui interessa, dispone, al paragrafo relativo alle infrazioni commesse dai dirigenti:

“Le infrazioni passibili di espulsione includono (…) lanciare / calciare intenzionalmente un oggetto nel terreno di gioco”

e, per quanto attiene alla ripresa del gioco a seguito di tali infrazioni:

“Se (…) un dirigente lancia o calcia un oggetto sul terreno di gioco e interferisce con il gioco, con un avversario o con un ufficiale di gara

il gioco verrà ripreso con un calcio di punizione diretto

o di rigore dal punto in cui l’oggetto ha interferito con il gioco (…)”.

Nel caso in esame, quindi (ferma l’ineccepibilità dell’espulsione di Andrea GESSA, qui  il provvedimento del Giudice Sportivo nei suoi confronti) l’arbitro avrebbe a mio parere dovuto sanzionare il Pescara con un calcio di punizione diretto, poiché il pallone illegittimamente introdotto in campo appare aver chiaramente interferito con l’azione. Non può, ovviamente, parlarsi di calcio di rigore dacché l’interferenza è avvenuta al di fuori dell’area.

Mi riesce quindi difficile capire come mai il direttore di gara abbia invece ripreso il gioco con una sua rimessa sui piedi di un giocatore del Pescara: soltanto se l’arbitro NON avesse rilevato un’infrazione, sarebbe infatti tornata applicabile la norma generale dettata dalla Regola 5, al paragrafo rubricato “Interferenza esterna”, laddove dispone – in via generale – che nel caso in cui un secondo pallone, un altro oggetto o un animale entrano sul terreno di gioco durante la gara, l’arbitro deve interrompere il gioco (e riprenderlo con una propria rimessa) soltanto se l’elemento esterno interferisce con il gioco (…); lasciare proseguire il gioco se l’elemento esterno non interferisce con il gioco e farlo rimuovere il prima possibile.

Resta da chiarire se un errore tecnico del genere (cioè l’avere l’arbitro scodellato il pallone anzichè concedere una punizione al Perugia, dato che aveva rilevato una infrazione di un dirigente del Pescara) possa legittimare un ricorso per la ripetizione della gara: riterrei di escluderlo, dato che, per consolidata giurisprudenza sportiva, l’errore tecnico (che, è bene ricordarlo, consiste NON nella errata interpretazione di un’azione – rigore o non rigore, fallo di mano o no, gol o no – ma nell’errata applicazione di una norma: mancata espulsione a seguito di seconda ammonizione, errore di persona nell’irrogazione di una sanzione, concessione di un calcio di rigore per un fuorigioco ecc.) può dare adito a tale estrema conseguenza solo se riconosciuto dall’arbitro in referto e se abbia in effetti influito sul regolare svolgimento della gara o sul suo risultato. Cosa che appare davvero difficile affermare.

Resta, ovviamente, l’amarezza per un gesto sportivamente discutibile e sostanzialmente inutile.

Nemicissim0

P.S.: per quanto possano interessare, ecco le dichiarazioni di SOTTIL sull’episodio: “Le affermazioni del signor Goretti mi amareggiano. Io sono una persona seria, leale, soprattutto onesta. Non mi sono mai macchiato di un comportamento antisportivo. Non è stato un bel gesto ma io sono estraneo a quanto accaduto. Quella di Goretti mi pare una comunicazione mirata a caricare la partita di ritorno. Una cosa è certa: a essere penalizzato è stato il Pescara. In campionato i due gol del Perugia erano in evidente fuorigioco e, quindi, da annullare. Non ci siamo affatto lamentati. Ieri, poi, malgrado il Var c’era un rigore netto a fine primo tempo. Gyomber già ammonito avrebbe dovuto essere espulso. In occasione del penalty giustamente concesso, Falcinelli che ha colpito il pallone col braccio andava sanzionato col giallo. Insomma, se c’è una squadra che può legittimamente recriminare è il Pescara e non, con tutto il rispetto, il Perugia. Sul campo, poi, la vittoria è stata cristallina. Ma non è finita. E’ solo il primo tempo. Al ‘Curi’, venerdì prossimo, con coraggio e intelligenza”.

P.S.: nel ringraziare l’utente Nemicissim0 per averci inviato il suo contributo, cogliamo l’occasione per ricordare a tutti gli utenti che sono benvenute le loro proposte di contenuti. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

Lascia un commento

32 Comments

  1. Cmq Gessa è veramente un signore.
    Attacatissimo a questa città e questi colori
    Ricordo quando ( per squalifica o perchè non convocato) venne a vedere la partita in curva nord mezz a nu

  2. nemicissim0 ha detto:

    @Tuscia, se non fosse uscito il colpevole e l’arbitro fosse comunque stato certo del gesto volontario, dovendo quindi sanzionare “qualcuno”, quel “qualcuno” a termini di regolamento è in ogni caso il “primo allenatore”.

  3. pescarese1976 ha detto:

    Certament avem fatt na bella figura di sterco d’asino sarcastic la classe nzi sciacqua…lì fije arispecchje sempr lu cumpurtament di lu cap di famije laugh1

  4. antateavanti ha detto:

    Cmq al Var l’altra sera c’era Pezzuto di Lecce….questo signore(si fa x dire) quando vede il delfino si diverte a farci male…tanto episodi negli ultimi 2-3 anni .Vediamo chi mandano venerdi ad arbitrare …dal curriculum gia capiamo la piega che prende la partita prima di cominciare

  5. antateavanti ha detto:

    Sebastia’ ma co sto caldo nu bell bagn a lu fium vattl a fa …magari t’arfrisch le idee poche e confuse che hai

  6. pescarese1976 ha detto:

    Stem a vide’ chi succed venerdì laugh na cos è cert chi ci li fann paga’ car li du pall ncamp rofl oramai mastrappiccic è un di tropp 🤔

  7. tusciabruzzese ha detto:

    @Fafinho, @nemicissim0: anche secondo me, è assolutamente come dite voi. L’arbitro dapprima colloquia minaccioso con Sottil e chissà cosa di preoccupante gli dice (forse che verrà espulso lui se non esce il colpevole?) … Poi mentre interrompe il colloquio per fare alcuni passi indietro e comunicare ufficialmente la sua decisione, una voce alle sue spalle (sicuramente dalla panchina biancazzurra) lo richiama sui suoi passi … E lui ritorna sui suoi passi ed espelle Gessa. Penso che quest’ultimo abbia detto all’arbitro “sono stato io” per non rischiare peggio …
    bravo
    Rimane da dare dell’imbecille a chi in panchina è il vero responsabile
    punish

  8. nemicissim0 ha detto:

    Concordo con Fafinho. Anche secondo me Gessa si è dichiarato colpevole al posto di qualche tecchio in panchina.

  9. Fafinho ha detto:

    Andrea Gessa è un signore. Si è preso la colpa per non far cacciare giocatori o mister.

  10. GESSA UNO DI NOI! ………………………… CULLU’ UNO DI LORO …………………… VATTENE VIA DAL PESCARA !!!!!!

  11. Fafinho ha detto:

    A Perugia portate lo sparapalloni….

  12. Fafinho ha detto:

    Certo con Cullù la lega ci fa vedere i sorci verdi….prima se ne va meglio è…..tuttavia anche gli altri ” signori del pallone” non sono dei santi…. anzi…. diablo

  13. Max1967 ha detto:

    pescarese1976 LIBERO!

  14. johnny blade ha detto:

    Fra 30 anni il gesto di Gessa sarà ricordato negli amarcord.
    Nel 2020 quando il pescara vinse gli spareggi..

  15. alex74 ha detto:

    Fafinho che ci stanno massacrando è innegabile ma secondo te perché lo stanno facendo? Né che qualcuno ha rotto il cazzo pure in lega? Prima se ne va e meglio è per tutti.

  16. tusciabruzzese ha detto:

    Quindi se la palla stava nella nostra area di rigore, sarebbe stato rigore per il Perugia!
    shock

  17. Cullù a lamentarsi di malafede è come a vidè nu vegan che mi frek a magnà li rrustell sarcastic

  18. Fafinho ha detto:

    Arbitri ridicoli quest’anno. Ricordo ancora il gol annullato a Brunori incredibilmente dal molisano che…nel frattempo…ha fatto pure carriera in A…oppure gestioni a senso unico con botte avversari ignorate sistematicamente e cartellini a senso unico ( rivedere Pe Cittadella)……Cullù è ingiustificabile però in questa stagione ci hanno massacrato

  19. Fafinho ha detto:

    Al Var forse invece della partita vedono i film di di Lino Banfi

  20. Fafinho ha detto:

    Il calcio è quello che è. Però basta subire piagnistei da una società come il Perugia che ci ha segnato 2 gol in fuorigioco e non ha subito un rigore netto per il pallavolista sagnone.
    Andiamo lì a giocarci la partita. Pressare attaccare. E poi fate fare a Hugo e basta.

  21. draculone ha detto:

    Per me una giornata è poco. Detto questo torno a ripetere vittoria meritata che poteva essere molto più larga se non ci fossero stati quei torti arbitrali, fatti, secondo me, di proposito. Certo è, caro profeta, che una società che ha cullu’ come presidente, non si può lamentare della “malafede

  22. profeta ha detto:

    Non sapete proprio a cosa appelarvi pur di dare addosso al Presidente. Invece di urlare ai 4 venti tutti i torti arbitrali come, giustamente, ha segnalato un utente. Mi convinco sempre più che voi non siete tifosi del Pescara ma dal Chieti

  23. 40mila.it ha detto:

    INTEGRAZIONE
    Al termine del contributo, sono state aggiunte le dichiarazioni di SOTTIL a riguardo della stessa vicenda.

  24. johnny blade ha detto:

    A me fa imcazzare più il RIGORE NEGATO. Sarà pure grave il gesto di Gessa ma mai come la malafede dell’arbitro e del var dimmerda .
    Ma si parla solo di Gessa..
    E io lo ringrazio.

  25. hugobiancazzurro ha detto:

    E’ vero che stiamo subendo molti torti arbitrali dopo la ripartenza.

  26. caps ha detto:

    Abbiamo vinto ma non conta nulla. Ci permetterà di giocarci la partita di ritorno ma nulla di più. Occorrerà giocare come se dovessimo vincere altrimenti ci accadrà come al Chievo…E poi nessuno mi toglie dalla mente che Petto Abbottato si è creato parecchie antipatie in lega x la sua arroganza …vedi arbitri girone ritorno..vedi talune operazioni di giocatori fatti mentre ti giochi la salvezza…

  27. hugobiancazzurro ha detto:

    Gli errori degli arbitri che sono al Var non hanno nessuna giustificazione. Alcuni arbitri sono sempre stati in malafede e ora si sono spostati dietro gli schermi del Var. E’ ancora peggio perché prima li vedevi in campo mentre ora sono nascosti.

  28. 433offensivo ha detto:

    Riflettevo sul perché il calcio ha perso credibilità.
    Abbiamo dato delle responsabilità alla pay TV, a presidenti affaristi, alle nuove generazioni distratti da altro, ma non avevo mai preso in considerazione alla credibilità che nel tempo, il calcio ha perso.
    Errori arbitrali, in alcuni casi clamorosi a tal punto da far dubitare sua buona fede, calcio scommesse, giocatori mercenari…
    Un mondo che di etico ha ben poco…

  29. 433offensivo ha detto:

    Al di là degli aspetti tecnici, resta il vergognoso gesto antisportivo.

  30. biancazzurri ha detto:

    Ah, me so scurdàte la traslitterazzione in itagliano dell’ultima frase. Ecchelé:
    ‘Come direbbe Cullù: CESSA UOMO INGOMBRESO, SIGNORE D’ALDRI DEMBI!’
    Straàne che suona uggguale uggguale que pardon

  31. biancazzurri ha detto:

    La red’azzione m’a mànnate n’imeil che tingh’ da mett’ la traduzzione. Vabbò, meno male ca ci sta guggol ANALitics e guggol trasduttore:
    ‘Allora, stavo asserendo che non intendevo il come mai e il chissà poi perché abbiano perfino comminato una interdizione di una giornata al nostro Tim Manager biancazzurro Gesta. Lui, non potendo dalla sua seduta collocazione ben percepire se la sferica sagoma fosse finanche fuoriuscita dal perimetro di gioco, complessa e ardita valutazione supposto che suddetta sagoma sferica si posizionasse innanzi alla panca grifata, per eroico ed altruistico gesto ha nel dubbio signorilmente favorito i rivali griffati porgendo loro con tempestività, e non intuendo bonariamente di scatenare invece una tempesta, una palla alternativa cosicché quelli potessero subito riprendere il gioco ed avere addizionali chance di pareggiare. A un cotanto gesto d’altissima sportività si dovrebbe riconoscenza cioccolatina mediante spostamento e rifacimento della statua da Piazza Salotto a Spiazzo Perù’ Jazz’.
    Mo vabbò? (ma com’a c**zz’ parléte a 40mila.it!) dash2

  32. biancazzurri ha detto:

    Ma picché l’anne scualificàte a Cessa? A Cessa jà sembràt’ che lu pallone avé ‘scìte da lu campe. I’nfatt’ se guardéte bbòne, la pall’ stève vicìne vicine a la linea laterale davant’a la panchine de lu Pertugia. Da la panchina nostr’ nzi putève vedé bbòne se avé ‘scìte o no. Ma Cessa à pensàte di sci. Allora, siccome è nu signòre à pensàte di caccià subbite subbite nu pallòne pe’ non fa perde temp’ a lu Pertugia che vuléve rimontà. Nu comportament’ ultras-sportivo no anti-sportivo. Li pertugini i’avessere da fa’ ma sctatua a lu Pertugia Gèzz’. Àtre che scualifica! Come direbbe Cullù: CESSA UOMO INGOMBRESO, SIGNORE D’ALDRI DEMBI!