A GIOCO FERMO, REGOLE IN MOVIMENTO
24/04/2020
AI TEMPI DEL CORONAVIRUS (28): MISTER “FASE 2”
27/04/2020

AI TEMPI DEL CORONAVIRUS (27): “LIBERAZIONE”

La ripresa in Italia – 

Zdenek ZEMAN: “Sono pessimista su una possibile ripartenza. Credo che questo virus abbia fatto danni e ne farà ancora. La cosa più importante è la salute. Assegnazione Scudetto? Si possono fare tante ipotesi, ma per me non c’è niente da assegnare a nessuno”.

FIGC: “Per quanto riguarda la ripresa dell’attività, è intenzione del presidente Gravina adottare nelle prossime ore, d’accordo con tutte le componenti federali, una delibera per posticipare al 2 agosto la fine della stagione sportiva 2019/2020. Tale determinazione verrà assunta nel pieno rispetto delle raccomandazioni ricevute dalla FIFA e dalla UEFA, nelle more delle decisioni del Governo e del necessario approfondimento che leghe e AIC faranno in tempi brevi per la definizione del prolungamento dei contratti in scadenza al 30 giugno”.

Daniele SEBASTIANI: “Non siamo noi a decidere questo. La FIGC spinge per finire tutto entro il 30 luglio, ma comanda il virus, non noi. A Cremona, ad esempio, al momento non c’è nemmeno un albergo aperto. Ci auguriamo di tornare in campo per la metà di giugno, ma dipenderà dai dati della pandemia. Serve una gestione attenta del settore calcio, altrimenti si rischia l’implosione. Se non si potrà ripartire, qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di decidere cosa fare. Io penso che sia importante fare le cose per bene per evitare di rovinare non una, ma due stagioni. L’auspicio di tutti è riprendere e finire il campionato sul campo, anche per evitare discussioni di qualsiasi tipo, comprese quelle giuridiche. La Lega di B ha deliberato all’unanimità di finire il campionato sul campo, ripartendo in sicurezza”.

Comunicato Pisa calcio: “Il Pisa Sporting Club desidera confermare a tutti i possessori di abbonamenti per la stagione 2019/20, che provvederà, in ogni caso, al rimborso della quota di sottoscrizione relativa alle partite del campionato in corso che dovessero disputarsi a porte chiuse o, eventualmente, non disputate a causa del Covid 19”.

La situazione internazionale – 

UEFA (Comunicato 23 aprile 2020): “Dei due scenari esaminati dal gruppo di lavoro del calendario, entrambi prevedono che il calcio domestico inizi prima delle competizioni UEFA per club, con uno che mira a condurre le competizioni in parallelo e l’altro che prevede di completare le partite nazionali prima di ricominciare le partite UEFA in agosto (…) A seguito delle dichiarazioni presentate dalle autorità calcistiche in Belgio e Scozia, il Comitato ha approvato le Linee guida sui principi di ammissibilità per le competizioni UEFA per club 2020/21. Le Linee guida riflettono il principio secondo cui l’ammissione alle competizioni UEFA per club si basa sempre sul merito sportivo. Pertanto, la UEFA esorta le federazioni e le leghe nazionali a esplorare tutte le possibili opzioni per tornare a giocare tutte le massime competizioni nazionali, dando accesso alle competizioni UEFA per club alla loro naturale conclusione. Tuttavia, la UEFA sottolinea che la salute dei giocatori, degli spettatori e di tutti coloro che sono coinvolti nel calcio e nel pubblico in generale deve rimanere la preoccupazione principale in questo momento. Lo scenario ideale, qualora la situazione pandemica lo consenta, è di completare le competizioni nazionali attualmente sospese, nel loro formato originale, consentendo alle squadre di calcio di qualificarsi per le competizioni UEFA per club sulla base del merito sportivo. Se questo risultato non fosse possibile, in particolare a causa di problemi di calendario, sarebbe preferibile che le competizioni nazionali sospese riprendessero con un formato diverso in modo da facilitare le squadre a qualificarsi per merito sportivo. La UEFA si riserva il diritto di rifiutare l’ammissione [alle Coppe europee – ndr] di qualsiasi club proposto da una federazione nazionale la cui competizione nazionale sia stata anticipatamente interrotta, in particolare laddove le competizioni nazionali non siano state terminate prematuramente in base ai motivi indicati nelle presenti linee guida UEFA o sulla base di altri motivi legittimi di salute pubblica”.

Eredivisie (massima divisione calcistica olandese – Comunicato 24 aprile 2020): “Sfortunatamente, con le più recenti misure del governo, è diventato impossibile completare in tempo la stagione 2019/2020 delle competizioni calcistiche professionistiche. E’ chiaro a tutti i soggetti coinvolti, dai tifosi e giocatori a gli allenatori e arbitri, che la salute pubblica viene sempre al primo posto. Il Consiglio ha deciso, previa consultazione di club, giocatori e allenatori, e con l’approvazione del Consiglio di vigilanza, di interrompere la competizione 2019/2020 e di assegnare i posti per le competizioni europee sulla base dell’attuale classifica, conformemente alle linee guida UEFA. In relazione a promozioni e retrocessioni, è stato deciso di non promuovere e di non retrocedere alcun club”.

Bundesministerium für Arbeit und Soziales – Bundesrepublik Deutschland (Ministero Federale per il Lavoro e gli Affari Sociali – Repubblica Federale della Germania): in caso di ripresa, dovrà usarsi la mascherina, la quale dovrà “non scivolare dal viso in caso di scatti veloci, colpi di testa e contrasti di gioco, oppure il gioco deve essere interrotto”.

Liga MX e Ascenso MX (Prima e Seconda divisione messicana – Comunicato 24 aprile 2020): “Il venerdì 24 aprile 2020 si sono tenuti il ​​Comitato Esecutivo e l’Assemblea Straordinaria della Federazione Messicana di Calcio. Dopo aver analizzato la situazione che sta vivendo l’ASCENSO MX e al fine di garantirne la non scomparsa e, quindi, la continuità dei club che compongono questa divisione, i rappresentanti … hanno votato all’unanimità a favore del seguente accordo: conclusione immediata della stagione 2019-2020 di ASCENSO MX; sospensione di promozioni e retrocessioni per le prossime sei stagioni”.

I biancazzurri di oggi – 

Luca CLEMENZA: “Se dovessimo ricominciare il 4 maggio sarei contento perché il campo mi manca. Ho tanta voglia di giocare e mi auguro che il campionato riparta prima possibile. Chiaramente si dovranno rispettare le prescrizioni. Con la ripartenza dei campionati verrebbe lanciato un segnale positivo al Paese: nel nostro piccolo potremmo dare un po’ di spensieratezza agli appassionati di calcio in vista del ritorno alla normalità”.
“Qui a Pescara sarei felice di rimanere. Mi sono ambientato subito e la considerazione che ho avuto da LEGROTTAGLIE mi ha dato una forte carica. A Pescara si sta bene: abito a due passi dal mare e vi assicuro che, per uno che è vissuto prima a Vicenza e poi a Torino, è una bellissima sensazione”.
Sul campionato in corso: “Forse il trend negativo ci ha tolto qualche certezza. Abbiamo sempre tenuto testa agli avversari, ma al primo gol subìto smettevamo di giocare. È una questione mentale: in futuro non dovremo farci condizionare dal risultato perché in B bastano due vittorie consecutive per risalire. I principi di gioco di LEGROTTAGLIE sono perfetti per una squadra che ha valori tecnici eccelsi. Non dovremo mai più snaturarci: prima o poi la nostra qualità emergerà”.

Riccardo MANIERO: “Io sono favorevole alla ripartenza dei campionati purché ci siano tutte le regole necessarie per far sì che non ci sia nessun nessun pericolo per i giocatori e tutte le persone. C’è un po’ di timore perché comunque ci può essere il rischio di essere contagiati. Però, come detto prima, vorrei riprendere perché è la cosa più giusta”. “Sto trascorrendo la quarantena chiuso in casa con la mia famiglia. Mi alleno un’ora al giorno in video conferenza con il prof e tutto lo staff che ci segue per tre volte a settimana; e poi, gli altri giorni, vado giù nel garage. E’ un garage lunghissimo e mi alleno con i 3-4 compagni che abitano nel mio palazzo”. “Alla ripresa dovremo fare più punti possibili per tirarci fuori dalla momento brutto che stavamo attraversando”.
“In futuro io vorrei restare a Pescara; vorrei rimanere come sanno tutti”.

I biancazzurri di ieri – 

Marco SANSOVINI: “Si, ho rifiutato il Chieti per una ‘scelta di cuore’. Questa estate i dirigenti neroverdi mi hanno contattato ma per i miei trascorsi in biancazzurro ho declinato, pur ringraziando la società teatina. Non ho nulla contro il Chieti e la città, ma dopo la mia splendida esperienza al Pescara, questa scelta mi è sembrata una forma di rispetto verso i miei ex tifosi”.

Milton TITA: “GALEONE è stato un tecnico di gran valore e che guardava nel futuro. Gli piaceva il bel calcio, voleva lo spettacolo e per questo volle in squadra tre brasiliani come il sottoscritto, JUNIOR ed EDMAR. E poi ricordo tanti compagni speciali, tra cui anche GASPERINI che ora è un tecnico che apprezzo molto con la sua Atalanta”.
“Pescara è come Rio de Janeiro. C’è il mare; il sole. E c’è la miglior cucina del mondo. Mangiavo sempre degli spaghetti alle vongole unici. E’ stato il miglior periodo della mia vita da calciatore, un’epoca d’oro. Con JUNIOR ed EDMAR, poi, ogni lunedì andavamo a Roma. Che spettacolo”.
“A Pescara arrivavo dal Bayer Leverkusen, con cui avevo vinto la Coppa Uefa. L’ambientamento fu buono e in Coppa Italia fui il terzo miglior cannoniere con 7 gol alle spalle di Vialli e Baggio. Ho un ottimo ricordo perché mi trovai bene e credo di aver stabilito anche un record che nessuno ha battuto: in due partite all’Olimpico contro la Roma e la Lazio segnai cinque gol. Non male. Ho segnato anche al Milan di Sacchi e alla Juve. Peccato che non sia bastato per evitare la serie B”.

 

40mila.it

Lascia un commento

90 Comments

  1. pescarese1976 ha detto:

    lu fubbal sta a nu bivji o cagn mod di ragionare o scoppia, ci sono troppo fasi intermedie (dicasi procuratori CHI NI SERV A NU CAZZ!) nelle compravendite di ”fantomatici giocatori” e nghi so dett tutt

  2. johnny blade ha detto:

    Il livello di contagio in Lombardia è sempre stato alto e lo è ancora. Mo che riaprono voglio ridere.. vogliono dar pensare che stare a Milano è cone stare in un paesino.
    Mamma mia.

  3. johnny blade ha detto:

    In merito all allentamento del lockdown sono molto perplesso.
    Sono molto sfiduciato.
    Poi non ho capito se serve ancora l’autocertificazione.

  4. johnny blade ha detto:

    Gli staff sanitari delle squadre non vogliono ripartire perché non si sentono tutelati dal punto di vista dei diritti e doveri. Giuridicamente non sanno cosa rischiano se un giocatore deve uscire per infortunio cosa devono fare non lo sanno. E se sbagliano?

  5. Max1967 ha detto:

    Devo dire che in giro le persone mediamente si comportano con responsabilità. Poi c’è lo stupido ma rientra nelle eccezioni fisiologiche.
    Le aziende devono imporre il distanziamento ovunque anche alla macchinetta del caffè.

  6. draculone ha detto:

    Non è colpa dell’azienda che ha fatto di tutto per farci lavorare in “sicurezza”. Scusa ma in giro, tipo quando vai a fare la spesa, quante persone rispettano le norme? Anche li i negozianti adottano le misure è la gente che ha la patente “c” da coglione

  7. Max1967 ha detto:

    Draculone vuol dire che la tua azienda non fa rispettare le norme del distanziamento sociale.
    Non basta rispettarle sulla linea di produzione.

  8. tusciabruzzese ha detto:

    Ho riletto il messaggio della Uefa: in poche parole dice che bisogna finire i campionati di serie A in qualche modo. Se non si possono giocare tutte le partite, almeno occorre fare i play-off. A questo punto, butto lì una previsione che avrebbe il minimo impatto sanitario: serie A con finale A/R Juve-Lazio con le regole dei play-off della serie B. Idem per la terza retrocessa tra Genoa e Lecce. Serie B: Benevento e Crotone promosse e playoff fra 3a e 4a. In fondo alla B, Ascoli-Cremonese da giocare per forza (hanno una partita in meno); e poi una di playout. Tutte le altre posizioni della B sono cristallizzate. Per cui il Pescara non riprenderebbe proprio a giocare. Questo si può fare dal punto di vista sanitario per avere il minimo impatto: riprenderebbero a giocare solo le pochissime squadre interessate.
    Purtroppo, però, questo piano non salva i diritti TV … Ma secondo me non c’è modo di salvarli, a meno che non si prolunghino le stagioni ad oltre la scadenza del 2 agosto. Anche se poi non so se credere alla ripresa vera del calcio se non a dopo il vaccino.
    Ciò detto, e per chiudere con una battuta (ma non troppo), penso che ci siamo liberati di Sebastiani: andrà in Messico! Quello che hanno deciso lì è il suo sogno: serie B mantenuta economicamente dalle squadre di Prima divisione e nessuna retrocessione (in C) per 5 anni!
    laugh

  9. draculone ha detto:

    Buongiorno. Per me il problema è alla base. Non è un fatto di allentare le restrizioni, perché prima o poi si deve ripartire, il guaio è che il 90% della popolazione continua a sottovalutare la pandemia. Gente senza mascherina, non rispetto delle distanze. Io è da più di una settimana che ho reiniziato a lavorare, e in tutto che l’azienda ci controlla la temperatura all’ingresso, ci fornisce mascherine, sanifica gli ambienti, la gente come se nulla fosse si assembra alla macchinetta del caffè, alla timbratrice ecc ecc.

  10. johnny blade ha detto:

    Ci sono più probabilità che col tempo tutto tornerà male o che tutto andrà peggio? Chi lo sa. Buonanotte.

  11. 433offensivo ha detto:

    Condoglianze Alex, mi dispiace molto. 😔😔

  12. pescarese1976 ha detto:

    gionnilumilanes76 nghi lu triciclo sci nghi li du rot no laugh1 povir a nmano a chi stem atr chi potenza di fuoco a lu massim na cureja di uno stitico rofl

  13. pescarese1976 ha detto:

    Conte e LU SPARAGNIN andatevene via o meji ietiv ariponn tutt e du

  14. johnny blade ha detto:

    Ma con la fase2 si può andare in giro con la bici da corsa?
    Ngi so capit nind.

  15. pescarese1976 ha detto:

    Alex ma ti li pruv a immagina’ Giuvann Galion in panchina e LU SPARAGNIN a lu post del CUMMENDA? Cia sand top vidiv si aviss mess lu bavaglio a la CURVA NORD laugh1 si ni dev a scappa’ da Piscar rofl

  16. vitabiancazzurra ha detto:

    Condoglianze Alex per tua zia .

  17. alex74 ha detto:

    Siamo allegri uagliu’

  18. Milton Tita ha detto:

    condoglianze Alex. un abbraccio

  19. Repoman ha detto:

    Condoglianze frate’

  20. lecote ha detto:

    Condoglianze alex74 mi dispiace

  21. draculone ha detto:

    Sentite condoglianze Alex

  22. tusciabruzzese ha detto:

    Condoglianze alex

  23. pescarese1976 ha detto:

    Alex la prima cosa che mi è venuta in mente. Mi dispiace e mi unisco alle condoglianze. Uaglio’ quess è la vita, iem avanti e speriamo che quedto muro ti tenga uniti. Un grosso abbraccio virtuale

  24. alex74 ha detto:

    Grazie raga’.

  25. lefferituel ha detto:

    Condoglianze Alex, mi dispiace.

  26. Max1967 ha detto:

    Condoglianze Alex

  27. Mi dispiace Alex, condoglianze.

  28. johnny blade ha detto:

    mo dispiace alex

  29. alex74 ha detto:

    E che vulem fa. È la vita. La cosa che fa più male è che non gli possiamo manco fa il funerale. Sa mort come nu can

  30. nemicissim0 ha detto:

    Alex, mi dispiace tanto. Condoglianze.

  31. alex74 ha detto:

    Pescare’ infatti mia zia non ce l ha fatta.

  32. johnny blade ha detto:

    Ma Giampaolo non era vice allenatore?
    Cmq quelli buoni teanne in rarissimi casi dueano massimo un anno…altra cosa che non ho mai capito.

  33. pescarese1976 ha detto:

    Noi a Pescara, secondo il mio modestissimo parere di cretino, abbiamo avuto 2 tra i migliori allenatori italiani, Sarri e Marco Giampaolo.

  34. johnny blade ha detto:

    “In serie A ci si arriva per caso, o per una serie di circostanze favorevoli, e c’ è poco ricambio. Una volta lì, si dimostra quel che si vale. Per questo mi piacerebbe allenare in A, dopo Udine, Pordenone, Adria, Cremona, San Giovanni Valdarno, ancora Udine, Ferrara e Pescara”.
    Parole sue. A noi in A abbiamo sempre fatto 29,massimo 30, mai 31.

  35. pescarese1976 ha detto:

    Momenti unici Giuvann nello specifico con il suo mondo di fare si rispecchia proprio in noi pescaresi sarcastic

  36. pescarese1976 ha detto:

    Lui è ZZ sono stati croce e delizia del nostro Pescara però tutt e du ci hanno fatto vivere dei momen

  37. pescarese1976 ha detto:

    gionnilumilanes76 sopr a Giuvann ho stess na fregh di cos da di ma è meji a lascia’ perd

  38. pescarese1976 ha detto:

    Non posso che condividere il tuo pensiero proprio pi quest la sua sua carriera da allenatore non è stato è stata limitata

  39. johnny blade ha detto:

    No non mi hai capito.
    Intorno a lui secondo me è nato un mito che va ben oltre alla realtà.
    Io lo ho sempre visto come un piromane e non come un pompiere.

  40. pescarese1976 ha detto:

    gionnilumilanes76 pur pi me Giuvann è nu mit però maestr chillann la fatt zozz e si mo tiness li pall come dice sempre di avere ci dicess la verità visto che IL CUMMENDA pace a l’anima sua noi sta chiu’

  41. pescarese1976 ha detto:

    Oh ma Alex chi fin a fatt search spero che sia tutto ok, ci aveva detto della zia. Alex batti un colpo se ci sei che cia mingh 😉

  42. Max1967 ha detto:

    Mi sting a preoccupà per Alex.

  43. biancazzurri ha detto:

    Sindaco mo’ non mi si piaciute. Mica sa ringrazià nu chitìne beee

  44. vitabiancazzurra ha detto:

    Cillon ti do amaramente ragione ….😏

  45. johnny blade ha detto:

    Galeone…un mito oltre la realtà.
    Per me da sempre..
    Offendetemi pure laugh

  46. Bhe i presidenti se volessero hanno il potere di farle finire subito le società dei procuratori, ma evidentemente fanno comodo anche a loro.
    Una volta le società di calcio parlavano direttamente con i colleghi presidenti e direttamente con il calciatore interessato.
    Il calciatore ne parlava con la propria famiglia, si valutava insieme la città di destinazione e l’ambiente, si valutava per i figli che magari si erano già integrati, specialmente nelle scuole, e tanti preferivano non farli trasferire, non si pensava solo e soltanto ai soldi ma anche agli aspetti della vita.
    Oggi invece hanno il procuratore che decide tutto per loro in base al dio denaro, mandando a puttane tutti i valori e i sentimenti veri che contano. Sono tutti assetati di denaro e di potere, e la cosa piu triste è che la maggior parte dei tifosi invece crede ancora nella buona fede e sono gli unici che portano ancora sugli spalti i valori Veri con Orgoglio e Dignità .
    Ripeto, la maggior parte dei tifosi, perchè anche qui ci sarebbe molto ma molto da riflettere.

  47. hugobiancazzurro ha detto:

    Però ce la prendiamo troppo sempre contro i calciatori e i presidenti. Per loro è un lavoro mentre per noi no. Ci sono calciatori che guadagnano solo per pochi anni e ci devono tirare a campare tutta la vita. I presidenti stanno nel fuoco incrociato di decine di migliaia di tifosi che devono solo criticare. Forse siamo un pò troppo invidiosi del mondo del calcio. Ci sono mele marce di sicuro ma oggi stanno soprattutto tra i calciatori e i procuratori perché hanno preso un potere enorme

  48. antateavanti ha detto:

    Roma ovviamente non Rima

  49. antateavanti ha detto:

    Infatti Viola della Rima lo stava per prendere ma poi ci ripensò….(anche Moratti fece un colloquio col gale) Troppo anarchico . E davanti a un microfono andava a ruota libera …grosse responsabilità anche quando dichiaro’ Datemi Compagno che poi si rivelò uno scarsone…impossibile sostituire Roccovolante . Ciò detto non possiamo scordare tutte le cose belle anzi uniche che il mister ci ha mostrato…come tutti i personaggi particolari i difetti sono evidenti quanto i pregi .

  50. pescarese1976 ha detto:

    Giuvann nziem a n’atr (?) ci aizzarono contr IL CUMMENDA è li va sa rott il giocattolo chisciccis. Banda a le ciang avess vulut vide’ LU SPARAGNIN a chi fa nghi Giuvann laugh1 vinev for li murt e nziem a LU SPARAGNIN pur n’atr e cioè LU FARMACIST laugh1 mi facc na domanda, avet mai vist a parla’ bbon e sol parla’ LU FARMACIST di Giuvann? mda addummanev lu picche’. Meh vi so dett tropp avast

  51. pescarese1976 ha detto:

    Ji quand dic ma cos è quell e nzi tosc laugh di quei 2 anni ne avrei tante ma veramente na fregh da raccunta’ però coma si dic facemic li cazz a nustr. Galeone pi du mutiv non è mai andato a nu cleb di blasone: un picche’ è na pirson incontrollabile (mittemil accusci) e natr è meji chi ni li scriv sinno’ mi becc na querela

  52. caps ha detto:

    Addio calcio … oggi e’ solo moneta con tanti mercenari e aguzzini che ci vivono. E’ la prossima volta che un giornalaio del cepu nostran8 dira’ che e’ solo un gioco…2 calci nel deretano… big_boss

  53. antateavanti ha detto:

    Gasperini è sempre stato il portavoce della squadra fin dal campionato della promozione 86-87 quando riuscì a far concedere dalla società una % di incasso alla squadra …era Novembre e i dirigenti quasi per sfida accettarono …mai potevano immaginare un girone di ritorno anzi da prima di natale lo stadio sempre gremito per via della sfavillante banda Brangaleone (episodio questo raccontato da Rocco Pagano) . Cmq può essere la versione che dici tu pe76…come dargli torto al calabrese …Di colpo il mister e la squadra con la bava alla bocca a battere cassa …poveri noi tifosi vittime di questi sporchi giochi di denaro

  54. johnny blade ha detto:

    Povere creature.
    Peggio della miniera.

    Max1967 sci infatti ricordo caccos.

  55. draculone ha detto:

    Tutti a battere cassa dalla preistoria. Poveri giocatori, che vitaccia

  56. Max1967 ha detto:

    Molti hanno dimenticato che Gasperini era contestato anche dai tifosi…per anni un scritta ha campeggiato sotto la nord

  57. johnny blade ha detto:

    Gasperini…? Che mxxxa.
    Lo avrei immaginato che ci fosse lui di mezzo..

  58. lecote ha detto:

    Pescarese 76 tutte e due quelle che hai detto… Gasperini che era il sindacalista della squadra si recò da Scibilia a chiedere un premio salvezza o addirittura un premio Uefa e al suo rifiuto la squadra gli si ritorse contro

  59. Si johnny, Chernobyl a parte, bellissimi tempi, e come caxx corr lu temp cry

  60. johnny blade ha detto:

    Cillóoo bei tempi.. laugh
    No mo..

  61. Buongiorno
    34 anni fa il disastro di Chernobyl

  62. pescarese1976 ha detto:

    Appunto gionnilumilanes76 e secondo te picche’ le voci che si ricorderò furono tante anzi tantissime tra cui 2 in particolare IL CUMMENDA pur da rimetti la nucell di lu capicoll ordinò la disfatta (con tutta sincerità non ci ho mai creduto a questa tesi di complotto) ma a n’atr voce sci e cioè 2 giocatori quotatissimi di quella squadra si l’ann ‘nchiappittat

  63. johnny blade ha detto:

    Galeone……..manco 1pt in 8 partite…

  64. tusciabruzzese ha detto:

    Sebastiani preoccupato di perdere non una ma due stagioni. Cioè: 2 calciomercato, 2 diritti TV, 2 contributi Lega, eccetera eccetera. Al che pensavo che forse il suo ideale sarebbe fare 3 campionati ogni anno! Ci pensate? Sarebbero 6 calciomercato e 3 volte i diritti TV per ogni anno solare!
    laugh

  65. Max1967 ha detto:

    I giocatori a volte non vengono ricordati solo per le loro imprese calcistiche…vedi Caraglio

  66. vitabiancazzurra ha detto:

    Ue’ lavoratore domenicale76..Barbudos nzi scriv con la T …fatt da nu ripass serale di ndialett da appress lu piscare 🤣

  67. pescarese1976 ha detto:

    Quand so scritt che ancora riesco a capire la caduta libera dopo Roma, rilegetevi un altro mio post (scritto prima) e dopo capirete dov vulev arriva? Galeon a fatt di sbaji: primo vulev fa la prima donna nghi li jucatur e dop nghi LU CUMMENDA, a chi lu pund cia pjat a li dind a catena vi l’avem pjat arret pur nu dash2 Sapet chi è due dei pochi a sapere la VERITÀ? Uno è LU BARBUTOS e l’atr Rifredo Rocchi (sicuramente anche il figlio). Oramaj è acqua passat mo vai a fatia’ a dop 😉

  68. pescarese1976 ha detto:

    Bongiorn a la truppa di 40mila.it friends vita76 che dirti hai proprio ragione sulla riflessione fatta. Edmar? draculetto76, anche tu hai ragione, però mo ciarisem ji cacche zampat a lu pallon li so dar e vi poss assicura’ che l’unità di spogliatoio fa l’80% di una buona riuscita di annata. La continuità poi la da la struttura che hai dietro le tue spalle

  69. vitabiancazzurra ha detto:

    Tita all’olimpico mi fece versare lacrime di orgoglio ed emozione ma dopo quell’apice raggiunto si spense fu un fantasma in campo fino alla penultima in casa contro la Juve di Tacconi…indelebile quel tu per tu col portiere bianconero che quasi inerme e impietosito gli indicava dove fare gol ma lui butto’ fuori la palla che valeva la salvezza ..cancellando quasi con un solo gesto, nella mente dei tifosi, le splendide imprese fatte qualche partita prima . Si diceva lo avesse assalito la saudade non lo so ma il mio ricordo resta più agro che dolce…Su Edmar stendiamo un velo pietoso.(accolto da migliaia di persone all’aeroporto)Venne con le credenziali di bomber pazzesco e l’unica gran partita la fece in coppa italia a Brescia (insieme ad Artico Vukusic e Cocco fu una delusione immensa parlando di presunti bomber degli ultimi decenni)

  70. vitabiancazzurra ha detto:

    Ho una mia opinione sul perché…uno dei tanti non il solo di quella caduta libera allucinante…mi sembra che nelle restanti 8 partite bastasse 1 punto per salvarsi . Secondo me e mi spiace dirlo Galeone al quale sarò riconoscente a vita come tifoso li (come in altre occasioni purtroppo)dimostrò che per fare l’allenatore ad alto livello nn basta le grandi idee tecnicamente parlando è il carisma coi giocatori …devi essere bravo a gestire tutte le componenti…lui sfaldo’ l’ambiente parlando di possibile coppa Uefa trasformando l’entusiasmo in euforia cosa che che fa perdere la lucidità e la concentrazione, critico’ Scibilia ironizzando prima e attaccandolo in seguito sul rinnovo e aumento dell’ingaggio…la squadra dopo Roma era svuotata lenta in campo nn tirava più in porta…io credo abbia influito tanto quello che succedeva fuori dal campo ….si diceva, e tanto basta una vittoria, ci salviamo

  71. draculone ha detto:

    Edmar fu una grande delusione

  72. vitabiancazzurra ha detto:

    Pe76 non ci posso ripensare a quella retrocessione che resta per me una ferita ancora sanguinante. Ebbi la fortuna di assistere a entrambe le partite nella capitale …il 2-2 contro la Lazio di Ruben Sosa che il primo tempo ci mise sotto e la doppietta di Tita nei secondi 45 minuti che sfiorò il terzo gol per un niente e il 3-1 alla Roma di Liedholm Voller e Giannini che forse è stata la partita più bella fuori casa mai fatta dal Pescara (poteva finire 1-6) .

  73. Auà sono sincero, io non l’ho criticato più di tanto, qualche parolina ma niente più, mi stava simpatico, era sanguigno, a volte se ne usciva un pò di quarto ma era il suo temperamento focoso di uomo del sud. Mi piaceva tanto quando si incazzava con gli arbitri e davanti ai microfoni per tanto che era nervoso n’giavaiej 😄 Se tornasse il genero sarei contentissimo

  74. pescarese1976 ha detto:

    Eh mo chi fa LU SPARAGNIN? Ci fa pappa e ciccia rofl Giuva’ mi si delus pur TU. Si sempr stat da la part di li tifus e mo chi fi? Fritturina e rustell nghi LU SPARAGNIN e LU FARMACIST ma brav Giuvann pur TU ti si vinnut pi mi cafè a lu stabbiliment balneare laugh1

  75. pescarese1976 ha detto:

    Avrei proprio voluto vedere un allenatore come Galeone nghi LU SPARAGNIN secondo me vinev for ma terza guerra mondiale sarcastic

  76. tusciabruzzese ha detto:

    I biancazzurri di ieri: Tita e Sansovini. I biancazzurri di oggi: Clemenza e Maniero. Sebastiani, trovami le differenze
    help

  77. pescarese1976 ha detto:

    Cillo’ tant trit e ritrit sembr la jem a fini’ e cioè altri tempi e altri uomini fare dei paragoni non mi sembra giusto. Una cosa però ariman fermo e cioè mi trovo a rimpiangere IL CUMMENDA a cui so dett chiu’ parol chi parol dash2

  78. Pescarè, è vero che siamo retrocessi con bei giocatori però eravamo una decina di squadre a lottare per non retrocedere, e poi vatti a vedere i giocatori delle squadre di quel campionato

  79. pescarese1976 ha detto:

    Gionnilumilanes76 in questi giorni ha fatto presente di Germy perché non scrive più. Germano batti un colpo e salutarci, tibaspettiano

  80. pescarese1976 ha detto:

    Senso non si discute, ma la verità del perché sia andato via dopo la promozione la sanno solo in 3: LU SPARAGNIN, RECCHIA DI GOMMA E LUI!

  81. pescarese1976 ha detto:

    Molte volte, con persone, che conosco da molto tempo ci si domanda come sia stato possibile retrocedere con Leo-Tita-Edmar ed il resto di quella squadra. Misteri della vita, ngi si po fa nind. Chi piccat

  82. Milton come nooo, 19 febbraio 89, 3 pere di Tita alla Roma di Liedolm

  83. biancazzurri ha detto:

    Sci Tita le vonghele, però mi sa ca ti si scurdate le rostell’ hi

  84. Milton Tita ha detto:

    grande MiltonTita… chi si scorda la tua tripletta alla rome a roma, e doppietta alla lazio fuori casa…

  85. draculone ha detto:

    Zeman sempre molto realista. SANSOVINI IL TOP

  86. GRANDE SINDACOOOO🐬💙💙💙