Playoff e playout di Serie B: ecco le date ufficiali
15/02/2020
TATTICA: IL CALCIO E’ DIFENSORI, CENTROCAMPISTI E…?
16/02/2020

I BIANCAZZURRI PRENDONO I VOTI

Le pagelle di Pescara-Cittadella, di G. D’Intino –  

FIORILLO: 6
Qualche buon intervento ma anche qualche insicurezza nelle uscite. Non ha colpe sui due gol ospiti.

BETTELLA: 5
Non una brutta partita nel complesso ma la sua marcatura su Diaw in occasione del vantaggio veneto è troppo blanda.

DRUDI: 5
La sua prestazione è ai livelli di quella dell’arbitro Illuzzi. Sbaglia quasi tutto quello che può sbagliare confermando di non essere in un ottimo momento.

DEL GROSSO: 5
Gioca in un ruolo che non gli appartiene e si vede. Nei quaranta minuti di gara sembra timoroso e sbaglia anche lui in occasione del primo gol (dal 41’ ELIZALDE: 5 Anche lui macchia una prestazione tutto sommato sufficiente con il fallo da rigore che vale il definitivo 2-1 del Cittadella).

ZAPPA: 6,5
Terzo gol in quattro partite per il laterale scuola Inter. Molto bravo ad angolare in colpo di testa che batte Paleari. Sempre meglio in fase offensiva che difensiva.

MEMUSHAJ: 5,5
Sfiora il gol con una bella punizione ma l’estremo difensore avversario gli nega questa gioia. Ultimamente non è al meglio e forse dovrebbe rifiatare per una partita.

PALMIERO: 5,5
Anche il regista campano non è ancora al meglio della condizione. Amministra il centrocampo con un po’ troppa lentezza non riuscendo mai a realizzare una giocata che faccia la differenza.

MELEGONI: 6
Una bella prova per il già nazionale under 20. Fornisce l’assist a Zappa per il momentaneo 1-1. Molto attivo in mezzo al campo con buone giocate (dal 77’ CLEMENZA: s.v.).

CRECCO: 5,5
Grande prova a livello fisico fatta di tanta corsa, un po’ peggio il lato tecnico con tanti cross sbagliati. Troppo rinunciatario in alcune occasioni (dall’85’ MANIERO: s.v.).

GALANO: 5
Per uno con i suoi mezzi fa veramente troppo poco. Spesso costretto ad abbassarsi per prendere palla si trova sempre molto lontano dalla porta.

BOCIC: 5,5
Alla prima da titolare in Serie B fa quel che può. Frizzante nel primo tempo non dà riferimenti alla retroguardia granata. Cala fisicamente nella ripresa diventando innocuo.

LEGROTTAGLIE: 5,5
Non una sufficienza piena per l’allenatore biancazzurro. La scelta di Del Grosso nei tre centrali è stata molto criticata ma è stato proprio il suo sostituto a decidere in negativo l’esito della partita. Nel complesso una partita all’altezza del Cittadella che è stata decisa dagli episodi.

G. D’Intino

P.S.: nel ringraziare l’utente D’Intino per averci inviato il suo contributo, cogliamo l’occasione per ricordare a tutti gli utenti che sono benvenute proposte di articoli. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

Lascia un commento

33 Comments

  1. Max purtroppo e così , anche io sono un fedelissimo abbonato in curva , ma questa curva per me è una grandissima delusione in tutti gli aspetti , la vedo molto dura per una vera e cazzuta contestazione

  2. johnny blade ha detto:

    Lo stadio è un posto di socialità. Ma la maghior parte dei giovani non sanno più socializzare e del Pescara non gliene frega niente.
    Telefonino e miti lontani dalla cittá. Aggiungi i risultati e addio.
    Ci vuole un miracolo per riempirlo di nuovo.

  3. Max1967 ha detto:

    Io sono uno degli irriducibili che va ancora allo stadio e che fa l’abbonamento nonostante Sebastiani…
    Dei 2000 presenti 800/1000 sono lacchè della tribuna che entrano gratis.
    Tutti gli altri si dividono tra curva e distinti.
    Ai distinti si fà quello che si può contestando cullù ormai da 7 anni…la curva purtroppo continua con questo atteggiamento ambiguo.
    Quindi una vera contestazione al momento non è ancora possibile…i veri colpevoli sono quelli che non vengono. E parlo dei 4/5000 dello zoccolo duro e non certo degli occasionali che vengono quando solo quando si vince.

  4. tusciabruzzese ha detto:

    DI sicuro non basta parlare o scrivere sui social. La contestazione va fatta ANCHE dentro lo stadio. Però sottolineo il mio “ANCHE”. Cioè, la contestazione va fatta OVUNQUE: i social hanno oggi un enorme impatto. E se quasi tutta la “città calcistica” (e pure un po’ quella di calcio se ne frega) ormai dubita del personaggio, questo si è ottenuto grazie ai social. Non a caso, a lungo giornalisti, amichetti e addetti ai lavori hanno anche tentato la repressione sui social. Ma di fronte alla marea e quando non possono manipolare il social o il sito, sono soccombenti. Ciò detto, la “finalizzazione”, come dice Alex, rimane dentro lo stadio. E mettiamoci tuttti alle spalle gli errori del passato: tutti li facciamo. E’ l’obiettivo comune che conta…

  5. alex74 ha detto:

    433 abbiamo tutti fatto una freca di errori ma non è mai troppo tardi per rimediare. Noi più “anziani” abbiamo un compito più complesso che scrivere su un portale. I ragazzi vanno plasmati. Io purtroppo per problemi fisici non posso frequentare luoghi affollati e quindi sto ripiegando alla sud ma dovremmo unirci e ricreare una situazione più consona a questa piazza. Che sia curva nord, sud, distinti basta che ci mettiamo in mente che non basta parlare per risolvere i problemi.

  6. caps ha detto:

    Indubbiamente prima del mercato di riparazione il Mercante avra’ fatto delle valutazione giungendo alla conclusione che quest’anno ha toppato tutto tranne le vendite. Cosi ha alleggerito la rosa a tal punto che ora …. Speriamo di salvarci.

  7. Buongiorno
    Condivido in tutto Draculone

  8. 433offensivo ha detto:

    Credo che il post di biancazzurro86 offra molti spunti di riflessione.
    Mi ha colpito l’aver notato che alcuni striscioni sono firmati pr altri no.
    Un alta considerazione giusta é quella di Alex.
    Il numero di presenze si riduce sempre più…
    Sulla scia di quanto scritto da Alex e biancazzurro86 aggiungo:
    La contestazione forte sui social, muri, blog ecc che leggiamo nei confronti di cullù, non trova riscontro allo stadio dove anche contro il Cittadella, a parte due coretti iniziali non si é andato.
    Cosa vuol dire? Chr la maggior parte dei critici virtuali poi non va allo stadio?
    Allora devo dare pienamente ragione ad Alex quando dice che bisogna andare a contestare allo stadio…

  9. Repoman ha detto:

    Frect, stamatin et it tutt a la mess di li 8 a la madonn di li 7 dulur rofl

  10. biancazzurri ha detto:

    Buonjionov a tutti! E, m’arcumman’: Tifosi iunàitid forever! drinks yess

  11. draculone ha detto:

    Buongiorno a tutti. Il grande Pillon , l’allenatore esperto tanto richiesto da tutti, ieri ha fatto un capolavoro, alla sua prima panchina a Cosenza. È vero che giocava con l’ultima in classifica, ma tutto è sembrata quella squadra, meno che una “formazione cstenacciara” che si chiudeva e ripartiva in contropiede. Riguardo a biancazzurro, mi fa piacere che si è reso conto di aver esagerato a dir poco, perché con tutta la rabbia e frustazione che si possa accumulare, certe cose non si possono assolutamente leggere. Noi siamo tutti tifosi del Pescara e invece di stare a litigare tra noi, dobbiamo fare proprio l’opposto, cioè COMPATTARCI CONTRO L’UNICO VERO MALE DELLA PESCARA CALCIO. SEBASTIANI VATTENE

  12. tusciabruzzese ha detto:

    Biancazzurro86, sul tuo primo punto personalmente non ho dubbi: Cullù non mollerà a fine stagione.
    Punto 2: va via se finiscono i soldi da impolparsi? Ma non finiranno, perché società compiacenti continueranno a tenerci attaccati al loro respiratore. Finché i milioni dei contributi Lega e TV possono essere redistribuiti tramite valutazioni soggettivissime di ragazzini e calciatori, e finché ci si può caricare i bilanci di milioni di costi per forniture, servizi e opere non necessarie varie da onorari amici di amici, che indirettamente beneficiano quindi di quei soldi pubblici, non si fallirà.
    Tre: non c’è bisogno di raschiare il fondo del barile della prima squadra quando ai una cantina intera di liquidità nelle plusvalenze soggettive di ragazzini.
    Su quello che hai scritto sulla curva: QUOTO ogni virgola, che vado anch’io scrivendo da anni. Dobbiamo solo evitare di offenderla nel suo complesso (come, penso, volesse giustamente dire Baka rozzo), anche se la legittima cascetta della partita ci porta talvolta ad eccedere per qualche momento.
    Anche se è una storia tradita da alcuni fra quelli che la governano ora, il gruppo va sempre salvato e rappresenta ancor oggi l’unica speranza di cambiamento
    drinks

  13. nemicissim0 ha detto:

    Biancazzurro86, bel post: si può condividere o meno nei dettagli, ma il senso generale mi trova d’accordo. Io però non vorrei mai la serie C (tu, essendo dell’86, ne hai vista poca. Io sono di quelli che in quarta serie ci è nato, e riemergere non è stato uno scherzo), e un fallimento lo accetterei solo se pilotato, se cioè c’è già qualcuno pronto a subentrare per garantire la salvezza del titolo sportivo e l’iscrizione al successivo campionato. Una chiosa sulla firma degli striscioni: è ovvio che questi ultimi non li hanno firmati, perché sanno bene che sono diffamatori (reato). PS: complimenti anche per le scuse all’altro utente, che ti riabilitano dopo quei post decisamente non piacevoli da leggere per nessuno.

  14. alex74 ha detto:

    La realtà e sotto gli occhi di tutti e solo chi è “colluso” fa finta di non vedere. Scarsi 2000 spettatori di cui un migliaio a “sbafo” e altri 1000 che non mollano. Per il resto la città ha sentenziato in maniera netta che questo individuo SE NE DEVE ANDARE. Il nostro compito è quello di eliminare le mele marce. A chiacchiere so bravi tutti. Bisogna fare i fatti. Basta dazn, sky, tv private al soldo, giornali. BASTA.

  15. vitabiancazzurra ha detto:

    Intanto il mega presidente piazza un altro colpo in sudamerica . Preso a parametro zero Belloni del rivervplate ….19enne talentuoso, arriva con l’intento di alzare la cifra tecnica della squadra e crescere almeno un triennio con la prima squadra per poi a maturazione avvenuta a grande valutazione essere venduto “giustamente “ a grandi club a svariati milioni come è giusto faccia una piccola società….Ah Noo…mi sbagliavo ad operare così sono società che hanno oltre all’obiettivo finanziario anche quello sportivo . Il capostazione Come Sempre aill’esordio già lo svende a 4 nocelle, se poi dovesse segnare subito lo porta in spalla a chiunque….perché il suo obbiettivo è solo la Saccoccia

  16. biancazzurro86 ha detto:

    Qualche considerazione…

    1. Il sig. Cullù non mollerà affatto a fine anno, perché nell’intervista integrale, quando ha detto che se ne sarebbe andato, ha aggiunto anche che “sono disposto a cedere solo a quelli più bravi di me” ed è una cosa che dice tipo da 3 anni, tradotto: non se ne va.

    2. Piaccia o meno, l’unico modo di vederlo andare via è che devono finire i soldi (o addirittura deve rimetterceli lui) quindi: l devono finire i giocatori con cui fare plusvalenze, ritrovandoci i bilanci in rosso (fallimento), oppure si va in Serie C, dove non fai i soldi (intendo i soldi veri) manco se scopri il Lapadula di turno.

    3. Al netto che quest’anno la quota salvezza potrebbe essere molto alta (anche 48/50 pt.) non credo nel modo più assoluto nella retrocessione; però a fine anno potrebbe vendersi dei pilastri fondamentali per raschiare il fondo del barile (tipo Fiorillo) e, nel 2021, potrebbe verificarsi una delle due situazioni (se non entrambe) descritte sopra.

    4. Spero che questa agonia finisca il prima possibile, un fallimento o una Serie C sono decisamente più sopportabili di alcune situazioni che si sono venute a creare, ed alcune facce, alcuni modi di fare, sono ormai insopportabili.

    Detto questo, augurarsi la retrocessione – o il fallimento – non è affatto come volersi tagliare il p. per fare dispetto alla moglie, tutt’altro, è come sperare di scoprire tua moglie, con cui litighi ogni giorno e con cui non vai più d’accordo, a letto con qualcun’altro, in modo da poterle addebitare i costi del divorzio, avendo poi la possibilità di rifarsi una vita con qualcun’altra.

    Tornando al discorso della curva (colgo l’occasione per scusarmi con l’utente Baka Rozzo, purtroppo l’ennesima sconfitta mi ha fatto usare aggettivi poco gradevoli) chi sta dentro e conosce quel settore dice che i Rangers sono bravi ragazzi, in cui però il sig. Cullù ha infilato qualche mela marcia che gli va a favore… questa cosa l’ho potuta constatare di persona: soprattutto quando se n’è andato Iannascoli ho visto dei cambiamenti (di facce, di età e di “parole” urlate durante la partita) che sono inspiegabili. Purtroppo sono i Rangers a dover scoprire chi sono queste mele marce ed a fare pulizia al loro interno… anche se (da quello che si dice, e che ha detto lo stesso giornalista “barbuto” pescarese) ‘sti ragazzini sono riusciti ad arrivare ai posti di comando della curva…
    Una cosa che mi fa pensare è che gli striscioni contro baresi, foggiani, ascolani ecc. sono sempre firmati P/R, mentre quelli contro “Cullù”, spesso, non hanno neanche la firma (soprattutto gli ultimi due).
    Purtroppo un mondo che è diviso al suo interno è destinato a morire (come recita il LiBBBro che piace tanto al nostro mister e come, del resto, vediamo ogni giorno nella società, nella politica ecc).

    Fidatevi che, se sono veri gli episodi che sono stati raccontati su questo muro (e su quell’atro), riguardo i tifosi che insultavano il sig. Cullù che sono stati sistematicamente accerchiati e minacciati dai “Rangers” (uso le virgolette non a caso) la Serie C o il fallimento sono l’ultimo, ma proprio l’ultimo, dei nostri problemi… preferisco il derby col Chieti a dover rischiare le botte se per caso mi esce un “cullù vaffa” dalla bocca.

  17. tusciabruzzese ha detto:

    Fafinho, ma può essere pure che per lui sia un obiettivo svuotare lo stadio, unico momento in cui deve confrontarsi con qualcuno ancora libero

  18. Fafinho ha detto:

    I 300 paganti del 14 febbraio pietra miliare di questa lungimirante società unipersonale. L’Erdogan dei Colli conta di battere nuovamente il record e scendere sotto quota 200.

  19. tusciabruzzese ha detto:

    Come volevasi dimostrare, Bocic fa la differenza se gioca 10 minuti quando gli altri ne hanno già 80 sulle gambe e 10 anni in più. Su dai, questi ragazzini facciamogli fare uno o 2 anni di gavetta in C e verranno su bene

  20. johnny blade ha detto:

    Pillon 3a0👍

  21. 433offensivo ha detto:

    40mila cuori infranti

  22. pescarese1976 ha detto:

    Questi giocatori non hanno colpe se di colpe vogliamo parlare, dimostrano solo i loro effettivi limiti

  23. draculone ha detto:

    Ilfigliodel36, digli a tuo padre di darsi al “carling” laugh

  24. 300 biglietti venduti …………… il fallimento di questa società……. VIA I FALLITI DAL PESCARA

  25. draculone ha detto:

    Per me migliori in campo Melegoni, Zappa e Palmiero. Arbitraggio veramente di M…A.

  26. Max1967 ha detto:

    Ilfigliodel36 regala un paio di occhiali a tuo padre…ieri Drudi non ne ha azzeccata una

  27. alex74 ha detto:

    5162 ma reali circa 2000

  28. Ma ieri quanti spettatori? Abbiamo fatto record negativo?
    CULLÙ VATTENE ROVINA DI PESCARA

  29. ilfigliodel36 ha detto:

    Secondo mio padre Drudi è l’unico che ha giocato bene in difesa. E una volta tanto sono d’accordo con lui

  30. AppressAluPscar ha detto:

    Il pescara, cioè la squadra che fu di zucchini, carnevale, junior, Giampaolo, Verratti, ha fatto una partita ALL’ALTEZZA del CITTADELLA? Grazie Sebastiani per queste soddisfazioni. SEBASTIANI, TROVATI UNA SCUSA E MULLC.

  31. tusciabruzzese ha detto:

    Vado in controtendenza : Sebastiani voto 6 … meno i mesi passati dall’infortunio a Tumminello al primo gol di Bojinov
    dash2

  32. Fafinho ha detto:

    Tra quattro giornate saremmo nella me.da più totale. Grazie Cengione.

  33. Fafinho ha detto:

    Dopo i soli 300 paganti di ieri il calcio a Pescara è già finito a prescindere dalla categoria. Il Capostazione e i suoi reggimicrofono sono riusciti nell’impresa mai riuscita dal 1936: far disamorare una piazza storica e passionale.