DUE DOMANDINE “BOTTA E RISPOSTA” CON UN AMICO DI 40MILA.IT: LEO JUNIOR! (2a parte)
20/11/2019
LA SETTIMANA DEI BIANCAZZURRI E LE “ULTIME PAROLE FAMOSE”
21/11/2019

REPETTO a 360°: ZAURI, PILLON, CIOFANI, GENNAIO e…..

Giorgio REPETTO

“PALMIERO ha giocato quasi tutte le ultime partite con degli anestetici al ginocchio: chiaramente non sta bene. E, dopo un’oretta che gioca finisce l’effetto degli anestetici. Ha una una piccola protuberanza alla rotula e dolore. Lui poi ci ha giocato ‘sopra’ e il ginocchio si è infiammato da morire. Se non può allenarsi è giusto che nel frattempo giochino gli altri e che lui abbia il tempo di curarsi bene”
Con BOCCHETTI: “Antonio va più in giro di me a vedere i giocatori; se il giocatore può servire alla squadra poi lo si vede un po’ più accuratamente. E’ lavoro diciamo ‘di equipe’. Abbiamo anche chi segue giocatori attraverso i video; a me poi piace vederli dal vivo. Poi oggi c’è sempre qualche d’uno che ti manda la frase tipica: ‘ha gamba e attacca la profondità’! Non sanno magari neanche che ca**o vuol dire”!
Per il mercato di gennaio? “Onestamente non mi sembra il momento preciso per fare delle scelte: dipende dal numero di punti che fai in queste altre giornate. Se sei in una posizione di classifica particolare puoi vedere se c’è qualche ruolo che ti chiede l’allenatore e sfruttare magari il giocatore che non va d’accordo con la società o l’allenatore”.
Sui possibili partenti: “in questo momento sono utili tutti quanti. CISCO è un esterno velocissimo e potrebbe anche avere una collocazione diversa in un futuro. DI GRAZIA può giocare tranquillamente anche più accentrato e fare la seconda punta: è un giocatore che ha tecnica. MANIERO è un ragazzo che si sta impegnando tanto. Prima o poi credo che anche loro avranno la possibilità di mettersi in mostra. Quindi, fare dei ragionamenti oggi per gennaio è prematuro”.
Il centrocampo: “abbiamo parecchi centrocampisti tecnici e anche ‘di corsa’. Sta rientrando bene MELEGONI. ZAURI è stato bravo a metterli vicino, perché il 4-3-3 prevedeva spazi troppo larghi. Questo modulo adesso consente di avere 4-5 giocatori nella zona nevralgica del campo dove si sviluppa il gioco e sono giocatori che possono fraseggiare di prima. La posizione che ha trovato ZAURI a MACHIN ci ha fatto bene, perché è un attaccante che però rientra anche da centrocampista, un po’ quello che faceva BENALI – anche se è un giocatore con caratteristiche differenti – nell’anno in cui abbiamo vinto il Campionato [con ODDO]”.
“Il presidente da quest’estate era convinto che la rosa fosse importante e i risultati gli hanno dato ragione. Dopo la partita con il Crotone c’è stato un momento in cui effettivamente eravamo tutti un po’ preoccupati. Se non sei deficiente devi esserlo. Sembrava che anche gli elementi dell’organico non rispondessero, anche se è una squadra che ha avuto una serie di infortuni: un po’ la sfiga ci stava addosso. La partita col Crotone, chiaramente, era stata terribile. Per quella con lo Spezia io faccio un ragionamento diverso, da calciatore: a me è capitato proprio a Pescara e giocavamo col Bari. Loro erano in 9 e noi vincevamo 2 a 1. Ma in campo non ci riusciva quasi niente quel giorno lì. E allora decidemmo di non passare quasi la metà campo anche se la gente ci fischiava. Però poi abbiamo vinto il campionato. Quindi, con lo Spezia mi aspettavo una reazione di quel genere: loro continuavano a far girare sta ca**o di palla e noi non la prendevamo mai; però loro non avevano mai tirato. Allora, in campo i giocatori devono pensare a non prendere gol: non si è pensato a fare il risultato, cosa che è successa anche a Salerno, dove abbiamo preso un gol in contropiede. Queste sono cose che una squadra discretamente esperta come la nostra sinceramente non si dovrebbe permettere. A Salerno avevamo una squadra in campo con 29 anni di media: raggiunto l’1 a 1, tieni un po’ la partita e soprattutto non prendi un gol in contropiede”.
“PILLON, ma lo sapevo solo io, a febbraio a cena – le facevamo ogni mercoledì – mi disse che per motivi familiari lui non sarebbe rimasto a Pescara, salvo in caso di Serie A. Aveva problemi a casa: la moglie da sola; e non aveva visto nascere la nipotina né aveva visto il matrimonio della figlia. Cioè, era sempre assente. Io non l’ho mai detto al presidente perché PILLON mi disse: ‘lo sai solo tu’. Ora ogni tanto lo sento e ci è rimasto male che non lo chiamano. Pare abbia avuto una telefonata dall’Empoli prima che ci giocassimo noi. La Triestina l’ha cercato però lui giustamente non ci è andato. Io in lui ho trovato una persona che nel calcio non avevo mai trovato: eccezionale, bravissima persona, correttissima, che vive per il calcio. Non è che lo fa perché deve guadagnare soldi: lui ha proprio la passione di stare in campo per l’allenamento e di fare la partita. Quando lo abbiamo preso stavamo rischiando veramente la retrocessione in C. Poi, con GRAVILLON e MACHIN ci ha dato due giocatori che hanno avuto mercato. Pensate anche a MANCUSO, che con lui ha segnato tantissimo. Quindi lui ha fatto tantissimo anche per la Società.
Per la partita persa contro il Verona [semi di ritorno play-off] io sono più arrabbiato perché hanno fatto fare il passaggio iniziale verso Pazzini che per il fallo da rigore [di SCOGNAMIGLIO]. Sul mettersi in difesa a 5 era stato discusso già prima della partita: se loro si fossero messi con quattro attaccanti, i due esterni più Pazzini e Di Carmine, non concedevamo l’uno contro uno. Quindi ci si mette a 5 per raddoppiare. PILLON prima della partita a me l’aveva detto. Ma noi abbiamo fatto passare quel pallone verso l’area di rigore e rasoterra: una squadra che sta difendendo il risultato non può farla passare. Poi, sul fallo da rigore, CAMPAGNARO poteva ancora arrivarci in scivolata e avevamo pur sempre FIORILLO e Di Carmine non è che la mettesse tanto dentro in quel periodo…”.
Perché Sebastiani preferisce gli allenatori giovani esordienti? “Intanto, oramai sono 50 anni che vedo questo carrozzone: il calcio funziona con gli amici degli amici degli amici degli amici. Ma lui penso che prende i giovani perché ha un dialogo più facile con loro. Però, onestamente e a prescindere da come è finita la seconda volta, con Zeman – seppur più anziano – aveva un ottimo rapporto. Nell’anno della promozione stavano sempre insieme. Sui giovani ha poi il gusto, probabilmente, di trovarli e lanciarli e comunque hanno fatto quasi tutti carriera. Alla fine, ha scelto sempre bene: ODDO, BUCCHI, STROPPA, sono tutti bravi”.
FIORILLO? “E’ il più forte della B. E’ maturato rispetto a quando è arrivato anni fa”.
La classifica attuale? “Ce la meritiamo: è una squadra che fa per i 3 punti, per la vittoria”.
A gennaio? “Bisogna vedere la classifica. Chi ha i giocatori buoni e sta in una posizione di classifica buona, se li tiene perché ha paura a cedere il giocatore e rinforzare una diretta avversaria. LA MANTIA, e io lo avevo detto, si poteva fare ai tempi dell’Entella: oggi non ce la fai. SPROCATI è un giocatore importante nel Parma: non te lo danno. Dove sono questi giocatori che possono migliorare l’organico? Devi avere la fortuna di trovare un giocatore che magari gli ultimi due anni non è andato bene e poi magari fa bene. MELCHIORRI sono convinto che il Perugia, se dovessimo stare tutte quante lì in classifica, non lo dà a nessuna delle squadre di vertice”.
“BRUNORI è un giocatore che ci hanno chiesto tutti e massacrato le balle fino all’ultimo giorno di mercato. Noi ci puntiamo. MANIERO onestamente è una testa di ca**o perché ha buttato via 8-10 anni di serie A che poteva fare tranquillamente, perché ha sia il fisico che la tecnica che gli potevano permettere di giocare in Serie A, se solo avesse pensato a fare il calciatore come professione: gli è mancata la determinazione, ma è un giocatore che ha tecnica e fisico. Ci può dare una grande mano nel prosieguo del campionato. Insomma, credo che abbiamo i giocatori per poter andare avanti così”.
“L’anno scorso avremmo già dalla fine di novembre dovuto portare Ciofani alla rottura con il Frosinone. Abbiamo invece aspettato il 28-29 gennaio e a quel punto era impossibile farlo. Però i punti li avevamo in quel caso per andare a forzare la mano. E non lo facevano giocare: lui si era rotto. Ma siamo arrivati al 28 gennaio e il presidente del Frosinone non se l’è sentita più di fare una conferenza e dire che Ciofani se ne andava”.

40mila.it


Lascia un commento

33 Comments

  1. Grande Germanooooo drinks

  2. draculone ha detto:

    Germanodacuneo rofl good

  3. germanodacuneo ha detto:

    X draculone – “Attacca la profondità” e “ha gamba” può essere interpretato in diversi modi rofl. VALE SOLO SE IL PESCARA DOVESSE INCONTRARE UNA SQUADRA FEMMINILE…

  4. Biancazzurra sei come l’utente Pescara ,
    Datevi un bacetto kiss

  5. Sbaglio o ha detto “il presidente è da quest’estate che dice di avere una rosa importante e i risultati gli danno ragione?” Spiegatemi come dargli torto kiss

  6. draculone ha detto:

    “Attacca la profondità” e “ha gamba” può essere interpretato in diversi modi rofl

  7. ilfigliodel36 ha detto:

    Anche io non li capisco quando sento dire che un giocatore ha gamba o che attacca la profondità. Mi devo segnare di chiederlo a mio padre quando rientra

  8. Repetto sei una delusione negative

  9. Buongiornooo
    Li sardell so pur bon , specie fritte nghi li pipindun secc drinks

  10. draculone ha detto:

    “du san sardell” non hanno mai fatto male, anzi tutt’altro. ” Memushaj docet” cool

  11. draculone ha detto:

    Biancazzurri rofl , ma mo’ picche’ da fa ngazza’ Alex? cool

  12. alex74 ha detto:

    Pe tira’ ddu sardell a me ce ne vo. Se ngiacrid ci putem pur ngundra’ pe na birr. Fuss quel lu prubblem. Magari

  13. biancazzurri ha detto:

    Alex non ti preoccupare. le so capit……ci sta cacchedun che ta da tirà 2 sardelle laugh Succede cumpà…. Ragioni fisiche laugh . Mi si piaciute drinks

  14. draculone ha detto:

    Sicuramente chi aspettava la ” svendita totale”

  15. tusciabruzzese ha detto:

    Ho l’impressione che tra le righe si è tolto un sassolino dalle scarpe: ha accusato qualcuno di aver aspettato troppo, da novembre scorso a fine gennaio, per prendere Ciofani dal Frosinone. Con chi ce l’ha? Con Sebastiani o con l’ex DS Leone?

  16. draculone ha detto:

    Repetto lo reputo un “grandissimo osservatore”, ma negli anni è cambiato tanto. Certe affermazioni anni addietro non le avrebbe mai fatto. A me , da uomo di principi che asserisce di essere, non mi è piaciuto da quando è tornato da Teramo

  17. Alex è perché la pigliano per il culo alla gente. E lo sanno ma vogliono continuare

  18. alex74 ha detto:

    Non è una questione di mercato a gennaio. Stann in gul per come si pongono alla gente. Sbagliato o giusto è così. Io però da dirigente due domande me le farei

  19. pescara ha detto:

    Il pescarese ha troppe pretese (e fa pure rima). Repetto ha spiegato bene perché è difficile fare il mercato a gennaio

  20. alex74 ha detto:

    Si cose abbastanza sensate ma caro Repetto omettete sempre tutti che questa società, al netto dei risultati sportivi, sta in gul alla maggior parte delle persone. Stadio semivuoto docet. Io quindi fossi in voi due domande me le farei

  21. draculone ha detto:

    C’era una volta Repetto

  22. vitabiancazzurra ha detto:

    Repetto in questa intervista dice tante cose alcune sorprendenti altre molto sensate e altre ancora mi sembrano un pò di facciata …ci sarebbe da controreplicare ma di tanto su vari argomenti trattati
    La cosa più grottesca e surreale è sapere al 20 novembre che sebastiani è passato da carnefice a vittima per la non riconferma di Bepi…quando invece lo ha screditato squallidamente da febbraio in poi …guarda caso dal mercato di indebolimento in poi, altro che le menate del pulmann in area e altre parole al vento a pett abbutat .
    Grande professionalità e modus operandi di primo livello ci contraddistinguono sempre

  23. johnny blade ha detto:

    TMW 20.06.2019 di Alessio Alaimo

    Deluso dalla mancata conferma, mister?

    “Sapevo che sarebbe finita così da febbraio quando non era stata esercitata l’opzione. Avevo fatto un contratto secondo cui sarei rimasto in caso di vittoria del campionato. A Pescara mi sono trovato benissimo con tutti, non posso dire niente di male”.

  24. UK_Dolphin ha detto:

    Sci, sci i giocatori da ingaggiare li decidono Bocchetti, Repetto e Zauri… rofl .

    Quindi Pillon non voleva stare troppo lontano da casa. Ed Empoli ando’ scta’? In provincia di Ferrara?
    Ma poi lo hai illustrato a Cullu’ e Marinelli che in vantaggio a 15m dalla fine ti metti a 3 dietro se l’avversario passa a due punte per non offrire all’avversario la possibilita’ dell’uno contro (mossa sensata a meno in panchina non hai Zeman)? No perche’ in tanti pensano che siamo rimasti in B per colpa delle scelte di Pillon..SEBASTIANI VATTENE!

  25. alex74 ha detto:

    Biancazzurri nin pozz vini’. Se vuoi te lo spiego in privato

  26. Repè pippiacir dash i giocatori non ve li danno poverini , e certo volete che ve li danno gratis .
    Ti ricordo che Zeman vi aveva chiesto Pinamonti e Bastoni , non vi aveva chiesto chissà , e nemmeno quelli gli siete riusciti a prendere

  27. johnny blade ha detto:

    PILLON DICEVA SEMPRE CHE A PESCARA STAVA BENE E CHE SE SAREBBE RIMASTO VOLENTIERI.

  28. AppressAluPscar ha detto:

    A 360 gradi o a un quarto di questi?

  29. Max1967 ha detto:

    Più che altro sembrano pettilarie di basso livello…

  30. johnny blade ha detto:

    Ah Giorgio Repetto. Nme l’rcurdev chiú ca ci stev..aaahhh..bella la vita.

  31. biancazzurri ha detto:

    Alex vi a la nord. Che vai a fà a la sud,……

  32. Insomma su Pillon la vittima è Sebastiani perché gli hanno nascosto le cose da febbraio fino a fine campionato? Ma siamo su scherzi a parte????? dash2

  33. pescarese1976 ha detto:

    Repetto Repetto pippiacir statt zitt che fai più bella figura. Vatt ariponn e prima di fare certi nomi è il caso di rimanere per qualche minuto in silenzio.