PESCARA RANGERS: SQUADRA!… A RAPPORTO!
02/10/2019
Gli arbitri della 7a giornata della Serie BKT
03/10/2019

Ah!…m’arcord biancazzurro: Ascoli-Pescara, un “derby”? E Chieti-Pescara allora?

2 Marzo 1969, Civitella: Chieti-Pescara

Sebastiani ha appena definito “derby” la prossima partita ad Ascoli. Non sappiamo se lo sia… E Chieti-Pescara? Mai stato “derby”? –  

L’antica ed acerrima rivalità calcistica fra Pescara e Chieti…… è ormai sopita.
Tra il Pescara e il Chieti c’è stata, fin dagli albori del calcio abruzzese, una grande rivalità calcistica e territoriale. Agli inizi degli anni ’50 quest’antica rivalità era diventata quasi una guerra santa, dovuta certamente alla vicinanza tra le due città. Questo fatto determinava “derby” accesissimi e intensi sfottò che potevano durare mesi, tra un confronto e l’altro.

In quegli anni, altri derby regionali seppure importanti, ma sicuramente meno sentiti, si giocavano con l’Aquila, Teramo, Giulianova e Lanciano. I derby interregionali, che erano un classico al pari di quello con il Chieti, si disputavano con i rossoneri del Foggia e con i bianconeri dell’Ascoli.
Era quasi un campionato nel campionato, allora spesso senza alcuna forma di violenza, se non con proverbiali e sane prese in giro.
Nel campionato 1954-55 avvenne un fatto strano e mai successo prima che tenne col fiato sospeso i tifosi pescaresi, prima di un derby da giocare con i “cugini” teatini. Un giornalista RAI del Gazzettino dell’Abruzzo e Molise delle ore 12,10 (le due regioni erano ancora unite) comunicò questa notizia prima di tutte le altre: “Nella mattinata il giocatore Mario Tontodonati, capitano del Pescara è scomparso e non si hanno sue notizie dalla tarda serata di ieri sera”. Lo stesso giornalista RAI alla fine del Gazzettino, nelle notizie sportive, diede altri particolari dell’accaduto: “Il giocatore Mario Tontodonati rischia di non scendere in campo per disputare il derby con il Chieti che si giocherà domenica prossima al campo Rampigna. Sembra, a detta di alcuni testimoni, che sia stato sequestrato da persone sconosciute, con una scusa, mentre usciva dalla sua tipografia in via Trento. Non ci sono altri particolari”. Era venerdì, quindi mancavano solo due giorni alla partita. La prima cosa che pensai e dissi fra me: “Domenica senza Tontodonati non si vince!”.
Andai a scuola, frequentavo l’Istituto “Tito Acerbo”, e già gli studenti parlavano di questo episodio. Chi sosteneva che era un fatto serio e chi diceva che non era vero niente e che tutto era uno scherzo per aumentare l’interesse del derby. I tifosi pescaresi, saputo quanto accaduto, già dal primo mattino di sabato si erano riuniti, alcuni davanti al Bar Tempera, angolo Corso Umberto I, altri davanti al Bar D’Alessandro (dove una volta c’era il cinema Excelsior), per discutere di questo grave e inconsueto fatto.
Il giorno dopo, sabato, il giornalista RAI del Gazzettino dell’Abruzzo e Molise comunicando le notizie alla radio, ipotizzò che il sequestro di Mario Tontodonati fosse stato opera di alcuni studenti universitari di Chieti. Nel pomeriggio, forse per una soffiata, ci fu la conferma. Questi ignoti studenti fecero sapere con un volantino che avrebbero liberato l’ostaggio solo dopo la partita tra il Pescara e il Chieti.
Nel frattempo cinque colleghi pescaresi, guidati da un loro coraggioso leader, rimasto sconosciuto per più di cinquant’anni (Presilaquilateatina), escogitarono una contromossa per la liberazione di Mario Tontodonati prima della partita. Nella tarda serata, protetti dal buio di una notte senza stelle, si recarono alla Villa Comunale di Chieti e, senza essere notati, s’impadronirono di una gabbia metallica contenente una grossa aquila reale, un vanto della città di Chieti, alla quale i cittadini tenevano tanto, caricandola su un furgoncino di una ditta di vetri (questo si seppe dopo). I cinque ardimentosi, tornati a Pescara con l’ambito trofeo, fecero sapere ai colleghi teatini le condizioni per la riconsegna della gabbia con annesso il rapace. Le condizioni, dettate da Presilaquilateatina, erano:

“Rilasciate il nostro capitano Mario Tontodonati prima della partita e noi vi riconsegneremo la vostra gabbia con l’aquila reale”.

Ci fu un incontro notturno fra le due delegazioni e dopo tante discussioni si giunse al punto con un accordo: lo scambio reciproco sarebbe avvenuto prima della partita.
Il Pescara era sceso in campo con solo dieci giocatori e, prima del fischio d’inizio della partita da parte dell’arbitro, si vide spuntare dagli spogliatoi del Rampigna le due delegazioni degli universitari formate da 4-5 persone ciascuno.
In quella di Chieti s’intravedeva capitan Mario Tontodonati (detto Testina d’oro per la sua specialità nei colpi di testa), già in divisa da calciatore, e tra quella di Pescara si notava l’aquila reale nella gabbia metallica, frastornata dal clamore del pubblico. La gabbia era preceduta da Presilaquilateatina (l’eroe delle due province) e portata a spalla, agganciata a un tubo di ferro, da due studenti pescaresi. A centrocampo avvenne lo scambio dei due ostaggi con reciproca soddisfazione. Dopo lo scambio dei gagliardetti e i saluti, con un lungo applauso del pubblico, l’aquila, più reale del solito, fu portata ai bordi del campo e la partita, tra biancazzurri e neroverdi, poté avere inizio. Senza ombra di dubbio e per la prima volta un’aquila poté assistere a una partita di calcio da bordo campo, senza pagare il biglietto.
La partita ebbe inizio con la benedizione (getto del sale dietro le porte) della “Garibaldi”, un’anziana popolana sempre vestita di nero, tifosissima del Pescara, che vendeva il pesce al mercato di Porta Nuova col suo carrettino, sul quale metteva in bella mostra le cassette di pesce. Per la “Garibaldi” i giocatori del Pescara erano intoccabili e quando uno di loro era colpito, in modo scorretto, da un avversario si metteva a inveire contro il povero malcapitato con insulti e spesse volte con parole salatissime e irripetibili.
Il Pescara al termine della contesa, dopo un’accanita gara, si aggiudicò l’intera posta vincendo per 1 a 0 proprio con un forte tiro di capitan Mario Tontodonati, “il sequestrato”, fortunatamente deviato nella propria rete dal mediano Frati, un giocatore del Chieti.

Dopo circa sessant’anni Presilaquilateatina mi ha confermato l’avvenimento ed anche un fatto inedito. Se non fossero riusciti a prendere la gabbia con l’aquila reale, sarebbe scattato il piano B di riserva: prendere il portone d’ingresso del Casino (senza l’accento sulla o) di Chieti, chiuso tre anni dopo e portarlo a Pescara per studiare, in seguito, il da farsi. I “ladri” erano ben attrezzati con arnesi da scasso, piedi di porco, passepartout ecc. Fortunatamente il piano A, prendere la gabbia con l’aquila, si risolse positivamente…….il seguito è noto.
I tifosi pescaresi lasciarono il campo soddisfatti e contenti, mentre quelli teatini, delusi e con qualche mugugno, presero la via Tiburtina per tornare a casa. Anche la gabbia e l’aquila, con le ali e la testa abbassate, presero la via del ritorno per essere di nuovo riposizionate nella Villa Comunale. Non successe niente di grave tra le due tifoserie, solamente qualche presa in giro durante il funerale improvvisato. I tifosi del Pescara fecero alla squadra del Chieti il funerale – allora era in uso – con un grande scatolone di cartone a forma di bara che recava quest’annuncio mortuario preparato all’istante.
Ricordo ancora il suo contenuto:

È mancata all’affetto dei propri tifosi, dopo una breve agonia, per il gol subito
al campo Rampigna la cara compagine del
CHIETI Calcio
Ne danno il felice annuncio i tifosi del Pescara
Il funerale ha avuto luogo il giorno 13 Aprile 1955 a Pescara.
[Tip. Tontodonati – Pescara]

Inoltre i tifosi di Chieti furono apostrofati dai pescaresi: “Chietino sei un cretino!” e quelli di Pescara dai teatini: “Pescaresi tutti zingari e pesciaioli”.

Allora ci si divertiva anche con poco ed in modo goliardico a differenza di adesso dove i grossi interessi degli sponsor hanno avuto il sopravvento sulle attività sportive. Quel giorno è stato veramente un grande avvenimento sportivo da ricordare, anche se è stato molto particolare. Fosse stato normale sarebbe passato nel dimenticatoio, come tanti altri.
Quello che ho raccontato non è stato un bel sogno, ma un’autentica pagina sportiva vissuta, della quale sono stato un fortunato testimone oculare.

I derby fra Pescara e Chieti sono ormai un lontano ricordo perché l’ultima partita fra le due compagini si è svolta in serie C nel lontano 2003 col risultato di 1-1, per cui l’antica e acerrima rivalità è ormai… sopita: da troppo tempo giocano in serie differenti e difficilmente torneranno a incontrarsi presto.

germanodacuneo

P.S.: nel ringraziare l’utente germanodacuneo per il suo contributo (e cogliendo l’occasione per inoltrare un caro saluto al nostro utente presilaquilateatina), cogliamo l’occasione per ricordare a tutti gli altri utenti che sono benvenute proposte di articoli da parte loro. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

Lascia un commento

55 Comments

  1. zaccagnin ha detto:

    ma l’ avet mai battut lu chiet????

  2. @galassia : nessuna discordanza ci mancherebbe , anche a me sono indigeste le tifoserie che hai nominato e altre tipo Livorno e Salernitana, ma li chitin si fann tropp li svilt e mi piace a percularli
    CHIETINO € EUROCONTADINO sarcastic

  3. galassiapescara ha detto:

    Bel racconto e grazie anche a 433offensivo per l’aneddoto . @CILLON : so già di creare discordanze ma penso che non abbia senso fare gli “snob” coi teatini . Io nelle mie rivalità metto alla top ten la riomma (primo posto) , l’herpes verona, il brescia , il foggia, bari, la lazio etc. senza dubbio, ma comunque quello col chieti è sempre un “derby” abruzzese e come tale va trattato .

  4. Max1967 ha detto:

    Il chietini non sanno guidare

  5. Biancazzurri grazie , é un piacere stare qui con voi drinks
    Quello che mi frega è che ho ( purtroppo) la partita iva help

  6. pescarese1976 ha detto:

    Giuvino’ a Miglianico ci sta la cantina e no li papir, fuss ca fuss mbriac 🤔 li cazzar? Chi sarebbero i nuovi capi ultrà RANGERS? 🤔

  7. Repoman ha detto:

    Quand ni sta qua’, sta a vide’ li paparun a Miglianico, o li cazzar a la Sud laugh

  8. biancazzurri ha detto:

    Cillo’, si nu mite! Ma n’do vi quando non ti fai vedere per un pò? Stacci dippiù qua nghe nu! drinks

  9. Bravo , terra della rrustella , in trasferta si va con la ratella e l’imbaijatella

  10. pescarese1976 ha detto:

    Insomma area ventina, terra della rustella, quindi in trasferta rustella docg con relativo rosso che tegn

  11. johnny blade ha detto:

    pescarese1976 ha detto:
    3 Ottobre 2019 alle 19:45
    Germa’ sei la vera storia del nostro Pescara. Ho fatto leggere a mio padre, gli uscivano le lacrime dagli occhi
    @@@@@
    Pure io lu so mannat a padrm ma angor n m’ha dett nind.. 😡

  12. Non penso peró che ci possa capitate il caslincontrada .
    Piu probabile che ci capiti il girone con il penne , il lauretum , l’elicese, il picciano .

  13. pescarese1976 ha detto:

    Cillon mi dispiace scriverlo ma ci ting piacir 🤘quanto vorrei vedere gli ZERBINISTI commentare lu Casalincontrada non immagini. E scrivere sui vari forum compreso 40mila di gol che si prendono da rinvii di portieri wacko

  14. Con cullù perdete ogni speranza

  15. Pescarese 76 non ti fare il sangue amaro

  16. pescarese1976 ha detto:

    Oh ma sapete che è stato ufficializzato il.nuovo dogma del tifoso della CURVA NORD dash Cullu’ li dann chi si fatt e che continui a fare con l’aiuto degli ZERBINISTI oramai nza riesc chiu’ a cunta’ chisciccis dash

  17. draculone ha detto:

    Cillo’, fu messo nei primi anni del 2000, in concomitanza con la fiera dell’agricoltura a Lanciano

  18. pescarese1976 ha detto:

    Germa’ contracambio i saluti. Con le varie disposizioni in campo mi sembr l’estrazione del lotto dash TUSCIA oramai mi divertono più gli ZRBINISTI che a veni’ allo stadio. Oggi lo sport preferito a divintat a fa li cunt di la serve dash come cazz ci sei ridott pardon

  19. A voi le olive , a noi le ascolane sarcastic

  20. Per non dimenticare ………
    “A Napoli Pulcinella, a Bergamo Arlecchino, a Pescara il chietino” sarcastic

  21. pescarese1976 ha detto:

    Darculo’ ad Ascoli putem pur vinc ma lo Zelig dei vari ZERBINISTI frequentatori di salotti virtuali e televisivi sono ridicoli e vergognosi. Cambiano a secondo il vento rofl

  22. No , quess non me la ricordavo

  23. germanodacuneo ha detto:

    Grazie alla Redazione per la pubblicazione del mio Ah!… m’arcord che come vedo piace a tanti tifosi Biancazzurri. Nessuno fu arrestato perché una volta il calcio era veramente un gioco e un divertimento e non come adesso. Approfitto per far sapere che Presilaquilateatina (Corrado) saluta tutti i tifosi del Pescara. Inoltre riferito a 433offensivo Corrado mi a detto di dirti che fuori è un signore, ma dentro è una “sgazzone”. Tanti saluti a tutti i tifosi del Delfino.

  24. draculone ha detto:

    E questa chi se la ricorda? “ALLA FIERA DELL’AGRICOLTURA, IL CHIETINO, CI VA’ PER NATURA” sorry

  25. draculone ha detto:

    Grande Cillon

  26. Mo vi ni so dett troppe di cose

  27. Per non dimenticare……
    Benvenuti figli di CHIachille

  28. Per non dimenticare ……
    L’agricoltura la vostra cultura

  29. Per non dimenticare…….
    Chietino Eurocontadino ( in riferimento alla nuova moneta appena uscita )

  30. Per non dimenticare ……..
    “Città agricola con tifoseria ridicola”

  31. Per non dimenticare ………….
    “Irr…idicoli scortati”, “…Dov’eravamo?? Noi da Napoli a Milano…voi da Tollo a Celano”

  32. tusciabruzzese ha detto:

    Mi diverte cullù che dice tutto e il contrario di tutto, smentendo se stesso da 7 anni, di continuo: prima il pullman e il sonno e poi, però, si passa allo stesso modulo-catenaccio (o peggio) nel giro di pochi mesi e stavolta va tutto bene!!! laugh
    Ma troppo di più mi divertono i suoi “zerbini”, ‘tifosi della SPA’ dei vari social e reggimicrofoni vari, costretti a seguirne le giravolte negando se stessi ogni volta! rofl
    MA LA DIGNITÀ?!? bad

  33. draculone ha detto:

    Pescara, mi devo segnare e farci un quadro da mettere all’ingresso della mia casa, quando farai un post che non sei completamente d’accordo con il tuo “Presidente”‘ . La partita con l’Ascoli e sentita si, ma a definirla ” derbt”, siete solo tu e il tuo mentore

  34. draculone ha detto:

    Pescarese1976, se la formazione è quella che si vocifera( 3511 che poi è un 5311) mi viene da piangere

  35. 433offensivo ha detto:

    Buona serata a tutti.

  36. pescarese1976 ha detto:

    Cullu’ stanno a fa delle offerte per i pulmann da mett davanti la difesa, se ne compri uno te ne regalano 3😂😂😂😂 accusci t’addurm visto che dallo scorso anno stem a vide’ calcio spettacolo con sovrapposizioni e inserimenti a vota mazza…Ma si giuvin che dovevamo portare in prima squadra titolari ndo stann mi so cicat o cosa? dash

  37. ilfigliodel36 ha detto:

    Storia pazzesca… ma erano altri tempi. Ma poi nessuno venne arrestato?

  38. pescarese1976 ha detto:

    Lu Chitin e l’Asculan si ponn da la man nzi sa chi è pegg di tutt e du. Tutt e du larg di vocc e strett di man 😂😂😂😂

  39. pescarese1976 ha detto:

    Un giorno si ed uno no mi sforzo di capire chi piccat avem fatt pi merita’ sta punizione diabolica. Minge’ mi dispiace dirtelo ma tu si stat l’artefice di questo pressapochismo e svuotamento di passione per il Pescara. Vrivugnit ⚡Non dimenticare che prima o poi questo enorme fulmine ve la farà pagare.

  40. Max1967 ha detto:

    Presilaquilateatina primo vero ultras di Pescara!

  41. pescarese1976 ha detto:

    Gentilissimo Cullu’, pia e mitt da part ndundi 🤘

  42. pescarese1976 ha detto:

    Germa’ sei la vera storia del nostro Pescara. Ho fatto leggere a mio padre, gli uscivano le lacrime dagli occhi 😉🤗

  43. pescara ha detto:

    Mi pare giusto considerare quella con l’Ascoli il nostro derby attuale

  44. Baka ha detto:

    Belli questi ah!…. m’arcord…… yess

  45. johnny blade ha detto:

    Coi racconti di Germano si potrebbero fare delle belle puntate in tv al posto di tante stronzate per ignoranti..

  46. 433offensivo ha detto:

    La rivalità una volta….era “sana” … nel senso che ci dimena, ma mai con coltelli , o armi…..oggi non è più così.

  47. 433offensivo ha detto:

    Adesso ve la racconto anche io una storia. Negli anni 2000 quelli degli ultimi derby giocarti col Chieti, il marito di mia cugina di primo grado, gestiva un bar a Chieti, poco più su della caserma Spinucci. Bar che era ritrovo di molti tifosi Chietini. Un asera, nel corso di una cena in famiglia, raduno sfottò e. Un altro, mi sfidò ad andare nel suo bar con la sciarpa del Pescara.
    All’epoca insegnavo a Ripa, così dopo pochi giorni , uscito da scuola, mi recai al suo bar con la sciarpa.
    Tempo pochi minuti, entrarono 3 ulta neroverdi, inizialmente minacciosi, ma dopo che il marito di mia cugina, raccontò loro l’antefatto, mi strinsero la mano e uno di loro mi disse: ci vò no du, ma 20 palle per venire qui con la sciarpa del Pescara….
    Finimmo a bere insieme una birra….

  48. 433offensivo ha detto:

    Conobbi presilaquilateatina in una cena. Persona molto educata, dall’aspetto e i modi signorili. Fu in una in questa occasione che mi raccontò la sua storia….già perchè quella dell’aquila “Rapita” a Chieti in cambio della liberazione di Tontodonati era la sua storia … una vicenda che lo ha reso un personaggio unico nella storia della tifoseria Pescarese. Rimasi stupito nel constatare che quell’uomo così garbato e signorile, fosse stato l’eroe di quel tempo. Per me averlo conoscerlo è stato un privilegio.

  49. draculone ha detto:

    Grande Germano e grande presilaquilareatina

  50. AppressAluPscar ha detto:

    Beh, la leggenda metropolitana che circolava in città, e che veniva riportata anche nelle scuole elementari e mi colpì molto, era che i Leccesi avevano spento sigarette addosso a malcapitati tifosi del pescara.

  51. tusciabruzzese ha detto:

    Grande germanodacuneo!
    E parlando di funerali, hai riportato alla mia memoria l’impressione che mi fece da bambino quello al Lecce, prima dell’1-1 all’Adriatico che ci consentì poi, vincendo a Latina, di tornare in B. Altri tempi, altri sfottò, quasi mai violenza tra tifoserie acerrime rivali.
    Un caro saluto al protagonista ed eroe presilaquilateatina
    bye

  52. pescara ha detto:

    Gran belle storie Germano. Era un tempo in cui la gente manco se lo chiedeva chi era il Presidente del Pescara. Saluti a presilaquilateatina. Ma ci legge?

  53. nemicissim0 ha detto:

    Chietini, che gente…nel periodo in cui aprì IKEA, mi trovai a cena con alcuni amministratori locali del Colle. U o di questi stava totalmente in cascetta perchè IKEA, pur essendo in territorio di Chieti, si chiamava IKEA PESCARA… rofl …e – ancora più pazzesco a dirsi – si lamentava del fatto che nella sottostante rotatoria c’erano più segnali stradali (bianzcazzurri… laugh ) che indicavano Pescara che Chieti…Io me ne uscii suggerendo di scrivere al ministero dei trasporti per far cambiare i segnali stradali da biancoazzurri a neroverdi. Ma si può raccontare?

  54. biancazzurri ha detto:

    Chite? E che é? Dove sta? laugh