A BUON INTENDITOR… (02/09/2023)
05/09/2023
VE LO SIETE PERSI? A.k.a. “MARINELLI PIU’ ANCORA”!
07/09/2023

Riceviamo e pubblichiamo – 

Il rituale della domenica era sempre lo stesso.
Dopo un pranzo frettoloso, io e mio padre, a bordo della Fiat Ritmo blu, andavamo al Circolo Tennis dove, ad attenderci, c’erano “Cecio” Palpacelli, ex ala destra biancazzurra degli anni ’50, e suo figlio Roberto, astro nascente del tennis italiano. Giusto il tempo di un caffè e poi… dritti verso i cancelli della Tribuna.
Io, con la tessera da giocatore delle giovanili del Pescara, e mio padre, con quella federale da ex arbitro di serie B e C, saltavamo la fila.

Prima della partita, a tenerci compagnia era la voce dello speaker dello stadio, Wando Timoteo, che dopo la lettura di sponsor e formazioni concludeva con il classico e beneaugurante rituale:

“Sempre e solo… FORZA PESCARA”.

Al termine di ogni partita casalinga, noi quattro restavamo ancora qualche minuto sulle gradinate superiori ad ascoltare dalla radiolina i risultati finali delle squadre avversarie. Io e Roberto facevamo a gara per raccogliere i fogli ormai sgualciti dei giornali, lasciati dagli spettatori dopo averli utilizzati a mo’ di cuscino. Carta straccia che serviva per accendere il falò e riscaldarci momentaneamente. Era il 1982…

Pochi anni dopo, lasciai la tribuna Maiella per andare allo stadio da solo in curva Sud. Trascinai con me altri amici ed insieme fondammo il club “Sturmtruppen – I Ragazzi della Sud”.


Un campionato vissuto con partecipazione e coinvolgimento emotivo

…La domenica mattina, niente più caffè al Circolo Tennis, ma solo meticolose preparazioni di composti chimici per realizzare grossolani fumogeni. La formula era: un chilo di zucchero e due chili di nitrato di potassio, acquistato al Consorzio agrario.
La pozione magica veniva introdotta allo stadio all’interno di lattine per l’olio d’auto, che il mio benzinaio di fiducia mi faceva trovare vuote ogni sera.
Beata gioventù…
Bruno Barteloni “Guaranà”

P.S.: nel ringraziare Bruno “Guaranà” per il suo contributo, precisiamo che il contenuto rappresenta sempre e solo un’espressione dell’autore e non impegna il punto di vista del sito 40mila.it. Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare a tutti i tifosi biancazzurri che questo sito “appartiene” ai tifosi stessi della Pescara Calcio: sono pertanto benvenute proposte di ulteriori contributi. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

40mila.it

1115 GIORNI di SERIE C, 4563 di PRESIDENZA SEBASTIANI
Condividi su:

Lascia un commento

20 Comments

  1. chamape66 ha detto:

    Bruno, ti ricordi quando siamo andati a Napoli al seguito della Sisley pallanuoto? Se non mi sbaglio c’era anche il tuo amico Stefano…abbiamo buttato 1 bottiglia di vetro fuori dal finestrino,senza coscienza…la primo autogrill l’autista del pullman dietro di noi ci accusò che avremmo potuto fare una strage )🙄😏

  2. ilfigliodel36 ha detto:

    I 5 minuti su 95 di coro dalla nord di contestazione nel secondo tempo sono stati abbastanza o pochi? Chiedo per conto dei contestatori da tastiera (:sarcastic:)

  3. draculone ha detto:

    Mitico Johnny

  4. johnny blade ha detto:

    Sí.
    Poi arriva una traversa di Incocciati e nella agitazione della folla assiepata gli tirai un paio di gomitate sulla panza e come si piegó in avanti presi mio fratello e ci infilammo qualche metro più in là. Mio fratello non capí nulla della situazione e nulla gli dissi.
    Ricordo il freddo che faceva allora, i veri inverni milanesi, le sbarre dietro la porta e i tifosi in oiedi. Che bello che era San siro.

  5. nemicissim0 ha detto:

    Johnny, ma stavi da solo, a 12 anni, con fratello piccolo a San siro? (:no:)

  6. johnny blade ha detto:

    Da piccolo mi sono trovato un pedofilo dietro di me a San Siro dietro la porta. Ero con il mio fratellino. Avevo 12 anni. Era dicembre e c’era Milan USSR di Lobanowsky, amichevole…

  7. nemicissim0 ha detto:

    Johnny, scrivine uno anche più breve: “da piccolo andavo allo stadio e poi tornavo a casa” 😀

  8. johnny blade ha detto:

    Bel racconto: breve e conciso.

  9. nemicissim0 ha detto:

    Con tutti questi under, sicuramente Zeman formerà dal nulla 3 o 4 campioni.

  10. tusciabruzzese ha detto:

    … certo un po’ debolucci in fase difensiva sugli esterni del centrocampo a 4 …
    (:wacko:)

  11. tusciabruzzese ha detto:

    Pazzesco, sto notando solo ora che gli under 22 di questa stagione 2023/24 fanno una perfetta formazione a sé per il 3-4-3! Con falso nueve …
    (:shock:)

  12. tusciabruzzese ha detto:

    A proposito di “Beata gioventù” (la locuzione con cui Guaranà chiude), di under 22 ne abbiamo a volontà, ma non sugli spalti … SUL CAMPO!
    😀
    Ciocci, Moruzzi, Floriani, Staver, Squizzato, Manu, De Marco, Dagasso, Cangiano, Accornero, Masala!
    Bruno, ci rifacciamo un Club Sturmtruppen in Curva Sud?
    (:mosking:)

  13. nemicissim0 ha detto:

    Tuscia, concordo. Un fumetto pacifista e antimilitarista, ma con garbo e senza ostentazioni. Bellissime le scene in cui a parlarsi sono le croci dei soldati caduti.

  14. vecchiock ha detto:

    Anch’io ero membro degli Strurmtruppen al loro tramonto. Sono amico d’infanzia di Guaranà. Se non erro era il 1985
    Rispetto ad allora Bruno è diventato assai pavido. Ma è sempre un gran simpaticone.

  15. tusciabruzzese ha detto:

    OT: comunque la striscia Sturmtruppen rimane anch’essa mitica
    (:sarcastic:)

  16. nemicissim0 ha detto:

    Anch’io ricordo gli Sturmtruppen in curva sud. Quanto allo striscione Uragano, mi ricollego a quanto diceva nell’altra news UKDolphin: mi pare che comparve per un po’ di tempo anche in tribuna, gradinata superiore lato nord.

  17. draculone ha detto:

    Anch’io li ricordo. Adesso mi avete fatto avere un flash, e gli SKIZZATI chi li ricorda?

  18. tusciabruzzese ha detto:

    Gli Sturmtruppen! Bel ricordo …
    E colgo l’occasione per una riflessione: solo su questo sito, dopo la calata del grande solope……com, si possono purtroppo ormai leggere e vengono trattate e rilanciate, certo limitatamente alla necessaria e dovuta delicatezza, equilibrio e rispetto, cose sensibili o emotive o sentimentali del tifo organizzato, passate e attuali.
    E questo, penso, avvicini i tifosi più tiepidi, mantenendo vive e presenti le immagini sul tifo organizzato, che c’era o che c’è.
    Peccato che non si faccia anche altrove …

  19. chamape66 ha detto:

    Grandissimo Bruno…che splendidi ricordi di gioventù…mi ricordo benissimo degli Sturmtruppen