INFO BIGLIETTI MESSINA-PESCARA
13/03/2023
RAFIA: UN TURNO DI SQUALIFICA
14/03/2023

Pubblichiamo un contributo così come trasmessoci dall’autore –

Come ha correttamente ammesso anche Zeman nel post-gara, non ci sono state molte differenze, in termini d’intensità e gioco, fra il pareggio interno della scorsa settimana con la Juve Stabia e la vittoria di ieri contro la Gelbison. Il calcio, si sa, non è una scienza esatta e stavolta, semplicemente, è andata meglio per il Delfino, che torna finalmente alla vittoria e si riprende il terzo posto in solitaria, giacché il Foggia si è dovuto arrendere, in trasferta, all’Avellino.
In prospettiva, gli obiettivi per il tecnico boemo sono quelli di blindare la terza piazza e recuperare la squadra dal punto di vista fisico e psicologico, per giocarsi poi i play off da protagonisti.
Nel frattempo, ieri, abbiamo potuto osservare come, in base alla sua enorme esperienza, sia stato in grado di cambiare le carte in tavola durante i novanta minuti, modificando in corsa uomini e assetti, riuscendo infine a conquistare l’intera posta in palio. Non ha atteso il termine del primo tempo per mandare lo spento Delle Monache sotto la doccia, inserendo quindi anche Lescano nell’intervallo, al posto di un inconsistente Vergani. Per inciso bene aveva fatto, probabilmente, a lasciare l’italo-argentino in panchina dall’inizio, per fargli intendere che da lui si aspetta molto più di quanto fatto vedere nel match precedente, nonostante la doppietta. I risultati si sono poi visti, con il cannoniere biancazzurro autore della rete decisiva e Kolaj, subentrato al giovane attaccante locale, forse migliore in campo. Insomma, la squadra è la stessa, ma è già riuscito a condizionare il risultato con i giusti accorgimenti, cosa che mancava del tutto, o quasi, al suo predecessore.
Qualche tifoso ha voluto anche ricordare che ieri ricorrevano i 160 anni dalla nascita di Gabriele D’Annunzio e come, forse, il Vate sia riuscito, con il suo carisma fuori tempo e immateriale, a bloccare l’eventuale rimonta della Gelbison. Non indaghiamo oltre, ma di certo è bello pensare che quando il Pescara gioca il 12 marzo, una forza in più scenda in campo insieme ai giocatori.
Mercoledì si torna in campo per l’ultimo turno infrasettimanale della stagione, alle 14:30, in quel di Messina, per affrontare i siciliani, al momento terz’ultimi e in piena lotta per non retrocedere. Domenica prossima, poi, stesso orario, si ritorna all’Adriatico, per ospitare la Turris, anch’essa collocata nelle zone basse della graduatoria. Due gare fondamentali per consolidare l’attuale posizione e mostrare quei progressi finora sperati e attesi, ma ancora inespressi.

Fabio Ros

P.S.: nel ringraziare Fabio Ros per il suo contributo, precisiamo che il contenuto rappresenta sempre e solo un’espressione dell’autore e non impegna il punto di vista del sito 40mila.it. Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare a tutti i tifosi biancazzurri che questo sito “appartiene” ai tifosi stessi della Pescara Calcio: sono pertanto benvenute proposte di ulteriori contributi. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

 

40mila.it

1077 GIORNI di SERIE C, 4525 di PRESIDENZA SEBASTIANI
Condividi su:

Lascia un commento

4 Comments

  1. benitino1936 ha detto:

    A Agropoli ci sono stati altri cori contro Sebastiani. Qualcosa si sta muovendo.

  2. ilfigliodel36 ha detto:

    Ma cosa c’entra D’Annunzio? Chiedo per il calcio

  3. OsvaldoSoriano ha detto:

    Di Kolaj credo vada apprezzato il fatto che abbia capito subito come deve muoversi, soprattutto senza palla. Ovvio che l’unica grande giocata è la prodezza di Lescano. Ma Kolaj è parso già ben inserito. Avast con D’Annunzio. Sta diventando una palla al piede per la città. Pare che in 160 anni non siamo stati culturalmente capaci di produrre altro. Del resto se tutte le energie e i soldi si spendono nelle sue commemorazioni, diventa difficile.

  4. vitabiancazzurra ha detto:

    Mahhh Kolay migliore in campo ?? avrò visto un altra partita Cosa ha fatto di così brillante 2-3 passaggetti al compagno vicino forse