ZAURI SI DIMETTE! SQUADRA EQUIVOCO TATTICO – SOCIETA’ COLPEVOLE ANCH’ESSA
20/01/2020
MA L’OBIETTIVO NON ERANO I PLAYOFF?
21/01/2020

SCIBILIA, 1° maggio 1929-20 gennaio 2013

Nell’anniversario della scomparsa del “Commendatore” Pietro SCIBILIA, già Presidente del Pescara (1987-1989; 1991-2004), riceviamo e pubblichiamo – 

“CARO PIETRO, SE POTESSI TORNARE INDIETRO…”

Tante interviste, molte chiacchierate in privato. Piacevoli conversazioni che mi emozionavano. Non sei mai stato un banale interlocutore e la tua presenza a volte mi metteva a disagio. Spesso mi sono chiesto cosa ci facesse quell’anziano signore in compagnia di un ragazzino come me. Un rapporto basato sul profondo rispetto reciproco, paragonabile a quello di un nonno premuroso con il suo nipote prediletto. Ti stavo simpatico e lo percepivo dal tono pacato delle tue parole, dalla disponibilita’ che hai sempre dimostrato, da quella confidenza che entrambi ci siamo concessi.

Al tuo fianco ho vissuto il mio periodo più bello sotto il profilo umano e professionale.

Uomo d’altri tempi,

Commendatore della Repubblica Italiana, con quella tempra tutta meridionale che ti ha sempre contraddistinto. Portato in trionfo e rispedito all’inferno da una tifoseria che oggi ti rimpiange.

Scibilia, Marino e Galeone (la 2a promozione con “Il Profeta”)

Hai sempre accettato le critiche, ma non le offese che hanno ferito il tuo stato d’animo mai rimarginato. Pugnalate che hanno colpito anche me per come sono state inferte e spesso ho provato a “farmi” scudo in tua difesa. Ma il calcio, come la vita, è crudele e riserva ai posteri le gioie più belle.

La tua esistenza moralmente ineccepibile ha conquistato la promozione in Paradiso.

Caro Pietro, se potessi tornare indietro ti abbraccerei con le lacrime agli occhi, come feci al fischio finale di Pescara-Udinese.

Che Dio ti abbia in gloriA. TVB

Bruno Barteloni “Guaranà”

Palladini, Scibilia, Borgonovo

P.S.: nel ringraziare Bruno Barteloni “Guaranà” per averci inviato il suo contributo, cogliamo l’occasione per ricordare a tutti gli utenti che sono benvenute proposte di articoli. A tal fine, è possibile utilizzare la mail di contatto info@40mila.it (anche raggiungibile dal link nel menù principale in alto).

Lascia un commento

19 Comments

  1. Seccia Impavida ha detto:

    Basta anche solo la retrocessione

  2. draculone ha detto:

    Non mollera’ mai, solo il fallimento ce lo togliera’ di torno

  3. alex74 ha detto:

    bhe se non c’era repetto che ti portava pillon due anni fa non ti salvavi. cull sta ancor j cummattenn con calori o l’allenatore della privamera di turno. Ammetto che fino a qualche mese fa avevo sperato in un suo cambiamento, specialmente per quello che riguarda l’aspetto caratteriale, ma purtroppo mi sono rassegnato. cuss l’unica bbon che po fa ora come ora è farci retrocedere e mollare l’osso. E’ brutto da dirlo ma è cosi. Oppure teniamoci sti campionati anomini e senza senso con 1000 spettatori sugli spalti e madama la marchesa come diceva qualcuno.

  4. nemicissim0 ha detto:

    Sono d’accordo con Alex, anche se non capisco a chi si riferisce quando parla di gente competente. Non penso ai presunti “direttori sportivi” dei quali neppure voglio fare i nomi. Forse Repetto, che ha buon occhio per i giocatori. Ma alla fine è sempre cullù che ha fatto il mercato, in base alle logiche che sappiamo. A volte gli è andata a culo, a volte no. Qualche merito gli va comunque riconosciuto, ma è il metodo di fondo che è sbagliato: affari economici e basta, progetto sportivo del tutto secondario. Scibilia operava al contrario, ma è anche vero che erano tempi non paragonabili agli attuali e soprattutto il commenda aveva soldi suoi da metterci. Non esisteva fair play finanziario, controlli ecc. Situazioni non paragonabili.
    433 offensivo: se cullù farà dipendere la scelta dell’allenatore dal risultato secco della prossima partita, siamo al ridicolo. Programmazione non più…semestrale ma quotidiana.

  5. alex74 ha detto:

    Scibilia una uscita infelice fece, quella di verona, e glie la fecero pagare fino alla fine. E’ vero che nella sua era lo stadio si svuoto’ lo stesso ma se paragoniamo le due presidenze sono agli antipoti. Prima per fare una squadra o cacciavi la moneta o ti stiv alla cas e scibilia di moneta ne ha cacciata veramente una freca. Forse gli si rimproverava la sua non pescaresita’ ma col senno di poi posso dire che era molto piu’ pescarese lui che sta gentaglia che va girando mo. Cullu’ secondo me ha avuto solo una freca di culo. E’ stato bravo a prendere gente competente vicino a lui che ha fatto squadre decenti con 0 euro. Si è fatto terra bruciata di tifosi, tranne la curva e quando poi sbagli i risultati sono questi. La gente ti fa pagare tutto e forse è giusto cosi perche’ come si dice La superbia andò a cavallo e tornò a piedi.

  6. 433offensivo ha detto:

    Anche io penso che i caso di risultato e prestazione positiva e convincente della squadra a Udine, le grottaglie sarà promosso. Oramai conosciamo tutti il modus operandi della società

  7. antateavanti ha detto:

    Basta pensare a Manni Alberti Bonetto P.P. Marino lo stesso Andrea Jaconi scopritore di talenti,Lucchesi, l’unica sola è stata Galigani persona non trasparente .
    Ora nell’era di cullu solo dipendenti anche se Repetto capisce di giocatori ….ma se le nozze coi fichi secchi sono un po’ difficili….
    Riguardo la vicenda esonero di Zauri ….io credo che Le Grottaglie siederà in panchina cil Pordenone, e il capostazione se non perdiamo vuoi vedere che rifà’ la minchiata di Epifani 2 ….

  8. Max1967 ha detto:

    L’ attuale dirigenza non ha lo spessore umano, tecnico ed economico per essere paragonata all’era Scibilia…è sufficiente partire dai direttori sportivi…

  9. galassiapescara ha detto:

    Grande uomo e presidente .

  10. pescarese1976 ha detto:

    A correzione…INCENSARE

  11. pescarese1976 ha detto:

    Lo ammetto anche io l’ho contestato pesantemente. La CURVA di quel periodo non perdonata nulla a chicchessia. Tempi andati che non torneranno. Preferisco non incendiare Don Pietro, anche lui ha avuto i suoi guadagni a Pescara (come giusto che sia). Siamo seri, Don Pietro non ebbe mai un bel rapporto con la CUVA. I motivi, sono tanti ma veramente tanti. Purtroppo la presenza ingombrante di Galeone non di certo lo ha aiutato. RIP Don Pie’

  12. AppressAluPscar ha detto:

    Sono stato tra quelli che lo ha contestato: in quel momento probabilmente era la cosa giusta da fare. Col senno di poi, forse anche perché è stato il presidente dei tempi di Galeone e dei grandi campioni, lo ricordo con nostalgia. Nel bene e nel male, è parte della nostra storia, e non certo la peggiore parte.

  13. vitabiancazzurra ha detto:

    Bravo cillon …quella tua sarebbe la frase giusta da apporre su una targa all’ingresso dello stadio Adriatico …altro che pescara ai pescaresi….una favola . Poveri noi illusi, ne abbiamo l’esempio pessimo fatto in casa . Dei tanti ricordi dell’epoca mi vengono in mente un acquisto e una vendita Agro Dolci….Esposito all Udinese per 7 miliardi che allora è stata tanta roba e la “sola”invece con 2 miliardi praticamente buttati nell’acquisto di Artico che nei 2 anni precedenti aveva fatto valanghe di gol in C e in B

  14. lapa ha detto:

    Non nascono NO spediscono ,maledetta tastiera

  15. lapa ha detto:

    Uomo di altri tempi di scorza dura ma dal cuore tenero …grande appassionato di tutto lo sport non dimentichiamo il suo impegno nel grande ciclismo con la Gis Gelati di Francesco Moser …gente come lui Rozzi Viola ….non spediscono più . Non che fossero stupidi e facessero beneficienza ma intanto nn avevano introiti extra come oggi è di sicuro ci mettevano Cuore e Passione cose sconosciute a gentaglia di presidenti di oggi dal Juve in giù.

  16. Io sinceramente l’ho sempre ammirato , ci ha fatto vedere grandi campioni , mi piaceva il suo carattere sanguigno , quando qualche arbitro ci faceva dei torti clamorosi andava davanti ai microfoni incazzato nero e diceva quello che pensava facendosi diffidare tante volte .
    Negli ultimi periodi però anche io mi sono lasciato andare , specie quando ho visto il Pescara in mano ai suoi successori .
    Chiedo perdono Commendatore
    CALABRESE CON ONORE A PESCARA CON AMORE

  17. 433offensivo ha detto:

    Grande uomo, grande presidente!

  18. draculone ha detto:

    Sono stato uno di quelli che purtroppo lo ha contestato. CHIEDO PERDONO