Gli arbitri della 15a giornata della Serie BKT
05/12/2019
COSI’ PARLO’ ZAURITHUSTRA, Decalogo § 15 (conferenza pre-Venezia)
06/12/2019

“LE ULTIME PAROLE FAMOSE”… ASPETTANDO I LAGUNARI

Aspettando la marea veneziana, durante la settimana Luca PALMIERO, Vincenzo FIORILLO, Mirko DRUDI, Matteo CIOFANI e Antonio BALZANO hanno fatto lavoro differenziato, mentre si sono sottoposti a terapie Andrea DI GRAZIA e Hugo CAMPAGNARO. Ieri, ha terminato anzitempo l’allenamento Elhan KASTRATI ed è stato a riposo Cristiano DEL GROSSO. Fuori sede Marco TUMMINELLO e Andrea MARAFINI. Com’è noto, Ivajlo ČOČEV si è sottoposto ad un nuovo intervento chirurgicoInsomma, non certo un insieme rassicurante dal punto di vista medico: vedremo cosa dirà ZAURI sulle convocazioni.

E stiamo per affrontare 5 gare in 3 settimane! Ma dalle dichiarazioni di MACHIN e KASTANOS traspare molta determinazione:

MACHIN
“purtroppo nel calcio a volte succede che chi gioca meglio o chi gioca di più non vince la partita: dobbiamo cancellare la partita di Perugia, estrarre le cose positive che abbiamo fatto e pensare subito alla partita di sabato che è molto importante.
E’ una stagione di cui, a livello realizzativo, sono molto contento, ma non penso alla doppia cifra: penso a fare bene per la squadra e aiutarla ad arrivare più in alto possibile.
Ho sempre pensato che il ruolo sulla trequarti è quello che più mi piace: bravo l’allenatore a capirlo e a mettermi là, ma anche bravi i compagni a trovarmi tra le linee. In questo modo riusciamo a fare un bel gioco e a vincere le partite.
Bisogna essere sempre più concreti: l’importante è vincere le partite, non come le vinci, perché alla fine se tu vinci nessuno guarderà come l’hai fatto; se tu perdi, invece, guardano come hai perso, com’è successo l’altro giorno Perugia. Quindi bisogna vincere, portare a casa i punti e alla fine questo è quello che conta.
Il Venezia è una buona squadra: una squadra tosta e che prova a giocare; quindi, bisogna stare attenti, prepararla al massimo e cercare di portare a casa i tre punti.
Sono consapevole delle potenzialità del Pescara, poi sarà il campo a parlare:

sono consapevole della nostra forza, del fatto che possiamo giocarcela con tutti.

Penso che questo campionato sia più equilibrato ancora di quello dell’anno scorso, quindi dobbiamo tirare fuori qualcosa in più, perché se lo facciamo possiamo toglierci grandi soddisfazioni.
Pescara è diventata casa mia? Sì, ormai questa è già la terza stagione che sono qua; quindi mi sento bene e sono tranquillo”.

KASTANOS
“Perugia? Purtroppo nel calcio si stanno pure le sconfitte: noi abbiamo provato fino alla fine a vincere. Abbiamo fatto una buona gara però alla fine non ci siamo riusciti. MEMUSHAJ ha ragione nel dire che bisogna essere meno belli e più concreti, perché nel calcio chi fa più goal vince. E’ bello tenere la palla, è bello fare tutto, però se non fai gol non vinci: allora prendiamo le cose buone che abbiamo fatto a Perugia, ma mettiamoci più cattiveria.

Quando sono arrivato a Pescara la prima volta ero un bambino;

ora sono ‘giovane’. Facevo un altro ruolo, ora sono più maturo: già dall’anno scorso, per sei mesi, ho fatto il play. Mi trovo bene, però ovviamente devo migliorare su tante cose, ad esempio la posizione quando non abbiamo la palla. Sono portato ad offendere, ma è normale perché non ho l’esperienza che mi consenta da un momento all’altro di essere spostato in altro ruolo e farlo subito bene come farebbe un esperto. Ma abbiamo il mister e tutto lo staff: ci aiutano in queste cose e noi siamo sempre in campo per migliorare.
Dal primo momento in cui sono arrivato a Pescara il mio obiettivo sono i play-off e la Serie A: non ho mai guardato alla salvezza, al fatto che dobbiamo salvarci, perché abbiamo una squadra per i play-off e lo stiamo dimostrando. Pian piano stiamo crescendo e troviamo sempre le misure giuste per affrontare le squadre, che sono tutte equilibrate: non ce n’è una tanto più forte delle altre. Abbiamo fatto 4 gol al Benevento: è stata una grande vittoria che ci aiuta ad andare sempre in campo per la vittoria.

La mentalità conta più di tutto, così come il gruppo:

abbiamo un grande gruppo, unito, con tanti giovani, ma anche “vecchi” che ti aiutano, perchè l’esperienza in una squadra serve sempre.
Il Venezia? Tutti gli avversari sono difficili, non c’è un avversario facile, però sabato cercheremo di vincere, come tutte le partite.
Il gol un po’ mi manca, però da quando faccio il play non devo pensare al gol: devo pensare a come far giocare bene gli  altri”.

40mila.it

Lascia un commento

22 Comments

  1. draculone ha detto:

    Visto che esiste “via chiarini”. Mo’fallo capire ad Alex cool

  2. draculone ha detto:

    Johnny, il mondo è “avariato” laugh

  3. johnny blade ha detto:

    Mo so scit e giù in via chiarini ci stev uno con la tuta della rube. Nu scuppat di un. Mo vicino alla rex natr co lo zainett della rube qui vicino alla rex..stev in bici..
    Qua si rischiano le stragi

  4. johnny blade ha detto:

    Sto andando all Aggippone

  5. Max1967 ha detto:

    bravo johnny

  6. johnny blade ha detto:

    No. Curva nord. Ma ero indeciso. Qualsiasi cosa avessi scelto avrei avuto da recriminare.

  7. draculone ha detto:

    Johnny, ando’ a la tribuna? laugh

  8. johnny blade ha detto:

    Fatt lu bijett

  9. draculone ha detto:

    Kastanos ha detto che “abbiamo un gruppo unito” rofl

  10. Io li facess ji a fatijaaaa…
    Noi ci mettiamo Amore , Soldi , Tempo e Sacrifici e voi a volte con tutti i soldi che prendete in campo molte volte mi sembrate delle signorinelle

  11. tusciabruzzese ha detto:

    Noi possiamo anche non leggerle le interviste ma speriamo che le legga Zauri dato lui non mi pare d’accordo con Kastanos che ha come obiettivo i play-off e la Serie A e che non guarda alla salvezza
    cool

  12. Max1967 ha detto:

    Non ci sono limitazioni per la tessera del tifoso quindi non dovresti avere problemi.
    Al limite compralo la mattina alla Voce dei Pescaresi

  13. johnny blade ha detto:

    SCUSATEMI MA iL BIGLIETTO posso COMPRARLO ANCHE DOMANI ALLO STADIO IO CHE RISIEDO A MILANO?

  14. Max1967 ha detto:

    Tanto non le leggo le interviste

  15. alex74 ha detto:

    Kastagnos tu impara a correre in campo. Su due gol loro andavi più lento di me dopo che mi so piat na seccia con 100 kg di peso.

  16. alex74 ha detto:

    Anche io abolirei ste interviste. Inutili come il gol della bandiera.

  17. pescara ha detto:

    Questi devono capire che sono dipendenti di una società che su di loro spende soldi e che quindi non ci possono essere cali d’impegno e partite insufficienti.

  18. draculone ha detto:

    Quante chiacchiere che poi rimangono tali quando vanno in campo. “Dobbiamo fare”, dobbiamo essere”, “bravo cullu'”(non CULLU’ originale), “bravo quell’altro” e poi quando c’è da dimostrarlo “tutte caz…e”

  19. nemicissim0 ha detto:

    Ma veramente date peso a quello che dicono questi giovanotti? “Pescara è casa mia”? “Chi fa più gol vince”? Interviste inutili, io abolirei la rubrica, a meno che non ci siano dichiarazioni inedite e clamorose. Quindi mai.

  20. tusciabruzzese ha detto:

    Machin, “Pescara è diventata casa tua” ors? Ma com’è che solo 10 mesi fa invece “casa tua” era in Emilia?

  21. draculone ha detto:

    Di certo ci sta una riabilitazione che ormai è al collasso. Sarà “contento” o “no” Cullu’? cool

  22. biancazzurri ha detto:

    Auà, tutti gli avversari sò difficili, nin ci stà uno facile, però sabato cercheremo di vincere, come tutte le partite…………
    Addò le so già sentite le sctesse parole parole parole precise precise? punish